Guida turistica di Gerusalemme

29.04.2019 0 Comments

La capitale di Israele, nonostante il suo ruolo enorme nella storia umana, sembra essere una città estremamente angusta e compatta. Almeno dal punto di vista dei visitatori che vengono qui ogni anno. La città più grande del paese, per dimensione, conta meno di 800.000 abitanti, ma ciò non le impedisce di essere la più visitata e la più diversificata.

Situata in alto, a quasi sessanta metri sul livello del mare, la capitale può far ridere chi pianifica i propri viaggi senza controllare le condizioni meteorologiche. Il clima mediterraneo è generalmente caratterizzato da estati calde e senza pioggia, ma la differenza di temperatura tra il giorno e la notte è abbastanza evidente. Inoltre, le precipitazioni cadono qui sotto forma di pioggia e neve in inverno. Da qui consigliamo di controllare le previsioni meteo prima della partenza.

Vacanze a Gerusalemme

La cittadina sul sito dell’odierna Gerusalemme è menzionata nei testi egizi già nel XX secolo a.C. Secondo la leggenda, fu creato nel luogo in cui Abramo offrì il suo sacrificio a Dio. I fondatori dell’attivo sviluppo della città furono Davide e suo figlio Re Salomone, sotto il successore dell’Arca apparve il patto di adorare gli ebrei.

Nel 63 a.C la città fu conquistata dai romani, affidando il potere ad Erode il Grande. Il governo incompetente del figlio di Erode costrinse i romani a prendere il controllo di se stessi. Intorno all’anno 30, Gesù Cristo fu condannato e crocifisso per aver governato e diffuso insegnamenti, dopodiché Gerusalemme divenne la culla del cristianesimo.

Una rivolta senza successo contro i romani portò alla distruzione del tempio nel 70 dC e all’espulsione degli ebrei, che rimasero nella diaspora per quasi duemila anni. Con la conversione dell’imperatore Costantino ad un’altra religione, la legalizzazione del cristianesimo nel 313, la capitale fu completamente ricostruita. Inizia la costruzione della basilica cristiana, luogo di pellegrinaggio. Nel 637 Gerusalemme si arrese all’esercito musulmano.

foto di gerusalemme

Papa Urbano II invitò i cristiani a far rivivere la città, ma quasi tutti gli abitanti subirono un brutale bagno di sangue nel 1099. Per quasi novant’anni Gerusalemme fu capitale del Regno di Lachin.

Dopo 100 anni, il sovrano Saladino contribuì a ripristinare la prosperità perduta, ma nel XIII secolo l’area cadde sotto il dominio dei Mamelucchi d’Egitto e nel 1517 i turchi ottomani e il loro impero si unirono. Gerusalemme perse la sua importanza perché divenne una provincia. Dopo 300 anni, il sultano permise ai musulmani di stabilirsi nel suo territorio, quindi l’aumento della popolazione contribuì alla crescita dell’area.

Dopo la prima guerra mondiale, Gerusalemme divenne la capitale del mandato britannico di Palestina. Dopo la creazione dell’Israele indipendente, la città fu divisa. La Città Vecchia e Gerusalemme Est si trovano al confine con la Giordania. Israele ha dichiarato la sua parte di Gerusalemme capitale. Tuttavia, la maggior parte dei paesi ancora non lo riconosce.

principali attrazioni

I luoghi più sacri delle tre maggiori religioni, le principali attrazioni turistiche si trovano nel centro storico, circondato da mura cinquecentesche con sette porte, 34 torri. All’interno delle strade strette, battute e trafficate tra i quartieri musulmani, cristiani, ebrei e armeni, la strada conduce al luogo più importante: la collina del mondo.

Secondo la storia, questo è il biblico Monte Moria, dove Abramo avrebbe dovuto sacrificare Isacco. Qui Salomone costruì un tempio per l’Arca dell’Alleanza. La collina odierna occupa una vasta area, circondata da un muro con le sette porte dell’Haram al-Sharif, e sopra di essa si ergono due moschee, particolarmente importanti per i musulmani. Il primo è Kubbat as-Sachra del VII secolo, che nasconde la Roccia Sacra, il luogo del sacrificio di Abramo.

Accanto ad essa si trova la Moschea Al-Aqsa, il più grande tempio musulmano in Israele, dello stesso periodo. I pii ebrei non entrano in Piazza del Tempio, perché da qualche parte lungo il suo perimetro c’era il sito del Tempio Santissimo, a cui solo l’Altissimo aveva accesso.

cronache cristiane
Cronache cristiane a Gerusalemme

Per i cristiani, il luogo più sacro è la Basilica cristiana del Santo Sepolcro. Il primo tempio fu costruito da Costantino il Grande sul sito, secondo la tradizione cristiana, sul monte Golgota, dove Gesù fu crocifisso. L’attuale edificio fu costruito durante il regno crociato di Gerusalemme. All’interno della basilica, il luogo più importante è la tomba di Gesù, il luogo della resurrezione.

Le aree musulmane e cristiane sono collegate dalla santa Via Dolorosa cristiana. Secondo la leggenda, qui Cristo fu condannato alla crocifissione. A sud, dietro la Porta di Sion sul monte Sion, si trova il Tabernacolo, la stanza dove Cristo e gli apostoli ebbero l’ultima conversazione. È anche la prima chiesa cristiana.

La Porta d’Oro Orientale, oggi murata, conduce al Centro Storico, al Monte degli Ulivi. Questo è un altro luogo santo per i cristiani. Nel Giardino del Getsemani cresce uno degli ulivi più antichi del mondo. In cima al monte c’è l’Ascensione di Gesù Cristo, a ricordo della chiesa dell’Ascensione del Signore.

Dopo aver visto le principali attrazioni, una passeggiata per i musei non sarà superflua. Il Rockefeller Museum è uno dei più importanti curatori archeologici. Qui sono mostrati gli scavi in ​​pietra fino al XVIII secolo. La maggior parte dei reperti risalgono ai tempi biblici.

Il Museo di Israele e il Tempio del Libro è il principale complesso museale del paese, che offre un’introduzione ai più antichi rotoli biblici di Qumran, scritti 2000 anni fa sulle rive del Mar Morto. Il Museo di Arte Islamica offre una collezione di disegni, gioielli, armi, dipinti e gioielli islamici.

foto dell'ombrello di Gerusalemme

Vacanze a Gerusalemme: shopping e ristoranti

Il grande afflusso di pellegrini rende Gerusalemme una meta particolarmente ambita per souvenir e oggetti religiosi. La maggior parte dei negozi e dei chioschi con questo tipo di prodotto si trova in strade strette. È meglio comprare pellicce e vestiti nella zona di Talpiot. Di fronte al Rockefeller Museum è stato aperto un vero mercato arabo. Il più grande bazar ebraico che offre prodotti alimentari è Mahane Yehuda a New Town.

Dopo aver visitato i negozi e i mercati, puoi riposarti nei caffè o nei ristoranti locali. Ad esempio, il ristorante Abu Ali è uno dei più frequentati, dove vengono serviti hummus, pasta di piselli macinati e ceci con olio d’oliva. La cucina armena è stata presentata a Yerevan.
Situato non lontano dal Muro Occidentale, il Quater Cafe serve un’ampia varietà di piatti kosher, comprese insalate e opzioni per il pranzo.

Vacanze a Gerusalemme — divertimento

A causa del carattere della città, luogo di pellegrinaggio di tre religioni e di una grande comunità ebraica ortodossa, Tel Aviv è molto meno popolare in termini di intrattenimento. Tuttavia, quasi tutto l’anno si tengono vari eventi, ad esempio a maggio e giugno è possibile assistere a un festival, concerti, spettacoli di danza.

Le danze ebraiche tradizionali sono disponibili per i turisti presso l’YMCA, arabo presso l’International Youth Cultural Center. Ci sono molti club musicali a Novi Grad. Molti musicisti di strada si esibiscono in Ben Yehuda Street.

Gerusalemme, nonostante il suo volto conservatore e il suo grande patrimonio storico, non è solo una città sommersa nel passato. Esci dalle mura del centro storico per vedere una capitale diversa e vivace con grandi musei, nuovi ristoranti e caffè. Certo, non è così divertente come a Tel Aviv, ma la capitale si adatta costantemente ai turisti ed è pronta ad offrire intrattenimento anche divertente in uno dei club.