Monastero di Rila — un edificio unico con una storia indimenticabile

старый монастырь фото
15.08.2019 0 Comments

Come già sappiamo, le zone montuose della Bulgaria sono molto attraenti per gli appassionati e gli amanti della natura. Le dimensioni del paesaggio, la bellezza dei laghi glaciali, l’aria inebriante dei verdi boschi daranno ai visitatori di questo angolo di paese una grande spinta, energia positiva, ma non solo, c’è una perla per chi è interessato alla buona storia.

Monastero di Rila — un santuario spirituale in Bulgaria

Se il tuo viaggio attraverserà la parte nord-occidentale della catena montuosa di Rila, da qualche parte al di sopra di un chilometro sul livello del mare, ti consigliamo vivamente di visitare l’antica Bulgaria: il Monastero di Rila. È profondamente venerato non solo dal popolo bulgaro, ma anche da molti cristiani ortodossi di tutto il mondo.

foto del monastero bulgaro

Il Monastero di Rila in Bulgaria è stato fondato alla fine del X secolo sotto il patrocinio del monaco Ivan di Rila. Nato nell’876 nel villaggio di Skrino, da una famiglia di genitori devoti. Dopo la morte del padre e della madre, distribuì i suoi beni ai poveri, fu lasciato a servire in un monastero ortodosso, dove ricevette un’educazione spirituale, dopodiché iniziò a condurre la vita da eremita.

L’eremita viveva in una grotta, i suoi giorni trascorrevano tra preghiere e digiuni. Secondo la tradizione, Ivan fu più volte sottoposto a varie tentazioni. Ma la sua fede era forte ed è uscito vittorioso da tutte le prove. I pellegrini andarono da lui, il santo sfamò gli affamati, guarì i malati. Alcuni di loro rimasero con lui, divennero suoi discepoli. Il monaco Jovan visse in montagna per oltre 35 anni e morì nel 946.

Prima della sepoltura, il suo corpo è stato coperto solo da un sudario per 40 giorni e non ha subito alcuna modifica. Il santo sembrava proprio che stesse dormendo. Discepoli e seguaci iniziarono a costruire un monastero in memoria dell’eremita. Le reliquie di Ivan Rilski sono il santuario principale, molti vengono da loro credendo nel potere miracoloso.

Il Monastero di Rila si estende su una superficie di circa 10.000 mq, e dall’esterno si presenta come un’antica fortezza inespugnabile. Al centro del cortile si trova la chiesa principale: la Chiesa della Natività della Beata Vergine Maria, costruita intorno alla metà del XIX secolo, ha cinque cupole e un corpo di guardia alto 24 m, che si compone di 6 piani. La chiesa conserva le reliquie di S. Ivan Rilski.

C’è un altro valore del monastero: l’icona miracolosa della Santa Madre di Dio Osenovitsa, che è anche chiamata Hodigitria o Pathokaz, sopra la quale si erge un’iconostasi in noce, decorata con intagli traforati. Le pareti interne ed esterne della chiesa sono ricoperte da affreschi colorati.

Sul territorio del monastero è presente un Museo Storico e Ecclesiastico con una ricca collezione di icone, oggetti religiosi e opere d’arte. Il reperto più prezioso è la croce scolpita di Raffaello, scolpita in legno di tiglio. Il monaco Raffaele vi lavorò per 12 lunghi anni, nella seconda metà del XIII secolo, usando i migliori coltelli, scalpelli e lenti d’ingrandimento.

Dopo aver terminato il lavoro, il maestro divenne cieco. Sulla Croce di Raffaello ci sono circa 104 immagini delle Sacre Scritture e più di 650 minuscole immagini. La biblioteca del monastero protegge i monumenti della scrittura bulgara: il Vangelo.

1577, libri manoscritti 11-19 st., prime edizioni a stampa, spartiti, incisioni. Intorno al perimetro del cortile del monastero si trovano edifici con 300 nicchie, quattro cappelle, un appartamento del mentore, cucine e una sala da pranzo. C’è un programma, determinati orari in cui i turisti possono visitarli.

Per secoli, il Monastero di Rila è stato alla base dell’identità del popolo bulgaro, della sua spiritualità e cultura. Nel 1983 ha preso il posto di diritto tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Penso che molti vorranno tornare in questo «pezzo di paradiso».