I più grandi vulcani della terra

города рядом с вулканом
29.06.2019 0 Comments

Per millenni, le persone hanno vissuto sopra e accanto ai più grandi vulcani della terra. Se i pericoli posti dalle colline sputafuoco erano prima sconosciuti, ora sono spesso consapevolmente accettati. Ciò può essere dovuto alla mancanza di alternative. D’altra parte, anche i vulcani della Terra offrono molto.

I vulcani della terra: la casa degli dei

La maggior parte delle persone considera le montagne sputafuoco un santuario per i loro dei. Nella mitologia greca, l’isola vulcanica di Limno era la sede del dio del fuoco Efesto. I romani chiamavano il loro dio Vulcano, come dice la leggenda, aveva una fucina proprio sotto l’Etna. Il suo nome diede il nome attuale alle montagne di fuoco.

Gli Aztechi, che vivevano nell’America Centrale vulcanicamente attiva, erano guerrieri molto feroci e sacrificavano facilmente le persone adorando l’ardente Huehueotl. I prigionieri furono bruciati vivi per salvare la capitale Tenochtitlan da presunti incendi. Secondo la credenza hawaiana, all’interno del cratere del vulcano Kilauea vive una dea del fuoco che maledice chiunque voglia prendere un pezzo di roccia dall’isola di montagne come Pele.

I vulcani più grandi: forza e aiuto dal profondo

Oltre al significato mitologico, i più grandi vulcani della terra, prima o poi, dovevano servire a scopi più prosaici. Alcune migliaia di anni fa, la popolazione del pianeta poteva vedere gli aspetti positivi delle rocce.

Le persone dell’età della pietra non conoscevano strumenti di metallo che potessero tagliare bruscamente. Per questo motivo, le lame di ossidiana vulcanica erano molto richieste. Affilati correttamente, erano affilatissimi. Coloro che si stabilirono nella regione ricca di ossidiana potevano diventare molto ricchi attraverso il commercio e le imprese stabilite.

vulcani dell'isola

Nelle isole Canarie della Palma, gli indigeni Guanci hanno già costruito le loro case con roccia lavica fredda ma facile da lavorare. In Cappadocia, in Turchia, i residenti hanno scavato tufo morbido dai camini delle fate creati dall’erosione per costruire case, chiese, depositi di cibo. Ancora oggi, tali depositi sono utilizzati in molti luoghi per la produzione alimentare.

La regione francese dell’Alvernia è famosa per i suoi formaggi aromatici che maturano nelle grotte del vulcano. La città italiana d’alta quota di Orvieto, costruita su roccia di travertino, utilizza prese d’aria cave, quasi verticali per conservare il famoso vino bianco Orvieto Classico.

Energia della terra: la prima stazione geotermica

L’inizio del XIX secolo fu segnato dall’opera dell’industriale francese François de Larderel, che visitò la «Valle del Diavolo» toscana. L’attività vulcanica qui è impressionante. Crepe nel terreno, sorgenti termali, cumuli di fango bollente emettono vapori contenenti l’elemento chimico boro.

Questo straordinario imprenditore riuscì per primo a produrre dal vapore acido borico pregiato, che veniva utilizzato, ad esempio, come disinfettante e nella produzione di occhiali da vista.

Per non sprecare troppa legna, ha portato il calore naturale delle sorgenti che alimentano le sue caldaie, creando un acido unico: il primo utilizzo dell’energia eruttiva per la produzione. Nel 1912 fu costruita la prima centrale geotermica nel villaggio intitolato a Larderel.

L’Italia è ancora oggi uno dei maggiori produttori di energia dalle viscere della Terra. Ma altri paesi non si sottraggono al progresso e lo stanno recuperando a un ritmo accelerato. In Islanda, l’energia geotermica influenza fortemente tutta l’elettricità nella nazione insulare.

Quasi il 90 per cento delle famiglie riceve energia da impianti geotermici. Solo Cina, USA, Svezia ne producono di più. Anche la Germania usa questo tipo. Oltre ad alcune centrali già installate, molte altre sono in costruzione o sono in programma. Soprattutto nel contesto della riduzione dei combustibili fossili, l’energia sta diventando un importante pilastro della produzione di energia da fonti rinnovabili.

Il terreno fertile dei vulcani della terra

Merapi sull’isola indonesiana di Java è uno dei vulcani più pericolosi al mondo. È costantemente in ebollizione, minacciando continuamente di scappare. Tuttavia, migliaia di persone si stabiliscono sulle sue pendici. Anche dopo l’evacuazione, come nel 2006, tornano sempre da lui, non volendo abbandonare i campi particolarmente fertili nell’atmosfera del vulcano. Questo fenomeno può essere visto ovunque. Durante le eruzioni, le montagne infuocate rilasciano minerali che sono fertilizzanti naturali per l’agricoltura.

paese con i vulcani

Anche dopo devastanti eruzioni che ricoprono il terreno con un solido strato di lava, il terreno si riprende. Il sole, il vento, l’acqua e il gelo alla fine rompono la roccia. Il risultato è un sottile strato di terreno minerale che trattiene bene l’acqua.

In alcune regioni climatiche del mondo, gli agricoltori possono piantare e raccogliere su questi terreni tre volte l’anno, grazie al clima caldo e umido. Per questo motivo, la maggior parte dei contadini poveri accetta consapevolmente il pericolo rappresentato dal vulcano più grande.

riserve naturali

Diversi paesi hanno aperto grandi riserve naturali intorno al vulcano, che sono diventate il principale rifugio per specie animali e vegetali in via di estinzione. Ad esempio, il Parco Nazionale Americano di Yellowstone conserva popolazioni di bisonti, orsi e lupi, che ora si sono praticamente ripresi. Nelle Isole Galapagos, rare tartarughe giganti e iguane sono protette dalle influenze esterne.

Le Isole Canarie potrebbero anche coltivare foreste in cima alle pendici della Palma, Tenerife. La vera Arca di Noè è il cratere di NgoroNgoro in Tanzania, scomparso due milioni di anni fa. È una delle ultime specie africane in via di estinzione che è in pericolo a causa della forte colonizzazione dell’area.

Tale area protetta potrebbe essere di grande interesse per gli scienziati. Dopo l’eruzione del grande vulcano Helens nel 1980, le autorità ambientali statunitensi hanno completamente chiuso intere aree per renderle accessibili alla scienza.

Da allora, è stato osservato che la flora e la fauna si sono rievolute dopo un’epidemia simile. Quindi questo più distruttivo ha avuto del bene. In questo laboratorio di ricerca a cielo aperto si possono trarre importanti conclusioni sullo sviluppo della vita sul nostro pianeta.