Guida turistica di Nairobi

24.04.2019 0 Comments

Nairobi, la capitale del Kenya con 2,7 milioni di abitanti e la città più grande dell’Africa orientale. Nairobi si trova a circa 150 km dall’equatore, ad un’altitudine di 1600 metri. Una città dal clima mite e gradevole, situata in un paesaggio incantevole tra le colline del monte Ngong da un lato e l’aperta savana del Parco Nazionale dall’altro.

Se eri in safari, puoi «fare rifornimento» a Nairobi: qui troverai banche, uffici di cambio, missioni diplomatiche, medici, ospedali, farmacie, librerie, negozi di alimentari, Internet cafè, ristoranti con una varietà di cucina nazionale di tutti i continenti .

Il nome della capitale deriva da Enkara Nyrobi in lingua Maasai, che significa «luogo dell’acqua fredda». Il triangolo tra Uhuru Highway, Haile Selassi Avenue, Tom Mboya Street e University Path forma il centro della città. È dominato da edifici alti e moderni con vetri riflettenti, facciate in acciaio, edifici per uffici, ministeri, negozi, hotel di lusso. Sfregiando il paesaggio urbano è dove un’enorme bomba ha distrutto l’ambasciata americana.

foto della città di nairobi

Più a nord si trovano l’università, la stazione radiofonica e televisiva nazionale, uno degli hotel più antichi e nobili del Norfolk e, infine, il Museo Nazionale. Ci sono altri hotel e ospedali di lusso a ovest dell’Uhuru Expressway e del parco. Dietro di loro ci sono Kilimani, Upper Hill, Hurlingham, le zone residenziali della classe media nera. Dietro le colline di Nairobi, la zona residenziale più antica d’Europa, si trovano le zone residenziali dei ricchi.

Vacanze a Nairobi

Nairobi è una città cosmopolita. Ospita africani provenienti dalle vicine Etiopia, Somalia e Uganda, la maggior parte dei quali sono rifugiati, asiatici e britannici. Palazzi nobili nel parco, con giardini tropicali, piscine, scuderie, campi da tennis, circondati dalla servitù: ecco come appare Nairobi nel sud-ovest, nel quartiere più elegante che è ancora riservato esclusivamente all’alta borghesia bianca. All’altra estremità della scala sociale ci sono i quartieri di Eastleigh e Pangani, abitati solo da africani.

Le più grandi baraccopoli sono le valli Matara e Kibera. I loro abitanti non compaiono nelle statistiche ufficiali. Si stima con cautela che un milione di persone vivano nelle baraccopoli, senza elettricità, senza acqua, senza servizi igienici, senza futuro. Alta disoccupazione, povertà, emarginazione della società: tutto questo è il motivo dell’alto livello di criminalità.

foto di elefanti

Intrusioni, attentati, furti d’auto fanno parte della quotidianità. Gli abitanti dei quartieri migliori si nascondono dietro filo spinato, sistemi di allarme ed evitano il più possibile il centro cittadino. Molti si sono trasferiti ai margini, soprattutto a ovest. Negozi, caffè, ristoranti, bar: un nuovo centro è stato fondato a Westland.

Sicurezza

Certo, puoi muoverti per Nairobi senza timore di attacchi diretti, a patto di prendere alcune precauzioni. Orologi costosi, gioielli, portafogli dovrebbero stare nella cassaforte dell’hotel, non camminare per la città la sera, ma prendere un taxi. Alcune aree come River Road, Uhuru Park dopo il tramonto, Matare Valley e Kibera dovrebbero essere evitate.

Vacanze a Nairobi

Arboreto di Nairobi. Il parco si estende per 30,4 ettari e si trova a 3 km dal centro cittadino. Fondata nel 1907 dal Sig. Battiscombe, Vice Conservatore delle Foreste. L’area è stata principalmente utilizzata per la coltivazione sperimentale di specie arboree esotiche. Oggi nell’arboreto sono presenti oltre 300 tipi di specie arboree esotiche e locali. Oltre alle razze di scimmie Sykes e Vervette, qui vivono più di 100 specie di uccelli migratori e residenti. Il giardino è considerato un luogo ideale per fuggire dal caos cittadino. Nei fine settimana sul suo territorio si tengono pic-nic e coloratissimi servizi all’aperto.

Il David Sheldrick Wildlife Fund. Il parco, che prende il nome dal fondatore e primo direttore dello Tsavo East National Park, è stato istituito per proteggere elefanti e rinoceronti dal bracconaggio. Salvato, allevato 200 elefanti, dieci rinoceronti. Un vero e proprio asilo nido è attrezzato per i piccoli elefanti, dove vengono forniti loro cure professionali, e successivamente i ragazzi fanno conoscenza con gli adulti del parco. Ogni giorno dalle 11:00 alle 12:00 puoi guardare gli elefanti che vengono nutriti, i loro bambini che giocano nel fango.

Parco Nazionale. Situato a pochi minuti di auto dal quartiere centrale degli affari della capitale. Le vaste pianure erbose sullo sfondo di grattacieli urbani e sparsi cespugli di acacia ospitano un’ampia varietà di fauna selvatica, tra cui il rinoceronte nero in via di estinzione, leoni, leopardi, ghepardi, iene, bufali, giraffe e uccelli, di cui oltre 400 specie sono state scoperte e registrate… I visitatori possono fare un picnic, campeggiare e passeggiare sui sentieri.

Giraffe Center Park a Nairobi

Museo Ferroviario. Il Nairobi Railway Museum è stato inaugurato nel 1971 e gran parte del merito della sua creazione va al suo primo curatore, Fred Jordan, della East African Railway. Rendendosi conto della velocità con cui avvengono i cambiamenti in questo sistema, ha visto la necessità di mantenere quanti più legami possibili con il passato. Il Fred Museum ha iniziato a raccogliere gli oggetti che formeranno il nucleo della meravigliosa collezione moderna.

Il Museo ferroviario di Nairobi fornisce risposte a molte domande relative al primo sviluppo del Kenya, costituito da diverse parti: una galleria principale, un centro risorse, un auditorium, una collezione aperta di locomotive e vagoni.

Museo Karen Blixen. La casa in cui la baronessa danese Karen Blixen ha trascorso 17 anni come coltivatrice di caffè è famosa in tutto il mondo per aver girato la sua autobiografia Beyond Africa. Nella casa e nel giardino ai piedi del monte Ngong sentirai com’era la vita dei coloni all’inizio del secolo scorso. Nonostante il fatto che la biografia di Karen sia conosciuta all’estero, quasi nessuno la conosce in Kenya.

Centro Giraffa. Nel 1979, Jock Leslie-Melville e sua moglie Betty iniziarono ad allevare giraffe Rothshibld in via di estinzione nella loro casa. C’erano circa 120 Rothschild in natura, che differiscono dalle altre sottospecie in quanto non hanno uno schema sotto il ginocchio. Puoi accarezzare, nutrire dalla tua mano e persino baciare questi simpatici animali dietro un’alta staccionata di legno.

Puoi goderti la cultura e la tradizione visitando i mercati locali dove puoi acquistare gioielli, souvenir fatti a mano con intagli in legno, tessuti luminosi, borse in pelle di cammello. Si consiglia di provare i piatti nazionali al ristorante Amaica. La cucina vegetariana indiana è rappresentata dal ristorante economico Chowpaty. Al Carnivore Kenya, i kebab vengono serviti un minuto dopo la cottura.

Nairobi è la vera perla dell’Africa, ricca di meraviglie naturali e specie animali rare. Ci sono ancora più attrazioni qui di quelle che abbiamo descritto, ad esempio, dovresti anche vedere la One Off Contemporary Art Gallery Ltd., una grotta hobbit con opere di famosi artisti contemporanei. In breve, non ti pentirai del tuo tempo a Nairobi.