Professioni in via di estinzione che presto dimenticheremo

бабушки на празднике
08.08.2019 0 Comments

Vasaio, coltivatore di bacche, apicoltore: la competizione è dimenticata, ma molto preziosa per la sua storia e le abilità delle persone. I rappresentanti di questi gruppi professionali si trovano raramente nei villaggi, o anche nelle città più piccole.

Tuttavia, funzionano ancora, a volte come attrazione turistica o come reliquia del passato. Ci collegano con il lavoro delle mani dell’uomo, le opere d’arte, nel caso della cucina con prodotti naturali.

professioni e tradizioni in via di estinzione

Proviamo a tornare alle radici dei nostri costumi, a vivere in armonia con la natura. Alcuni di noi progettano di fuggire dalla globalizzazione e dai consumi eccessivi, alla ricerca di tracce del passato, quando l’uomo, non la macchina, era il più importante, con le sue mani, la lungimiranza e l’ingegno, trasformando i migliori doni della natura in cibo e oggetti per la casa. Fortunatamente, ci sono persone che hanno imparato occupazioni dimenticate e trasmettono le loro conoscenze e abilità ai loro nipoti. Attualmente, l’artigianato sta vivendo una rinascita.

Usando la convenienza, dimentichiamo la qualità. Certo, i panifici delle grandi città sfornano decine di tipi di pane insoliti, producono frutta e verdura, offrono succhi di frutta vari… Ma ci tengono al buon gusto dei loro prodotti? Ovviamente no. Non si può paragonare il pane semplice che si mangia in città con il pane tradizionale sfornato dalla nonna del paese. Tieni presente che ovunque ci sia cibo sfuso, questo tipo di cibo scompare.

Per fortuna c’è anche una piccola «oasi» dove il tempo si è fermato. I proprietari di piccole fattorie svelano i segreti della cottura delle torte. C’è un gusto di torta migliore del vero lievito naturale cotto a mano nel forno a legna? Oggi tale pasta è riconosciuta come genuina e molto apprezzata come prelibatezza.

Fabbro e vasaio stanno morendo professioni, che sono già state incluse nella colonna «monumenti». L’artigianato, passato inosservato, è diventato un fenomeno insolito. Come tutti gli alimenti prodotti nelle fattorie, entrambi gli articoli sono utili, unici. Le creazioni alimentari rustiche sono una vera festa per lo stomaco. L’aroma originale non può essere copiato da fabbriche attrezzate che lavorano con semilavorati e conservanti.

Prendiamo il formaggio di pecora. Si può fare in un grande caseificio? Oh no. E questa è unicità! Naturalmente, le condizioni per la produzione dei commercianti privati ​​sono determinate dagli standard che corrispondono alle proporzioni del latte e ai metodi di produzione della birra unici ad esso, che non possono essere creati da una fabbrica.

fiere

Molti esiti artigianali si trovano nel paese profumato, soprattutto durante varie feste e fiere di maestri d’arte popolare provenienti da diversi paesi.

Ogni regione ha i suoi metodi, i segreti per cucinare vari piatti. La Polonia produce il formaggio Korycin sulla base di vecchie idee. I Kashubiani promuovono il ricamo. Gli hawaiani sono famosi per il loro pesce affumicato, che viene cotto in botti e affumicatoi allestiti nei cortili. La ricetta prebellica di Suwałki è usata dai caseifici svizzeri.

Dessert dolce - miele

Insieme a queste famose prelibatezze come i panini o il pesce affumicato, non possiamo dimenticare le nostre occupazioni dimenticate, come l’apicoltura. E l’apicoltura è in qualche modo dimenticata nel corso degli anni.

Il miele naturale può essere consumato solo da chi è amico degli apicoltori o abita accanto ad un apiario. Le città offrono centri commerciali, artificiali. L’apicoltura torna con vantaggi. Una fetta di pane con burro e miele crea un dessert dolce perfetto, forse il più bello.

Si può trovare un posto nel mondo dove le imprese familiari o le piccole imprese collegate si specializzano nella produzione di prelibatezze naturali, sviluppando regole competitive ancestrali.

Qui si conservano antiche usanze e mestieri, si utilizzano metodi di lavoro naturali, e questo basta per conoscere la vita troppo ordinaria degli abitanti di queste regioni. Pertanto, le professioni morenti non rimangono un mito.