Città di Tokyo: storia della creazione

движение на дороге япония
05.07.2019 0 Comments

Metropolis Tokyo non è bello. Dal momento che la città è morta spesso in incendi e bombardamenti, è improbabile che sia rimasto qualcosa di vecchio. Visitare Tokyo significa vivere l’influenza di una metropoli moderna.

Già nel 18° secolo, più di un milione di abitanti fecero di Tokyo la città più grande del mondo; oggi, un quarto della popolazione giapponese vive in una regione metropolitana. Metropolitane affollate, rumore costante e pubblicità lampeggiante fanno parte della storia della vita di tutti i giorni. Anche la paura della prossima distruzione è onnipresente.

Storia di Tokyo — Villaggio di Edo

I segni lampeggiano, la musica pop giapponese ad alto volume risuona dai portici, il cielo è appena visibile tra i grattacieli: chiunque si trovi nel mezzo di Tokyo oggi può difficilmente immaginare che 550 anni fa c’erano solo un castello e poche case. Edo, come veniva chiamata allora la città, apparve per la prima volta sulle pagine dei libri di storia nel XII secolo, quando un uomo di questo periodo costruì una casa fortificata vicino alla confluenza dei due fiumi Hirakawa e Sumida, definendo il luogo «la foce del il fiume.»

Tuttavia, l’anno effettivo di fondazione della metropoli odierna è il 1457. Quindi il principe Otadokan costruì un castello nel luogo in cui si trova oggi il Palazzo Imperiale. Un ponte su un fiume, alberi sullo sfondo e un edificio con tetti aguzzi e decorati. Il Palazzo Imperiale si trova sul luogo della fondazione di Tokyo.

foto del giappone

Dopo quasi 300 anni di storia, il piccolo insediamento divenne la città più grande del mondo, già a metà del 18° secolo vi abitavano circa un milione di persone. Le ragioni della sua rapida crescita sono legate alla sua posizione geografica, con Edo Bay che offre una protezione migliore rispetto a un porto di mare aperto. Questo luogo è anche lontano dalla terraferma dell’Asia e non può essere raggiunto da veloci invasori come i Mongoli.

Inoltre, le strade attraversano l’est, il nord e le montagne dell’attuale regione di Tama. Il leader dei samurai Shogun Toyotomi Hideyoshi realizzò questi vantaggi già alla fine del XVI secolo e trasferì la sede del governo da Kyoto. È qui che iniziò a fiorire la Tokyo odierna, che fu ripetutamente distrutta da incendi.

Storia della città di Tokyo

Come racconta la storia di Tokyo, nel 19° secolo le truppe dell’imperatore e dello shogun combatterono per la supremazia in Giappone. Lo shogun era considerato il capo della casta dei guerrieri samurai, ufficialmente governata dall’imperatore. Tuttavia, nel tempo ha guadagnato il potere, diventando il capo di stato de facto.

Quando le truppe vinsero nel 1868, l’ultimo shogun lasciò il castello, dopo di che l’imperatore Meiji vi si trasferì. D’ora in poi, Edo fu chiamata Tokyo o la «capitale orientale» (Kyoto significa «capitale»), sostituendo ufficialmente Kyoto come capitale. Tuttavia, Kyoto in precedenza aveva perso il potere politico ed era al potere solo formalmente. Durante l’era Meiji, Tokyo si aprì alle influenze occidentali, furono usati autobus trainati da cavalli, in seguito furono costruiti tram, case di pietra e la moda occidentale era considerata chic.

distruzione sismica

Storicamente parlando, anche Tokyo ha vissuto anni difficili. Il 1 settembre 1923 un grande terremoto a Kant ne distrusse la maggior parte. Gli incendi infuriarono per tre giorni, 140.000 persone morirono e 132.000 case furono distrutte.
La ristrutturazione è durata sette anni e ha dato a Tokyo un nuovo volto. Questo è stato un vantaggio disastroso per l’adattamento delle infrastrutture di Tokyo alle automobili e ai tram. Ad esempio, la città di Tokyo ha deciso di costruire strade larghe.

Ma il prossimo disastro non era lontano. Nel 1945, gli aerei militari americani bombardarono la capitale del Giappone nazista e ci furono 100 raid aerei. L’incendio a rapida diffusione distrusse nuovamente gli edifici, causando 145.000 vittime.

Molte persone hanno già trovato un posto sicuro, si sono trasferite in campagna con i loro parenti. La ricostruzione è stata sorprendentemente veloce. Nel 1955, sei milioni di persone vivevano a Tokyo, dieci anni dopo il loro numero raddoppiò.

La mega città di Tokyo

Nel 2014, quasi 38 milioni di persone vivevano nell’area di Tokyo, di cui 9,2 milioni vivono vicino al centro città. Ciò significa che un quarto della popolazione giapponese vive su poco meno del quattro per cento della superficie del paese. Ciò è particolarmente evidente per coloro che viaggiano durante l’ora di punta della metropolitana. Con 800.000 aziende a Tokyo, un numero incredibile di persone è costretta ad andare al lavoro la mattina presto e tornare a tarda notte.

in mezzo alla folla, non tutte le persone controllano le proprie mani; ancora una volta ci sono denunce di donne che sono state palpeggiate nella metropolitana. Pertanto, la direzione ha introdotto carrozze con fiori rosa che possono essere utilizzate solo dalle donne.

Il pericolo per la vita si annida sottoterra: quando diverse placche terrestri si incontrano sotto il Giappone, i terremoti scuotono nuovamente l’area intorno a Tokyo, ma di norma sono più piccoli e non causano gravi danni.

Dal momento che non ci sono state ricorrenze importanti dal terremoto di Kanto del 1923, e di solito si verificano a un ritmo di 60 anni, i residenti di Tokyo si aspettano un altro disastro nel prossimo futuro. Indicazioni di comportamento corretto di fronte a una nuova minaccia sono presenti in ogni guida nazionale e nazionale.

Il cliché di Tokyo a Shibuya

La capitale Tokyo è divisa in 23 distretti. Sono autonomi, hanno una propria amministrazione, eleggono anche un sindaco e sono divisi in più parti minori. Ginza è considerata la più elegante. Nelle vie dello shopping si trovano solo marchi costosi e soprattutto occidentali.

città notturna

Il grande magazzino Matsuzakaya è stato il primo a consentire ai clienti di entrare senza prima togliersi le scarpe. La sera, Ginza si trasforma in una zona della vita notturna, ma solo per persone con il giusto reddito. Perché sono rappresentati solo club e ristoranti costosi.

Per questo i giovani giapponesi si incontrano la sera. Questa zona è perfetta per i cliché di Tokyo: insegne al neon lampeggianti, sale giochi rumorosi, bar karaoke, schermi giganti sui grattacieli e il passaggio pedonale più trafficato del mondo.

Statua della Libertà nella città di Tokyo

Il quartiere più giovane di Tokyo è l’isola artificiale di Odaiba nella baia di Tokyo. Sebbene il governo di Tokyo abbia già avviato l’estrazione artificiale del suolo a metà del XIX secolo, l’odierna Odaiba è stata completata nel 1979 e a metà degli anni ’90 è diventata un centro per l’intrattenimento e lo shopping.

La spiaggia artificiale offre una vista particolarmente bella su Tokyo. Dopo solo pochi metri, ti sentirai improvvisamente nella città sbagliata: la Statua della Libertà non alza la sua torcia così in alto come nel cielo di New York, ma rimane comunque impressionante.

Tokyo ha molto di più da offrire oltre ai quartieri alla moda, alle imitazioni occidentali. Dopo una passeggiata nel tranquillo Parco Yoyogi con i suoi alberi ramificati, parti dei quali sono state create per le Olimpiadi del 1964, raggiungerai il Tempio Meiji. Fu costruito nel 1912 dopo la morte dell’imperatore Meiji e ricostruito nel 1958 dopo essere stato quasi completamente distrutto durante la seconda guerra mondiale.

In quanto tale, manca del carisma dei vecchi santuari e templi che si possono trovare in tutto il Giappone, inclusa Tokyo. Ma questo luogo di pace è un piacevole contrasto con i segni luminosi, il suono forte e costante.