Caffè turco: la storia della sua origine

кофе в турции
04.05.2019 0 Comments

La Turchia, un paradiso per gli amanti del caffè. Ci sono molti caffè dove puoi ordinare caffè turco e baklava, o altri dolci, la scelta è davvero ampia. Certo, puoi anche ordinare altri tipi di bevande: espresso, cappuccino, latte e così via, ma capisci, il caffè turco è un argomento speciale.

«Perché il caffè turco è così interessante? Personalmente non capisco, è versato così tanto che ti sporchi solo la bocca. «- questo è il pensiero tipico dei dilettanti del caffè e la parola chiave qui è «non capisco». È come parlare di espresso, «non basta».

Ebbene, certo non basta, perché la cultura del bere il caffè espresso implica che lo berremo a piccoli sorsi, gustando ciascuno di essi. Lo stesso vale per il caffè turco, lo beviamo a piccoli sorsi con baklava dolce, è un piacere.

Eppure la domanda interessante è: come è turco? » È certo che il caffè non cresce in Turchia, il che significa che ha preso il nome non per ragioni geografiche. Qual è allora la natura dell’origine di un tale nome? Il metodo di saldatura può svolgere un ruolo chiave? Torniamo indietro nella storia.

Supponiamo che tu viva da qualche parte in Bulgaria nell’anno 1800… un anno squallido e stavi guardando i giannizzeri seduti accanto al fuoco e fare il caffè, cosa ne pensi? Caffè turco! — È? Ma c’è stato un tempo in cui il paese non sapeva di questa bevanda e di come cucinarla. Ciò significa che qualcuno ha «spiato» questo metodo e si scopre che è semplicemente un nome europeo per un metodo di produzione della birra.

In effetti, i commercianti siriani portavano liquori nel paese; a quanto pare hanno anche mostrato come preparare la birra. Così, grazie ai mercanti itineranti, sia i grani stessi che il metodo di produzione della birra (in una nave che chiamiamo turca) si diffusero in tutto l’Oriente.

Ecco perché è più corretto chiamare caffè orientale. Ma poiché in Turchia esistono già tradizioni secolari di produzione della birra, apparecchiare la tavola mentre si beve il caffè, possiamo giustamente chiamare questo metodo turco.

Per quanto riguarda alcune caratteristiche, come l’aggiunta di un po’ di sale in cottura o l’aggiunta di spezie. O semplicemente cucinare nella sabbia. Tutte queste tradizioni sono alquanto arbitrarie. Se cucino, macinato quasi in polvere in un forno turco sul fuoco, e non sulla sabbia e senza aggiungere spezie, non significa che non sarà turco.

Lo stesso si può dire per la sabbia, su cui deve essere preparato il caffè per essere turco. Del resto i mercanti itineranti non avevano aggregati o fornelli elettrici, cucinavano quando accendevano il fuoco sul posto, o sulla brace o sulla sabbia calda del fuoco. È tutta una tradizione.

Ora quasi tutti i bar hanno una macchina, quindi devi ancora cercarla sulla sabbia o sul carbone dove viene cucinata. Se sei in Turchia, assicurati di fermarti per una tazza di caffè, bevi lentamente, godendoti il ​​gusto e l’odore. E non dimenticare il baklava.