Vulcani attivi in ​​Europa

горы и вулканы планеты
30.06.2019 0 Comments

Dolci colline, vaste foreste e laghi blu intenso: è così che la maggior parte delle persone conosce i paesaggi delle montagne dell’Eifel. È difficile immaginare che i vulcani causassero problemi qui, come credono i vulcanologi. Ma l’Eifel è la regione più vulcanica della Germania.

Eiffel Maars: unicità vulcanica

Ciò iniziò più di 700.000 anni fa, quando le montagne del Rhine Shale furono formate da un forte movimento delle placche, risultando in circa 300 nuovi hotspot. I moderni geologi hanno trovato prove di enormi vulcani attivi intorno al 9.000 a.C., alcuni anche più potenti della massiccia eruzione del Monte St. Elena.

Insieme a più di 200 coni di cenere, estinti nel tempo e distrutti dall’erosione, nell’Eifel è apparso un aspetto vulcanico che non ha analoghi: i Maars, che sono vulcani europei a forma di imbuto, adagiati quasi piatti sul paesaggio e raggiungendo grandi profondità . Per questo, il fuso sulla superficie delle fessure tettoniche deve entrare in contatto con la falda freatica.

L’acqua e la roccia fusa portano alla formazione di una miscela esplosiva che viene solitamente espulsa durante potenti esplosioni di gas. L’imbuto viene fatto saltare in aria, sui bordi si deposita materiale vulcanico. La successiva falda acquifera entra nuovamente in contatto con il magma, provocando ripetute eruzioni da vulcani attivi.

La formazione di un tale maar può durare giorni o mesi. Spesso il cono, che raggiunge una profondità di 2000 metri, è pieno d’acqua. Il lago è stato creato. Ci sono più di 50 maar di questo tipo a Eiffel, nove dei quali sono pieni di liquido. Il più giovane è Ulmener nella Renania-Palatinato. Si è formato poco più di 8.200 anni fa da una serie di 500 eruzioni separate.

Vulcani d’Europa: leggende

L’insolita forma rotonda, le acque blu intenso, hanno sedotto gli abitanti di Eiffel a scrivere leggende. Ad esempio, a Ulmener si dice che lì viva un pesce gigante molto raro. A quanto pare, ogni volta che qualcuno l’ha vista in passato, uno dei proprietari del castello che si affaccia sul Maar è morto. Il Maar di Weinfelder vicino a Down è anche chiamato Totenmaar. Sul sito del vulcano Europa sorgeva un tempo il castello di un conte. Una volta, quando tornò a casa da un viaggio, sul sito del suo castello apparve un lago. La famiglia e i sudditi morirono insieme a tutti i loro beni.

foto dell'eruzione

Solo una culla con un figlio galleggiava in mezzo al lago. Quando il cavallo del conte vide la culla, raschiò il liquido da terra con lo zoccolo. In segno di gratitudine per aver salvato suo figlio, il conte fece costruire una cappella. Oggi la comunità di Schalkenmeren utilizza la cappella e il cimitero adiacente per le sepolture.

Vulcani attivi — vantaggi economici

Oltre al rispetto e al timore reverenziale che gli abitanti di Eiffel hanno mostrato ai vulcani, ne hanno beneficiato per secoli. Anche i romani estraevano rocce di basalto nero nelle cave. Utilizzarono le rocce e nella costruzione, ad esempio, nella formazione del monastero di Maria Laach, utilizzarono basalto e tufo della zona circostante. Durante i lavori di restauro della cattedrale viene ancora utilizzata la lava basaltica persistente, ma invisibile alle persone in alcune parti dell’edificio, poiché la pietra assume nel tempo un colore nero intenso.

Nel XIX e XX secolo fu particolarmente incoraggiata l’estrazione di pomice leggera, che fu esportata nei Paesi Bassi per la costruzione di dighe. La pesca è fortemente diminuita negli ultimi decenni. Ciò è dovuto in parte alla grave distruzione del paesaggio, dall’altro alla riduzione dei depositi. Per rianimarlo, deve verificarsi una nuova potente eruzione vulcanica.

Attività vulcanica — vita su una polveriera

Ci sarà una ristampa degli Eiffel nel prossimo futuro? Anche se il vulcano si risveglia? Gli esperti hanno discusso a lungo. Secondo gli antichi insegnamenti, l’attività vulcanica è finita, i crateri si sono estinti. Ma ricerche recenti mostrano un quadro diverso. Il famoso vulcanologo Hans-Ulrich Schminke suggerisce che i vulcani attivi Eiffel non dormiranno solo. Trascorse decenni esplorando i campi vulcanici della regione e trovò segni di continua attività.

Ad esempio, vicino al lago vulcanico Laaher, i gas caldi vengono espulsi dal suolo per una lunghezza di 200 metri. E nel villaggio di Wallenborn ogni 40 minuti viene prodotto un geyser con acqua fredda. Ci sono molte sorgenti termali e minerali nell’Eifel. Questi sono tutti segni che sta ancora bollendo. Lo scienziato tedesco Ulrich Schreiber nel suo romanzo «Il volo della formica» descrive in modo impressionante lo scenario della rieruzione del vulcano tedesco. La sua tesi: le formiche potrebbero essere le prime a notare gli imminenti spettacoli di fuoco.

Secondo quanto riferito, i piccoli insetti preferiscono stabilirsi su perturbazioni tettoniche, dove escono i gas magmatici. Questo attira le formiche, anche nell’oscurità assoluta. Schreiber ha già scoperto più di 2.000 di questi nidi nell’Eifel con i suoi studenti dell’Università di Essen.

Periodi dormienti di oltre 20.000 anni non sono rari. In termini geologici, questo periodo di tempo è solo un momento. L’ultima grande eruzione è avvenuta molte migliaia di anni fa. Ma l’Eifel è l’area con la più alta concentrazione di vulcani al mondo. Quindi sembra solo che questa questione sia chiusa, non è un’ora in cui uno dei vulcani europei si sveglierà di nuovo.