Guida di viaggio di Pechino

25.04.2019 0 Comments

Pechino era un tempo il centro della cultura mondiale, nel suo paese i Mongoli e i Manciù governavano la maggior parte dell’Asia orientale. Oggi la città è il centro politico e culturale di un quinto dell’umanità, che è circa il doppio dell’intera Europa. Templi, palazzi, tradizioni incarnano i segreti raccolti della Cina, sorprendendo i viaggiatori che vengono.

Pechino porta tante sorprese che si ripetono ad ogni nuovo ritorno, ma chi mette piede per la prima volta sul suolo cinese vive un vero shock.

Su un’autostrada infinitamente pianeggiante, guidi dall’aeroporto oltre grattacieli senza volto e cartelloni pubblicitari come bastioni del capitalismo, e alla fine atterri in un hotel, dove nella migliore delle ipotesi ci sono alcune decorazioni tradizionali, come una coppia di leoni di pietra, quando li vedi, ti rendi conto che non è solo sbarcato in Canada o in Australia, ma in Cina.

Vacanze a Pechino: un po’ di storia

Oggi Pechino è sostanzialmente composta da tre parti, che si ignorano quasi completamente. Da un lato c’è la città dell’era imperiale con palazzi imperiali, altari, templi conservati, vecchi quartieri residenziali costituiti da edifici a un piano caratteristici di Pechino. Si è conservata fin dall’antichità la disposizione dei rioni stretti con strade lunghe, diritte, inizialmente poco larghe e un labirinto di vicoli stretti.

La seconda parte di Pechino è la regione socialista degli anni ’50 e ’70. Lo vediamo in edifici monumentali ma non particolarmente alti in stile sino-stalinista, edifici prefabbricati poco appariscenti, sul Boulevard est-ovest infinitamente lungo e largo che attraversa la città.

La terza Pechino, ancora una volta completamente diversa, appare oggi come una struttura aggressivamente disseminata di grattacieli riflettenti, vetrine rumorose, autostrade. In nessun altro luogo in Europa dagli anni ’80 l’edilizia è stata più attiva di qui. Lo sviluppo relativo ai Giochi Olimpici del 2008 ha raggiunto il suo apice.

I due impianti sportivi costruiti divennero subito famosi nel mondo per l’indimenticabile comparsa dei «cubi d’acqua» (per lo stadio del nuoto), dei «nidi d’uccello» (per lo stadio nazionale) e oggi sono una delle migliori attrazioni del paese.

foto delle strade di Pechino

Altri grandi edifici, come il Teatro Nazionale o la sede della Televisione di Stato, sono così impressionanti che la maggior parte dei turisti li ha visti nelle fotografie molto prima di visitare la capitale.

Le ondate di distruzione di vecchi edifici dal 1990 al 2008 si sono in qualche modo indebolite, in primo luogo, perché non ne erano rimaste molte, e, in secondo luogo, la protezione ambientale è stata introdotta in alcune parti del centro storico della città. Una conseguenza di ciò è che in alcuni luoghi anche grandi edifici inagibili dell’era Mao vengono sostituiti da nuovi e più piccoli edifici.

Vacanze a Pechino

Nelle strade, i mercati, gli uffici, le scuole, le fabbriche, la tradizione e il presente si riflettono in migliaia di scale. Al mattino, i residenti si riuniscono nel parco per una passeggiata, altri fanno ginnastica dopo la discoteca. Davanti a vecchie case fatiscenti ma ancora confortevoli, vecchi siedono su minuscole sedie, piegati su un set di scacchi.

Nel frattempo, un nuovo tempio o un hotel di lusso è in costruzione accanto. Alcuni residenti hanno scelto zone remote per vivere, mentre i giovani scelgono luoghi più vicini ai bar karaoke e alle discoteche. Le periferie sono collegate da una rete metropolitana.

Per quanto riguarda la cultura e la civiltà cinese classica, qui sono particolarmente sentite. Il Palazzo Imperiale con i tetti gialli ricurvi, le colonne rosse, i cortili bianchi è un capolavoro architettonico di grande bellezza.

Le collezioni d’arte rappresentano l’eredità culturale di tre millenni, gli altari del passato testimoniano la principale preoccupazione dell’antica civiltà cinese: i cicli armoniosi tra il maschile, che aspira allo yang, e il femminile, che affoga nello yin.

Notiamo un fatto interessante: la folle costruzione di alloggi, la rapida crescita della prosperità nel corso degli anni ha creato una grande richiesta di opere d’arte costose. Questo dà agli artisti un ulteriore incentivo per attrarre talenti stranieri nella capitale.

Inoltre, è interessante anche la possibilità di utilizzare il vasto territorio di Dashansi, dove prima i capannoni della fabbrica erano vuoti, e ora è stata progettata qui la moderna galleria 798 Art Zone. Quando nel 2002 galleristi dall’estero vi hanno aperto filiali, Pechino si è affermata come un centro artistico di fama mondiale.

corpi idrici a Pechino

Oltre all’economico, c’è anche il creativo. Gli artisti cinesi sono estremamente creativi, hanno qualcosa da mostrare. Molti di loro sono ormai conosciuti in tutto il mondo. Ad esempio, la sorridente bocca gigante della figura di Yue Minjun è ricordata anche da chi non è particolarmente interessato all’arte.

luoghi d’interesse

Pechino ospita un gran numero di imponenti palazzi, templi e musei. In cima alla lista c’è la Città Proibita della contea di Doncheng. Durante le dinastie Ming (1403 — 1644) e Qing (1644 — 1911), qui si trovava la corte imperiale. Oggi è uno dei castelli più famosi di Pechino che attrae molti turisti.

La piazza più grande del mondo, Tiananmen, si trova a Dongzhen. Questa è una vasta area circondata da edifici governativi. Qui troverai la President Mai Memorial Hall, il Museo della Rivoluzione Cinese.

Il Tempio del Cielo è considerato un simbolo di Pechino e si trova vicino all’area di Cheonwen. L’imperatore veniva qui ogni anno, pregava per un buon raccolto e condizioni climatiche favorevoli. Intorno al tempio c’è un grande parco pubblico. È un ottimo posto per rilassarsi sotto gli alberi secolari.

foto Pechino

Se vuoi viaggiare fuori Pechino, la Grande Muraglia cinese è una destinazione popolare e può essere raggiunta in un’ora di treno. Poiché il numero di turisti qui è sempre molto elevato, è consigliabile pianificare molto tempo per l’escursione. Il muro in realtà è costituito da quattro muri separati, costruiti in tempi diversi, l’inizio della costruzione fu guidato dalla dinastia Qin nel 221 a.C. e terminato dalla dinastia Ming nel 1644.

Non c’è niente di meglio del mercato delle pulci di Panjayuan nei fine settimana, i mercati della seta si trovano a Yashov e Xuzhui, oltre ai tessuti, ci sono anche artigianato, vestiti, accessori, borse da viaggio.

Vacanze a Pechino

Quando si pianifica una vacanza a Pechino, è necessario ricordare che i nomi delle destinazioni sono indicati in caratteri cinesi e la mappa della città potrebbe non essere rilevante, poiché sta crescendo a una velocità incredibile e molti segnali diventano obsoleti anche prima della fine. dell’intera circolazione delle carte. La metropolitana di Pechino è il modo più semplice per esplorare i quattro distretti della capitale. Per una corsa più piacevole, evita gli ingorghi perché i treni sono molto affollati a quell’ora.

foto dei templi di Pechino

Prima di salire su un taxi, assicurati di utilizzare il tassametro e di prendere un’altra macchina se sembra rotta. Se stai entrando dalla periferia, non arrabbiarti con l’autista che ti ha lasciato vicino al centro, molto probabilmente non ha la patente per questa zona.

Infine, un piccolo avvertimento: rifiuta di acquistare oggetti d’antiquariato a buon mercato, possono essere rubati. Inoltre, non comprare avorio, coccodrillo o altra pelle animale; avrai problemi al momento del check-in in aeroporto e capirai secondo la legge cinese.