Un viaggio attraverso città che affondano

тонущие города
23.05.2019 0 Comments

Offriamo una breve descrizione delle città sull’orlo dell’inondazione. Le ragioni sono note, i disastri sono inevitabili, le soluzioni sono ambigue, ma avrete tempo per vederle? Il lento processo di innalzamento del livello del Mare del Nord (1 mm/anno) è legato al lento cedimento del bacino londinese insieme a tutta la parte sud-orientale del Paese, ciò è dovuto ai movimenti isostatici della crosta terrestre. Nel secolo scorso Londra è scesa di 18-20 cm.

Sinking Cities Viaggio a Londra

Attualmente si stima che Londra stia affondando di 1-2 mm all’anno, tenendo conto dell’innalzamento del livello del Mare del Nord a 2-3 mm all’anno. Nuove mappe del movimento delle placche consentono di stimare la velocità di un possibile ulteriore cedimento di varie rocce che fanno sprofondare le città.

Londra, Giacarta, Shanghai

Parte del cedimento è facilmente attribuibile alla continua deposizione di sedimenti olocenici che rivestono il letto del Tamigi. Ma in alcuni luoghi, il cedimento è legato al consumo eccessivo di acque sotterranee. Non è difficile vedere un processo simile anche su strutture sotterranee come le linee della metropolitana (Jubilee Line) e il tunnel del cavo elettrico tra le contee di Battersea e Putney. Ma ci sono altre sorprese: la crescita del suolo nel nord-ovest di Londra, di circa 0,5 mm all’anno, associata a una struttura rigida nota come Midlands Proterozoic.

Lo straordinario punto di riferimento salvavita di Londra è di circa 300 km di difese contro le inondazioni. Inoltre, è necessario costruire nuovi tipi di supporti per un uso più efficiente delle pianure alluvionali naturali. Viaggiare per Londra è ancora possibile grazie alla Thames Barrier a Woolwich.

Nel 1982 è stato avviato per la stagione invernale, da allora è in funzione ogni due anni da settembre ad aprile. Tuttavia, nella stagione 2000-2001, la città è cresciuta 24 volte, nel 2002-2003 — 20 volte, forse la colpa è delle stagioni in cui la barriera non è stata attivata.

Nel 2013-2014 Londra è stata cresciuta 43 volte! — cinque volte a causa dell’alta marea e 38 volte a causa delle inondazioni dei fiumi associate a forti precipitazioni. Sebbene si stimi che la barriera non sia stata preparata per i recenti cambiamenti climatici, potrebbe essere estesa, con lievi modifiche strutturali, fino al 2070 circa. In futuro sarà necessario costruire una nuova struttura.

Giacarta

L’altitudine media di Giacarta è di 7 metri sul livello del mare, ma fino al 40% della città è sotto il livello del mare, quindi è naturalmente vulnerabile agli effetti dell’innalzamento del livello del mare.

Giacarta

L’aumento dell’acqua nel Mar di Giava è stimato a circa 7 mm all’anno. Il punto, però, è che un altro fondo si sta formando sotto la città. Innanzitutto per il fatto che la popolazione utilizza le acque sotterranee in modo incontrollabile, motivo per cui la città si sta popolando. Negli anni dal 1974 al 2010, la maggior parte della superficie è scesa da 25 a 70 cm e il terrapieno densamente popolato è crollato in punti da 1,5 a 4 m.

In media, questo processo progredisce a una velocità di 10-20 cm all’anno. Si stima che entro la fine del secolo, se gli abitanti non correggono il consumo di acqua, la città cadrà di altri 5-6 metri. Dal 1960 il livello delle acque sotterranee è sceso di 30 metri, per cui da un lato l’accesso all’acqua potabile è difficile e, dall’altro, il cedimento dell’acqua aumenta le inondazioni.

Anche la rapida crescita della popolazione di Giacarta è un problema poiché aumenta la pressione sulle risorse idriche sotterranee locali. Attualmente in città vivono circa 10 milioni di persone e più di 30 milioni nella regione.

Sebbene Giacarta abbia una zona alluvionale di 30 km (frangiflutti), anch’essa sta affondando. Se una catastrofe imprevista colpisce e interrompe il lavoro delle squadre di protezione, entro 48 ore le zone basse della città, dove vivono circa un milione di persone, saranno allagate.

Shanghai

Il nostro breve viaggio attraverso le città che affondano continua. Shanghai è uno dei più grandi porti e centri commerciali del mondo. Attualmente la città più grande della Cina (23 milioni di persone) è costruita sulle paludi che circondano la foce del fiume Yangtze.

Il modesto edificio dell’originario villaggio di pescatori è stato nel tempo sostituito da edifici a più piani. Il rapido sviluppo della città è associato a un uso più frequente delle risorse idriche sotterranee, che erode gli strati rocciosi sottostanti la città, causando il cedimento del suolo. Tra il 1921 e il 1965 Shanghai è caduta di oltre 240 cm. L’attuale tasso di cedimento è di 1,2-1,5 cm all’anno.

Shanghai

Secondo gli esperti, c’è poco da fare: la città è semplicemente troppo difficile da stabilire. I nuovi edifici alti devono stare in cemento sepolto in profondità nel terreno. Lo Shanghai Geological Survey Institute stima che il 70% dei problemi dell’insediamento risieda nel pompaggio delle acque sotterranee. Il restante 30% è la pressione dei grattacieli al suolo. Se nel 1980 c’erano 650 grattacieli a Shanghai, ora ce ne sono più di 2.000.

Oceano Indiano

Queste città sono solo alcuni esempi di grandi complessi urbani minacciati dal pericolo di inondazioni. La suscettibilità al cedimento si trova anche sulle coste dell’Oceano Indiano di Bangkok e Calcutta e Houston, in Texas.

Molte città si trovano molto in basso o addirittura sotto il livello del mare, come New Orleans, Vancouver o in luoghi dove si intersecano condizioni climatiche sfavorevoli, come New York. Infine, ci sono città e paesi minacciati da inondazioni totali (Maldive) o parziali (Bangladesh).

Il viaggio non sarà facile perché la città che sta affondando dovrebbe essere in pericolo. Ci sono tre opzioni: trasferimento organizzato su un terreno più elevato, preparazione di infrastrutture critiche per inondazioni regolari o costruzione di altre difese contro le inondazioni. Tutti sono molto costosi e richiedono un’attenzione immediata.