Il paese più piccolo d’Europa

фото европы
03.06.2019 0 Comments

I paesi europei più piccoli sono: Andorra, Malta, San Marino, Liechtenstein, Monaco, Vaticano. Inoltre, c’è una certa autonomia in alcuni stati dell’Unione Europea: le Isole Faroe, Gibilterra, le Isole del Canale e il Maine.

Il più piccolo paese europeo

Le Isole Faroe, con una superficie di circa 1400 km2, sono un’area autonoma appartenente alla Danimarca, che sta guadagnando sempre più indipendenza. E Norman e Maine appartengono alla Gran Bretagna. Gibilterra ha anche lo status di territorio britannico e occupa un’area molto piccola.

Forme di governo

Anche se questi paesi indipendenti sono spesso, soprattutto in materia di politica estera e sicurezza esterna. In tutti questi paesi europei, il parlamento è eletto alle elezioni generali e il governo guidato dal primo ministro è nominato dal parlamento, l’unica eccezione in questo gruppo è il Vaticano.

Nell’arena internazionale, questi paesi sono spesso rappresentati dai loro vicini più grandi perché non sono importanti. E qui l’unica eccezione è il Vaticano, che ha un’influenza enorme, sproporzionata rispetto alle dimensioni del suo territorio. Ciò è dovuto principalmente alla presenza della più grande istituzione religiosa del mondo, che è la Chiesa cattolica con oltre un miliardo di seguaci.

Storia e modernità dei piccoli stati europei

La storia dei microstati è principalmente una ricerca di modi per raggiungere una maggiore autonomia e indipendenza. Alcuni paesi ottengono questo risultato, alcuni prima, alcuni dopo, alcuni di più, altri in misura minore.

Liechtenstein

Nell’antichità, l’attuale stato del Principato del Liechtenstein faceva parte di una provincia romana. I principi austriaci della casata del Liechtenstein acquistarono Schellenberg nel 1699 e la contea di Vaduz nel 1712. Nel 1719, i possedimenti furono uniti in possedimenti e l’imperatore Carlo VI lo elevò a un rango più alto per formare questo paese. Si ritiene che l’obiettivo che ha portato alla creazione dello stato fosse la creazione di un membro a pieno titolo del Reichstag. Tuttavia, il fatto che sia stato visitato per la prima volta da una persona reale 120 anni dopo la sua fondazione può essere notato dall’atteggiamento nei confronti di questa parte del suo piccolo paese in Europa.

Liechtenstein

Il principato ottenne l’indipendenza unendosi all’Unione del Reno con la maggior parte degli stati tedeschi, da allora non ci sono state modifiche ai suoi confini. Durante la prima guerra mondiale il Liechtenstein rimase neutrale e, dopo la fine delle ostilità, instaurò stretti rapporti con la Svizzera neutrale, che dal 1919 ne rappresentava gli interessi a livello internazionale, concludendo un accordo con la sua organizzazione e le sue dogane (valuta compresa). Nel 1921 il principato divenne una monarchia costituzionale, dove il potere è ereditato a vita attraverso la linea maschile.

Gibilterra

Nel 711 Gibilterra fu conquistata dal leader berbero Tariq, che fondò una fortezza che divenne il punto di partenza per la conquista della penisola iberica. Nel 1462 fu occupata dagli spagnoli. Durante la guerra di successione spagnola nel 1704, fu occupata dalle truppe britanniche, quindi divenne un premio di un piccolo stato ai sensi del Trattato di Utrecht nel 1713 e la firma del Trattato di Versailles nel 1783 ne confermò l’adesione.

Gibilterra

Poi gli inglesi la trasformarono in una potente fortezza che proteggeva l’accesso al Mar Mediterraneo. Gibilterra acquisì lo status di colonia britannica nel 1830, e solo nel 1964 ottenne l’autonomia nel 1969. Rimane tuttavia ancora oggetto di contesa tra Gran Bretagna e Spagna, che la considera parte del suo territorio, anche se in una referendum nel 1967 il popolo votò a favore del mantenimento dei legami.

Nel 1969-1982, la Spagna ha applicato un blocco statale, l’apertura completa delle frontiere è avvenuta nel 1985. Nel 1991 è stato ritirato dall’esercito.

piccoli paesi europei – Monaco

Il fulcro della piccola Monaco moderna era una città fenicia, sotto il dominio di Genova dal X secolo, e dal 1237 fu governata dalla famiglia genovese Grimaldi. Nel 1346 si separarono come principato feudale indipendente, ma non riuscirono a rovesciare la sovranità di Genova. Annesso alla Francia nel 1793.

Monaco

E nel 1869 un decreto abolì l’imposta sul reddito, che portava a un afflusso costante di ricchi stranieri, per proteggerli dalle politiche fiscali dei paesi. Nel 1911 adottò una costituzione che sostituì il dominio assoluto con una monarchia costituzionale. Nel 1962 è stata adottata una nuova costituzione liberale, che ha ampliato i poteri del Consiglio nazionale, riducendo così l’influenza della politica a Monaco. Nel 1963 ha firmato una nuova convenzione finanziaria con la Francia e sono state riviste anche le disposizioni dell’unione doganale.

San Marino

Questo piccolo paese in Europa fu fondato all’inizio del IV secolo. Dopo l’attacco dei Malatesta a Rimini, San Marino si arrese al mecenatismo della regnante famiglia Montefeltro, dal XIII secolo fu subordinato ai principi di Urbino, fino al XVII secolo il principato rimase come reliquia della città italiana. stato.

San Marino

L’indipendenza di San Marino fu proclamata nel 1797 da Napoleone Bonaparte, e fu confermata nel 1815 al Congresso di Vienna. Dopo la rinascita dello Stato unico italiano, San Marino vi entrò a far parte intorno al 1862 stipulando trattati che ne garantissero l’indipendenza.

Tuttavia, nel 1951-1953 Le restrizioni economiche italiane portarono a un nuovo accordo bilaterale nel 1954 in base al quale la piccola San Marino abbandonò i suoi confini valutari e doganali separati in cambio di una sovvenzione annuale fissa da parte del governo italiano.

Andorra

Le prime notizie sull’indipendenza di Andorra risalgono all’inizio del IX secolo. Contratto feudale firmato nel 1278 tra il vescovo spagnolo della città di Seo de Urgel e il francese Chrabio Foix, che stabilirono la supremazia congiunta sullo stato, che d’ora in poi fu obbligato a pagare un doppio tributo.

Andorra

Parti della legge emanate sotto i vari re di Francia, sia nell’Ottocento che sotto i presidenti, le forme di governo nel Medioevo e l’esercizio del potere feudale sono rimaste quasi immutate fino ad oggi.

Nel 1992, il presidente francese François Mitterrand e il vescovo spagnolo Seo de Urgela Juan Martin Alanis hanno riconosciuto la sovranità, limitando i loro poteri come leader ufficiali, consentendo funzioni rappresentative e potere di veto negli affari internazionali. Il referendum del marzo 1993 ha approvato la prima costituzione nella storia di Andorra, entrata in vigore nel maggio dello stesso anno.

Vaticano

Il nome deriva dal colle Vaticano sulla riva destra del Tevere, dove all’inizio del Medioevo fu costruito un palazzo che divenne residenza del Papa nel 1377. Dopo l’annessione di Roma nel 1870 con l’Unità d’Italia, il risultato — cessò di esistere lo Stato Pontificio, la cui origine risale al VI secolo. Papa Pio IX, che non riconobbe il Regno d’Italia, si dichiarò «prigioniero del Vaticano», protestando contro l'»alienazione».

Vaticano

Solo nel 1929 fu firmato il Trattato Lateranense, che definì i rapporti tra la Santa Sede e l’Italia, fu creato un piccolo stato sovrano d’Europa, il Vaticano dei confini odierni, il concordato regolava i rapporti religiosi sottoscritti e la Chiesa italiana.

piccoli paesi europei – Malta

Malta da circa 1000 anni prima di Cristo Malta fu colonia di Fenici, poi Greci, Cartaginesi e Romani, nel 533 fu inclusa nella composizione dell’Impero Bizantino. Successivamente fu occupata dagli Arabi, poi conquistata dai Normanni e trasferita nel Regno di Sicilia. Nel 1530 l’imperatore Carlo V cedette l’isola in feudo all’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi (poi chiamati Cavalieri di Malta), che rimase nelle loro mani fino al 1798, quando fu occupata dalle truppe del generale Napoleone Bonaparte durante la campagna d’Egitto. Le truppe britanniche chiamate ad aiutare scacciarono i francesi nel 1800.

Malta

A causa dell’atteggiamento del Congresso di Vienna del 1815, Malta divenne una colonia britannica. Nel 1964 ottenne la piena indipendenza come membro del Commonwealth britannico, ma fu solo nel 1979 che le ultime truppe britanniche lasciarono questo posto straordinario. Il nostro articolo ti introdurrà alla bellezza naturale di questo microstato.