Le lingue in via di estinzione sono le più rare al mondo

народ фото
16.08.2019 0 Comments

Circa 230 lingue rare sono già scomparse dalla mappa linguistica del mondo e ai nostri giorni altri 6,5 mila ricercatori descrivono come stanno scomparendo e, probabilmente, tra mille anni, potrebbero cessare completamente di esistere.

lingue in via di estinzione

Il deterioramento avviene in modi diversi. Sono rari i casi di morte improvvisa e rapida, ad esempio a seguito di calamità naturali o guerre, le cui vittime sono gruppi della popolazione. Tuttavia, più spesso il fenomeno è un processo graduale. Di solito lo «scioglimento» avviene quando l’altro diventa ufficiale o viene utilizzato da persone nella regione.

Le ragioni risiedono nella globalizzazione, nei cambiamenti sociali, nella migrazione della popolazione dalle aree rurali alle città, nonché nel sistema educativo incentrato sull’insegnamento nello stato, che mina la cultura locale del linguaggio nativo.

Le lingue in via di estinzione in Europa includono dalmata (Croazia), Cappadocia (Turchia), careliano (Russia) o sloveno (Polonia), caraite in via di estinzione (Ucraina), manx, della Cornovaglia (Regno Unito) e livoniano (Lettonia).

Ragioni della scomparsa delle lingue rare

Il problema della perdita non è solo nelle piccole comunità isolate in Africa, Asia, Australia, ma anche tra le numerose minoranze indigene che vivono nei paesi sviluppati d’Europa, e questo processo si è intensificato soprattutto nella seconda metà del XX secolo, a cui è associato con un evidente indebolimento della trasmissione della razza etnica tra generazioni…

I fattori contribuenti più importanti dovrebbero essere considerati l’inclusione di alcune lingue internazionali nel sistema di istruzione obbligatoria, le migrazioni frequenti, lo sviluppo dei media estremamente dinamico. Le persone con differenze linguistiche e culturali distinte iniziano ad adattarsi studiando l’estero e lo stile di vita della maggioranza popolare.

La scelta della lingua riflette il funzionamento del mercato

Le persone scelgono il loro stile di comunicazione per essere più vantaggioso a lungo termine. Le lingue in via di estinzione vengono espulse da quelle prestigiose. Gli utenti concludono che ciò contribuirà a migliorare la dimensione socioeconomica del progresso. Ad esempio, la lingua asiatica a Singapore non è nemmeno parlata a casa, i residenti locali passano completamente all’inglese, perché aumenta l’importo degli assegni familiari.

Lo stesso vale per gli irlandesi, che iniziarono a soppiantarlo in massa nel diciannovesimo secolo. La lingua irlandese in via di estinzione è definita da uno stile di vita rurale in isolamento e povertà, mentre l’americano è l’epitome di una potente potenza mondiale.

La consapevolezza del gaelico risalente a 2.500 anni fa non ha preso piede fino alla fine della prima guerra mondiale. Oggi sta diventando sempre più radicato in Irlanda, con una costituzione che la considera la prima lingua ufficiale, con l’inglese la seconda. Sfortunatamente, questo è inversamente proporzionale alla realtà.