Isola di Pasqua: la storia delle sculture misteriose

20.04.2019 0 Comments

L’isola di Pasqua combina fatti storici interessanti e misteri che non sono stati ancora completamente risolti. Unisciti a noi alla scoperta degli affascinanti segreti di uno dei luoghi più belli del mondo.

Isola di Pasqua — la storia della sua creazione

L’isola di Pasqua o Isla de Pasqua si trova nel mezzo dell’infinito Oceano Pacifico. Completamente solo, piccolo, ma pieno di divertimento. Appartiene ufficialmente al Cile e si trova a 3300 chilometri da questo paese, quindi i turisti di solito vengono sull’isola quando visitano la repubblica.

Nessuno sa con certezza chi per primo si stabilì qui e in quale periodo furono create le leggendarie statue con grandi teste. Alcuni archeologi sostengono che i primi coloni siano comparsi tra il 300 e il 1200 d.C., un tale divario suscita grandi dubbi e quindi molte domande tra viaggiatori e scienziati.

Statue dell'Isola di Pasqua sul prato

Antiche leggende raccontano di arrivi dalla Polinesia, quasi 400 persone salparono verso la costa di Anaken in due canoe, guidate dal condottiero Hotu Matua. Di per sé, questo evento dovrebbe attrarre, non solo la bellissima spiaggia con palme, sabbia bianca e le attrazioni dell’Isola di Pasqua.

La popolazione indigena viveva in grotte, case fatte di foglie di palma che ricordano una barca rovesciata. Secondo i dati storici, il territorio era occupato da dieci clan, esisteva un certo sistema di classi di governanti, sacerdoti, guerrieri e contadini.

Isola di Pasqua: la storia dei moai

Naturalmente, le più interessanti per i turisti sono le misteriose sculture locali incluse nella lista dell’UNESCO. Le statue sono scolpite nella pietra e si trovano su trecento altipiani di pietra. Si presume che siano apparsi tra il 1250 e il 1500 prima dell’arrivo dei marinai europei.

La maggior parte degli esperti associa il proprio scopo a vari rituali. In effetti, gli abitanti originari credevano che gli antenati che erano andati nell’altro mondo vivessero in una sorta di simbiosi, influenzando la vita, l’anima e la cultura dei loro seguaci. Enormi sculture moai venivano usate per comunicare con gli antenati, venivano adorate come divinità e in cambio ricevevano potere spirituale. Le statue stanno con le spalle al mare per proteggere i loro volti da tutte le avversità.

foto delle statue dell'Isola di Pasqua

Gli scienziati americani hanno escogitato una teoria diversa. Secondo loro, le statue moai si trovano dove c’è acqua dolce. «Ogni volta che registravamo una grande quantità di acqua dolce, c’erano delle statue in giro». — afferma il coautore dello studio, il professor Carl Lipo della Binghamton University di New York.

Ma c’è poca acqua potabile su quest’isola vulcanica nel mezzo dell’Oceano Pacifico. La sua fauna e flora erano seriamente minacciate di estinzione e le tribù erano letteralmente in competizione per il diritto di utilizzare una grande quantità di acqua pulita. Con l’arrivo dei colonialisti, che poi usarono gli indigeni come schiavi, ebbero un impatto negativo anche sulla conservazione della bellezza naturale originaria, ma l’isola rimase bella e attraente.

paese del cile

Le sculture in pietra si vedono meglio con i tuoi occhi. Assicurati di andare ad Ahu Vinapa, dove i muri di pietra ricordano Machu Picchu. Questa recinzione ha portato alla nuova idea che i primi abitanti provenissero qui dal Perù, non dalla Polinesia. Nelle vicinanze di Ahu Te Pito Kura ci sono moai alti fino a 10 metri, ciascuno del peso di 80 tonnellate.

Degni di nota sono anche i templi di Ahu Akhanga e Tongariki, la piattaforma più grande dell’isola con quindici statue. Nel 1960, a seguito di un terremoto, fu travolto da un maremoto che distrusse gran parte delle statue. Fortunatamente, sono stati completamente rinnovati nel 1992.

tramonto sull'isola

L’Isola di Pasqua non è solo una questione di statue, troverai anche molte altre attrazioni. Popolare, ad esempio, è la grotta di lava Ana Te Pahu, un rifugio per gli isolani, la cava di Puna Pau nel sud-ovest dell’isola, vicino al villaggio di Hanga Roa. Era una fonte di materiale per la realizzazione di gioielli e sculture. Ci sono 394 statue qui, una bellissima vista sulle aree verdi, sarà un’ottima aggiunta alla tua vacanza.

Un altro interessante cratere, Rano Kano con il suo meraviglioso lago, si trova vicino al villaggio di Orongo, il centro cerimoniale dell’Uomo-Uccello, il dio Tangat-uomo. Nel villaggio di Orongo troverai case in pietra uniche, incisioni rupestri sulla superficie dei massi.

Le Tavolette di Rongorongo, che erano conservate nei musei, apparvero proprio in questa terra. I misteriosi messaggi sulle 26 tavolette rimangono un eterno enigma, perché dopo la scomparsa dei governanti e dei nativi, non era rimasto più nessuno al mondo che potesse decifrare le loro parole.