economie dei piccoli paesi

зеленые доллары
17.08.2019 0 Comments

Le economie dei piccoli paesi europei sono ben sviluppate grazie alla loro posizione turistica. Oltre al turismo, i paesi dipendono dal settore dei servizi, dall’industria, dall’agricoltura è considerata marginale, solo una piccola percentuale della popolazione è occupata o non esiste affatto, le cosiddette città-stato: Gibilterra, Monaco e il Vaticano.

Economia europea

Viaggiando attraverso l’Europa, non puoi fare a meno di notare piccoli paesi affascinanti che possono essere tranquillamente aggirati in pochi giorni. Se stai guardando al cambio di residenza, la proposta breve panoramica della situazione economica di questi paesi ti aiuterà, come vettore di riflessione. Chi vive in questi paesi? Ti presentiamo una breve descrizione storica nell’articolo sui piccoli paesi d’Europa.

Popolazione dei paesi

Nei micropaesi la maggior parte della popolazione vive in città e sono urbanizzate, l’unica eccezione è il Liechtenstein, che è ancora considerato un carattere «rurale». I paesi piccoli tendono ad essere etnicamente diversi, ad eccezione dell’isola di Malta, dove domina una nazionalità.

Come religione dominante in Europa, è il cattolicesimo. L’enfasi principale è sull’apprendimento, elevando il livello di istruzione, come dimostrano le università di Andorra e San Marino, create negli ultimi anni.

Il Liechtenstein è leader nell’economia di mercato

L’economia altamente efficiente e di libero mercato del piccolo paese del Liechtenstein si basa sugli affari. Particolarmente sviluppato è il segmento delle società finanziarie, assicurative, di consulenza (consulenza), del commercio e del turismo. Le entrate di successo sono generate dall’emissione, dalla vendita di francobolli, dalla registrazione e dalla gestione di società estere con sede nominale.

Il Liechtenstein è leader nell'economia di mercato

L’attrattiva del Paese per questo tipo di attività è il risultato di aliquote fiscali basse, sistema giuridico stabile e trasparente e settore bancario. Lo stato dell’economia garantisce un basso tasso di disoccupazione, ad esempio nel 2011 era del 2,5 per cento, cioè c’erano effettivamente 463 persone senza lavoro, oltre al fatto che ci sono quasi tanti lavoratori occupati quanti residenti. .

Invidio i profitti dei cittadini del Liechtenstein in tutta Europa. Lo stipendio medio annuo del principato è di circa 71.000 franchi svizzeri, che al cambio odierno danno circa 74.000 dollari al mese, ovvero 4.250.000 rubli. Regime fiscale molto favorevole, imponibile fino a 24 mila franchi svizzeri e l’aliquota IVA di base è solo del 7,6 per cento!

Il sistema economico di Gibilterra

Gibilterra è una delle piccole aree economicamente molto sviluppate, il cui sistema si basa principalmente sui servizi e sulla piccola industria. Questa significativa crescita è possibile grazie alla localizzazione su una delle rotte marittime più trafficate del mondo, alle attività portuali connesse (appoggio nave, zona franca, stoccaggio, riesportazione di merci).

Il sistema economico di Gibilterra

Dopo il 1985, quando è stato aperto il confine con la Spagna, si è verificata un’improvvisa formazione di attività finanziarie, bancarie, assicurative e un intenso sviluppo delle vendite. Gibilterra sta diventando un centro sempre più importante per le negoziazioni e l’intrattenimento (casinò).

A causa del suo esotismo, il punto di transito tra le onde dell’Oceano Atlantico e del Mar Mediterraneo è il punto di partenza o di destinazione di molti turisti in cerca di viaggio.

Sede Monaco

L’economia del piccolo paese di Monaco si basa sul turismo, sui profitti dei casinò, sul settore bancario e immobiliare. Grazie alla normativa fiscale, molte banche estere, finanziarie, assicurative hanno la loro sede a Monaco, ad esempio il centro commerciale La Condamine, con le sue numerose aziende impegnate nei settori della gioielleria, profumeria, tabacco e alimentare.

Sede a Monaco

L’Ottocento può essere considerato l’inizio del turismo. I casinò fondati nel 1861 a Monte Carlo hanno contribuito a questo. Nel 1967 il Casinò assume la gestione del Principato. Attualmente, i ricavi di questa attività ammontano a circa il 5% del bilancio statale.

Ospitalità sammarinese

Da un punto di vista economico, San Marino è strettamente legato all’Italia, poiché questi paesi sono uniti da un’unione doganale. L’economia si basa sul settore ricreativo. Anche banche, filatelia, elettronica, tessile, ceramica svolgono un ruolo importante.

Turismo sammarinese

La piccola San Marino attrae turisti grazie a un gran numero di luoghi interessanti, alla possibilità di fare buoni acquisti, alla posizione favorevole del paese, a pochi passi dalle principali località della costa adriatica italiana (ad esempio Rimini).

L’economia moderna di Andorra

L’economia del piccolo paese di Andorra si basa sull’attività finanziaria. La favorevole legislazione fiscale e doganale, che crea condizioni favorevoli per lo sviluppo del commercio internazionale, lo rende molto conveniente. Molte aziende e banche si trovano qui. Lo stato ha il monopolio dell’industria del tabacco, delle telecomunicazioni e dei servizi postali.

La modernità di Andorra nell'economia

Dagli anni ’50, la ricreazione turistica è diventata una parte importante dell’economia di Andorra, portando fino all’80% delle entrate del bilancio del paese. Le regioni di montagna sono lo sviluppo di varie forme di intrattenimento di montagna. Andorra, in quanto paese con una lunga storia, ha conservato un ricco patrimonio architettonico e tradizione che ne costituiscono l’originalità.

L’economia di Malta e le sue caratteristiche

La posizione strategica di Malta al crocevia delle rotte commerciali e dei collegamenti mediterranei ha influenzato la ricca storia di questa piccola area, come dimostrano i numerosi monumenti e le attrazioni turistiche dell’arcipelago.

L'economia di Malta e le sue caratteristiche

Fino alla fine degli anni ’80, l’economia era unilateralmente dipendente dal turismo, che continua a svolgere un ruolo molto importante. I cambiamenti avvenuti all’inizio degli anni ’90 hanno contribuito al rafforzamento della cantieristica, dell’installazione di macchinari, attrezzature, automobili, tessili e calzature.

La scarsa qualità del suolo e l’elevata densità di popolazione costringono Malta a importare la maggior parte dei suoi prodotti alimentari. Il deficit commerciale rende il paese dipendente dai mercati esteri e dagli investitori.

Nonostante ciò, è supportato da capitali esteri che consentono l’apertura di filiali di società e banche estere (con trasparenza politica delle operazioni finanziarie per evitare il riciclaggio di denaro), con l’obiettivo di una prospettiva di lungo termine, la posizione dei centri regionali per le banche nel bacino del Mediterraneo si rafforza…

Il Vaticano è un approccio economico interessante

L’economia del Paese europeo — il Vaticano, principale centro di pellegrinaggio della cristianità, si basa sull’utilizzo del flusso turistico (biglietti per musei, souvenir e pubblicazioni) e sui proventi degli investimenti nel capitale proprio di banche estere.

Il Vaticano è interessante

Le fonti di reddito erano i contributi dei credenti di tutto il mondo, l’affitto di proprietà, l’emissione di francobolli e monete. Quasi tutte le voci di spesa, inclusi cibo, acqua ed elettricità, vengono importate.