Parchi naturali nazionali sudafricani

водоемы африки
09.07.2019 0 Comments

L’Africa è conosciuta ovunque per la sua diversità di animali e piante, solo nella sua parte meridionale ha più vegetazione che in tutta Europa. La natura del Sud Africa è caratterizzata da un gran numero di piante che altri paesi possono solo sognare.

La flora è una delle più ricche del mondo. Quasi un decimo di tutte le piante da fiore conosciute, circa 24.000, si trovano in tutto il paese. Questo è più di quanto cresca in Europa.

I regni dei fiori sono aree di carattere autonomo e genesi indipendente. Capensis, uno dei sei regni dei fiori sulla terra, copre solo lo 0,04% della superficie terrestre del Sud Africa. Gli altri cinque tipi di flora, in confronto, coprono interi continenti come l’Australia, l’Antartide o il continente americano.

Sebbene sia di gran lunga il regno floreale più piccolo, è comunque ricco di specie. Solo un esempio: a Cape Town, sulla Table Mountain, un’area di 60 chilometri quadrati, vivono 1.470 specie diverse.

Fauna e natura del Sud Africa

La fauna selvatica in Sud Africa sorprende con la sua impressionante diversità. Qui puoi vedere circa 250 terrestri, 43 specie di mammiferi marini. Quasi tutti i classici big game del continente africano si trovano nei parchi nazionali, dai pachidermi come elefanti, rinoceronti, ippopotami, leoni, leopardi, ghepardi, agli ungulati come giraffe, zebre e antilopi. La ricchezza di uccelli, anfibi, rettili e insetti è quasi unica.

Quindi per gli amanti della natura, il Sudafrica è un vero paradiso, si direbbe un monumento della natura. Il fatto che la diversità biologica necessiti di una protezione speciale è stato a lungo riconosciuto nel Paese.

Parchi africani: una lunga tradizione

I primi parchi in Africa furono segnati alla fine del XIX secolo. Paul Kruger (1825-1904), presidente della Repubblica sudafricana a guida boera, fu un ardente difensore e iniziatore della creazione di questi territori. Nonostante fosse un appassionato cacciatore, si rese conto che il bestiame dell’amata regione del Transvaal nell’attuale nord era notevolmente diminuito.

Dopo aver istituito una serie di piccole aree protette, è riuscito a proteggere 4.600 chilometri quadrati di cacciatori di grossa selvaggina e cercatori d’oro, chiamati Riserva Naturale di Saby. Questa è la prima pietra di fondazione del successivo Kruger Park nel 1898.

Tuttavia, passò del tempo prima che fosse definito il territorio dei parchi africani. Il Parlamento ratificò la legge sui parchi nazionali solo nel 1926, introdotta dal “Ministro delle terre Pete Grobler.

foto Sudafrica

Il primo si chiamava «Kruger Park in Sud Africa». Nei decenni successivi ne furono fondati molti altri, e oggi il loro numero è salito a 20. La legge approvata nel 1926 è ancora oggi la base giuridica di tutti i parchi.

Un esempio di conservazione africana

I 20 parchi nazionali in Sud Africa sono disponibili in diverse dimensioni e varietà. Dal piccolo Agulhas Park, che si estende lungo l’estremo confine meridionale, al vasto e verdeggiante Kruger, che copre un’area grande quanto Israele.

Alcuni di loro sono attraenti per i turisti per la loro bellezza pittoresca e non per la loro particolare diversità biologica, come il «Park Augrabies Falls» o il «Park Richtersveld». Entrambi si trovano in aree desolate e remote al confine con la Namibia. Altri hanno una grande varietà di animali e colori, come il Marakele African Park a nord di Johannesburg o gli elefanti Addo vicino a Port Elizabeth.

Oceano Africano

Sono tutti sotto il controllo del governo. Il Capo si rese presto conto che il paesaggio estremamente vario richiedeva una politica di conservazione speciale per evitare di ripetere gli errori del passato. Ad esempio, i grandi cacciatori di selvaggina e gli agricoltori hanno completamente distrutto il quagga, un mini-birrificio, nel 19° secolo. Altri non dovrebbero subire la stessa sorte. Così, tra l’altro, sono state costruite riserve speciali per specie rare, come il Mountain Zebra National Park è stato istituito nel 1937 per proteggere le zebre rare.

il settore del turismo

Oggi i parchi africani sono necessari per tre cose: primo, preservare la biodiversità del Paese, secondo, creare opportunità di lavoro e studio e, terzo, offrire svago alla popolazione e ai turisti. L’agenzia governativa SANParks (Parchi nazionali sudafricani) è responsabile del raggiungimento di questi obiettivi.

Sotto la loro guida, gli esperti di conservazione della fauna selvatica vengono formati, vengono implementati programmi di ricerca e osservazione e il fondo per gli animali viene regolarmente monitorato. Gli standard ambientali sudafricani sono a un livello internazionale molto elevato. Inoltre, l’intera infrastruttura turistica è nelle mani di SANParks.

Mantenere la natura dell’Africa consuma enormi quantità di denaro. Pertanto, la principale fonte di reddito per le aree protette non possono che essere turisti che giungono da tutto il mondo per ammirare il verde unico. Alcuni ambientalisti lo vedono con sentimenti contrastanti, gli animali saranno preoccupati per il numero crescente di visitatori. Tuttavia, questi problemi sono facilmente risolvibili da:

    • Il 3% dell’intera area è visibile dalla strada nel Parco Kruger.
    • La camminata indipendente è severamente vietata per la protezione dei visitatori. Le visite guidate sono possibili solo sotto la guida di persone appositamente addestrate.
    • Gli alloggi statali nei parchi sono limitati, in alcuni non c’è posto dove stare.
    • Le licenze alle compagnie di viaggio private vengono rilasciate per un breve periodo di tempo e solo a condizioni rigorose.

Troppi animali?

I problemi ambientali sono stati causati non tanto dagli esseri umani quanto dagli animali. Lo stock è diminuito solo pochi decenni fa e oggi ci sono problemi in alcuni luoghi a causa dell’eccessiva densità di animali. Il Kruger Wildlife Sanctuary ospita diverse migliaia di elefanti che, a causa della loro avidità, devastano intere parti del paese, distruggendo l’habitat degli altri.

foto di elefanti

Nei parchi del Sud Africa, gli elefanti hanno bisogno di molto cibo. In passato, quelli superflui venivano semplicemente uccisi. Tuttavia, il Sud Africa ha sospeso questa procedura dopo le modifiche internazionali nel 1994. Le misure di riduzione della densità possono essere create dai cosiddetti «parchi transfrontalieri», cioè senza confini nazionali. Ciò offre alla natura un ampio habitat per lo sviluppo naturale.

Tre di questi progetti, Richtersveld Transfrontier Park (Sud Africa e Namibia), Kgalagadi Park (Sud Africa e Botswana) e Great Limpopo Park (Sud Africa, Zimbabwe e Mozambico) sono stati lanciati e potrebbero diventare modelli per l’intero continente africano.

Non solo forniscono protezione e habitat adeguati per i più vulnerabili, ma consentono anche ai paesi più poveri di sviluppare un turismo sostenibile e redditizio.