Hawaii: storia dello stato

море у берегов острова
06.07.2019 0 Comments

Negozi di fiori, surfisti abbronzati, paesaggi mozzafiato: le Hawaii sono famose per tutto. La diversità naturale delle Hawaii è davvero enorme, foreste pluviali subtropicali e lunghe spiagge si alternano a cupi paesaggi vulcanici pieni di fatti storici.

Molte specie di piante e animali esistono solo alle Hawaii, che si trova nel mezzo dell’Oceano Pacifico, a 3.860 chilometri dal Nord America. È composto da circa 130 isole e solo otto delle più grandi sono sviluppate: quasi 1,3 milioni di persone vivono qui.

Hawaii: storia dell’insediamento

Le prime persone alle Hawaii furono i polinesiani che si stabilirono nell’arcipelago intorno all’800 d.C. Alcune fonti parlano di una penetrazione ancora precedente dell’umanità in questo paradiso per i turisti. Ad oggi, rimane un mistero il motivo per cui i polinesiani dell’Oceano Pacifico meridionale hanno percorso 3.500 chilometri di mare aperto con le loro barche.

I nuovi abitanti portarono un sistema di organizzazione sociale stabilendo le cosiddette «Vecchie Hawaii» — una monarchia basata su un sistema legale che limitava il potere del sovrano. Un’altra caratteristica era che le persone credevano in innumerevoli dei nel corso della storia. Anche il navigatore britannico James Cook, quando sbarcò in una delle sue spedizioni sull’isola di Kauai il 18 gennaio 1778, era originariamente adorato come un dio.

foto della spiaggia

Quando si rese conto che la presunta divinità Cook era solo un uomo, fu tempo di conflitti e feroci scontri. L’esploratore alla fine morì sulla spiaggia nel febbraio 1779 dopo un altro attacco. L’ospite ha portato nel paese nuove piante, animali, ma anche parassiti e malattie. Durante 75 anni, 240.000 polinesiani morirono di influenza, colera, lebbra o malattie sessualmente trasmissibili.

Nel 1810, il sovrano polinesiano Kamehameha I salì al potere e, in feroci guerre, unì le grandi isole nel Regno delle Hawaii. Prima di allora, ogni isola aveva il suo sovrano. Il popolo lo ha adorato fino ad oggi come un sovrano di innovatori.

Stato delle Hawaii: paradiso rubato

Dopo la morte di Kamehameha I nel 1819, Kamehameha II. e sua moglie, la regina Kaahimani, erano orientate verso il mondo occidentale. Da allora, gli amministratori successivi furono fortemente influenzati dai pii missionari di Boston che arrivarono nell’arcipelago dopo il 1820.

strada liscia

Nel 1825 la danza hula fu bandita, le persone dovevano indossare abiti e nel 1840 fu introdotta la prima costituzione basata sul modello americano ed europeo. Quando l’ultima regina fu deposta nel 1893 dopo un colpo di stato, la storia della monarchia finì. Successivamente, la Repubblica delle Hawaii fu occupata e americanizzata dagli Stati Uniti, sostituendo l’hawaiano con l’inglese come lingua ufficiale. Il 21 agosto 1959, il presidente Dwight D. Eisenhower dichiarò ufficialmente le Hawaii il 50° stato degli Stati Uniti.

Il turismo come principale fonte di reddito per lo stato delle Hawaii

Gli americani hanno portato anche i turisti. Dal primo volo diretto dalla terraferma nel 1927, il numero di visitatori è in costante aumento. Il turismo ha gradualmente sostituito l’agricoltura come il più grande ramo economico e le Hawaii hanno già ricevuto milioni di turisti da tutto il mondo nel 1967.

Oggi quel numero si è stabilizzato: solo 7,5 milioni di visitatori all’anno. Secondo il Ministero dell’Economia e del Turismo delle Hawaii, circa due terzi dei turisti provengono dagli Stati Uniti, poco meno di un quinto dal Giappone e 100.000 dall’Europa.

Ai margini della società

La storia hawaiana dice che non esiste un’unica cultura. L’arcipelago è uno dei più grandi crogioli della terra. Oltre alla numerosa popolazione di immigrati, americani e asiatici costituiscono ancora il 24,2% della popolazione delle Hawaii. Tuttavia, solo l’uno per cento di loro è puramente polinesiano.

fotografia naturalistica

Gli hawaiani sono emarginati. La maggior parte di loro erano lavoratori agricoli, ma hanno perso il lavoro dopo la chiusura delle piantagioni nella prima metà del 20° secolo. Catturando il pesce, coltivando il taro, dalle cui radici si prepara il cibo tradizionale poi, la gente del posto non può vivere con dignità. Nuove fonti di reddito alle Hawaii: il turismo e l’industria del surf sono riservati ad americani e asiatici.

Questo sviluppo continua per diverse generazioni e la maggior parte appartiene a una classe sociale con alti livelli di disoccupazione e criminalità.

Rinascita delle tradizioni storiche

Molti hawaiani oggi si stanno organizzando per far rivivere la cultura delle «antiche Hawaii» guardando indietro alle loro tradizioni. Solo circa 38.000 isolani dominano ancora. Ora ci sono diverse scuole in cui viene insegnata solo la lingua hawaiana, i miti e le leggende degli dei. Le lezioni includono anche l’insegnamento ai bambini della forma tradizionale dell’hula, che descrive la storia delle Hawaii con i suoi passaggi successivi, non avendo nulla a che fare con le danze per i turisti.

Il movimento per l’indipendenza mira a separare lo stato delle Hawaii dagli Stati Uniti ripristinando la monarchia. Per anni l'»Akaka Bill» è stato discusso alle Hawaii ea Washington. Questa legge conferisce agli hawaiani gli stessi diritti degli indiani nordamericani, riconoscendoli come un popolo indipendente. Molti hawaiani vedono il loro futuro in questo.