Giacarta — storia della città, sviluppo della capitale

город джакарта
24.05.2019 0 Comments

Giacarta è la città più grande del sud-est asiatico che si sta sviluppando in modo dinamico. È il centro della vita politica, economica e culturale e appartiene ai cosiddetti città di importanza mondiale. Nonostante la sua natura globale, ha un suo carattere specifico e unico, che riflette la storia dello sviluppo del paese.

La capitale Giacarta — una breve storia della città

Fondata sulla pianura costiera del Mar di Giava all’inizio del XVI secolo, quasi tre secoli prima rispetto ad altre capitali. Nel 1527 passò sotto il controllo del Sultanato di Bantam e cambiò il suo nome in Jakarta. Un secolo dopo, nel 1619 per l’esattezza, fu occupata dagli olandesi, che costruirono una fortezza chiamata Batavia. Da allora sono trascorsi diversi secoli e la capitale divenne la sede della Compagnia Olandese delle Indie Orientali. Durante le guerre napoleoniche francesi e inglesi attaccarono e durante la seconda guerra mondiale i giapponesi. Dal 1949 è la capitale dell’Indonesia indipendente.

L’acquisizione dell’indipendenza accelerò lo sviluppo della capitale. In soli cinque anni la popolazione è cresciuta da 600.000 a oltre 1,7 milioni. Negli anni ’70 ha superato i 5 milioni e nel 2010 ha raggiunto i 9,6 milioni. La dinamica crescita demografica a spese dei lavoratori migranti che si stabilirono nei villaggi portò alla creazione di Bekasi, Depok, Tangerang e Selantan. Hanno formato un’enorme metropoli da Jakarta, la seconda area più popolosa di Jabodetabek (Jakarta-Bogorsky-Depok-Tangerang-Bekasi), dove vivono 28 milioni di persone.

La capitale Giacarta ha la minor diversità nella struttura etnica e religiosa. Le nazionalità predominanti sono giavanesi, bataviane e sundanesi, che costituiscono il 78% della città. Anche una quota significativa dei cinesi è dell’8,5%. La maggior parte degli abitanti sono musulmani (85,4%), i cristiani costituiscono il 10,7% dei credenti.

Giacarta — Storia della città e sviluppo industriale

Questo è il punto focale della vita economica e finanziaria dell’Indonesia. La maggior parte del potenziale industriale del paese si trova lì: industria automobilistica, elettronica, tessile, pelletteria, calzature, cibo. La capitale dell’Indonesia è collegata alla periferia tramite ferrovia e autostrada, ma questo non risolve i problemi di comunicazione. Le principali arterie che raccolgono tutto il traffico nelle ore di punta sono sovraffollate. È abbastanza difficile senza una metropolitana con un alto tasso di natalità, l’inizio del nuovo decennio è segnato dalla posa del futuro interscambio di trasporti, che si prevede di terminare presto.

Il centro è per lo più pieno di grattacieli con sedi di società e banche internazionali. Dall’esterno, Giacarta è dominata da edifici bassi. Dopo il periodo coloniale, la capitale Giacarta ne ha passate tante, ma solo la parte con il municipio e il vecchio porto di Sunda Kelapa ne conserva la memoria.