Guida turistica del Kenya

22.03.2019 0 Comments

Il Kenya è un paese affascinante. La natura selvaggia e sfrenata, il clima caldo, la costa pittoresca, la ricca flora fanno di questo paese una destinazione ancora più popolare per le vacanze.

Capitale: Nairobi
Valuta: Scellino keniota (KES)
Popolazione: 44.037.700
Elettricità: 220/240 V
Prefisso internazionale: +254
Fuso orario: UTC + 3
Chiamata di emergenza: 999
Area: 582.700 km²
Immagini satellitari, cammina verso la destinazione: https: / /goo .gl/maps/foJNq3PjY7Q2

posizione geografica

Il Kenya si trova nell’Africa orientale, a un’altitudine di 2.500 metri sul livello del mare. L’altopiano è diviso da numerose trincee tettoniche che formano un ramo del sistema di rift africano lungo il confine occidentale.

Il paesaggio è vario con cime vulcaniche, una delle quali è il Monte Kenya nel mezzo dell’area. Ecco la vetta più alta Batian — 5199 m Secondo fonti storiche, fu conquistata per la prima volta dal geografo britannico Hardolf Mackinder nel 1899.

foto del Kenya

La notevole altezza del massiccio permette di mantenere l’eterna coltre di ghiaccio delle cime, nonostante si trovi quasi all’equatore. Il secondo punto più alto è il Monte Elegan, che si trova al confine con l’Uganda. Le zone di pianura si trovano sulla costa dell’Oceano Indiano, creando una cintura di pianure costiere, le regioni più fertili del paese.

Clima e tempo

Il clima in Kenya è influenzato dall’altitudine, dalla vicinanza al continente asiatico e dal fatto che il Paese si trova su entrambi i lati dell’equatore. La costa è caratterizzata da temperature elevate, con una media di 24 gradi a luglio e 28 gradi a marzo. La quantità di precipitazioni raggiunge i 1200 mm all’anno. L’interno del paese ha un clima leggermente più fresco e più secco. La temperatura media varia da 14 a 18 ° C. La quantità annua di precipitazioni è di 1000 mm a est, fino a 250 mm a ovest.

Ci sono due stagioni piovose. La prima al passaggio tra aprile e maggio, la seconda tra novembre e dicembre. Ci sono più precipitazioni in montagna, la temperatura più bassa consente alla neve di rimanere durante tutto l’anno. La parte settentrionale del paese è sotto l’influenza di masse d’aria calda e secca provenienti dalla penisola arabica desertica.

Il periodo più adatto per le vacanze in Kenya è considerato il periodo da dicembre a marzo, quando cade il minor numero di precipitazioni, così come da luglio a settembre, quando c’è una grande migrazione di animali.

Storia

Il Kenya è chiamato la «culla dell’umanità», e questo è dovuto al fatto che i resti umani più antichi (Homo rudolfensis) risalenti a circa 2 milioni di anni aC sono stati scoperti nella sua area, vicino al Lago Turkana. e.La popolazione indigena che viveva nel paese apparteneva al gruppo etnico etiope.

La costa del paese è stata a lungo un’area attraente per la creazione di colonie. I primi ad apparire furono gli arabi, che fondarono una dozzina di sultanati nel VII secolo. Insieme ai mercanti persiani, si dedicarono alla tratta degli schiavi e alla vendita di avorio.

Il primo europeo a raggiungere le coste del Kenya in viaggio verso l’India è stato Vasco da Gama. Altri portoghesi lo seguirono, stabilendo le prime colonie nel XV e XVIII secolo. La fine del Settecento fu segnata dal passaggio agli Arabi. Dopo qualche tempo fu inclusa nel Sultanato di Zanzibar. Dal 1895, il Kenya divenne parte del protettorato dell’Africa orientale sotto il dominio britannico.

Solo allora gli inglesi osarono entrare nell’interno del paese, prokj; bd strada dalla costa al protettorato britannico in Uganda. La ferrovia che fu costruita fu chiamata Uganda Railway.
Il 1914 portò un afflusso significativo di agricoltori britannici. Diverse migliaia di persone si stabilirono nelle fertili regioni sud-occidentali del paese.

Hanno usato manodopera a basso costo — le tribù locali Maasai e Kikuyu — per coltivare il terreno vulcanico e ben irrigato. Dal 1920, il Kenya divenne una colonia britannica, che permise la creazione di grandi piantagioni.

Dopo la seconda guerra mondiale nacque un movimento di liberazione nazionale, guidato dal KANU (Kenya African National Union), guidato da Jomo Kenyatta.

Le ostilità si intensificarono nel 1953-56, quando scoppiò la rivolta. I ribelli si opposero alla creazione di una repubblica di coloni bianchi in Kenya. Le lotte portarono alla concessione dell’autonomia al paese all’inizio del 1963 e pochi mesi dopo, il 12 dicembre, e all’indipendenza. Molti coloni bianchi lasciarono il territorio, stabilendosi in Sud Africa.

Nel 1964 fu proclamata una repubblica il cui primo presidente fu Jomo Kenyatta. Durante il suo regno, riuscì a prevenire le tensioni etniche. Nel 1963, il Kenya è diventato membro delle Nazioni Unite e dell’OJA (Organizzazione dell’Unità Africana). Oggi svolge un ruolo economico e politico di primo piano nell’Africa orientale e la capitale ospita molte organizzazioni africane.

luoghi d’interesse

Il Kenya è attraente per i pittoreschi parchi nazionali di Masai Mara, Tsavo East, Amboseli e Tsavo West. Inoltre, il paese è incantato da giardini lussureggianti, palme e fauna speciale.

Una grande attrazione è il safari, durante il quale è possibile incontrare animali selvatici come elefanti, giraffe, zebre, leoni, leopardi, rinoceronti, ippopotami, coccodrilli, gazzelle. Ai turisti piace anche fare una crociera intorno all’isola di Vasini e Funzi, dove nuotano i delfini.

La città di Mombasa presenta ai turisti una miscela di culture diverse che si riflettono nei monumenti. Insieme a spedizioni e crociere safari, i turisti visitano il villaggio di pietra di Ngomongo e incontrano i Maasai.

La costa del Kenya affascina con la sabbia bianca e croccante ricoperta di palme da cocco. Le acque costiere sono ricche di colorate barriere coralline con pesci colorati, tartarughe e granchi. È l’ideale per gli amanti dell’abbronzatura e delle immersioni.

citare le immagini nella media

Pasti e bevande

Per la stragrande maggioranza dei kenioti, il cibo è semplice e ricco di calorie; non conoscono nessun piatto nazionale comune, poiché ogni etnia ha il suo modo di mangiare. Un piatto noto e conveniente sono gli gnocchi bolliti di grano bianco con verdure e l’aggiunta di carne di nyama choma.

La carne è solitamente di montone o di capra, grigliata. La cucina è sempre più influenzata da Asia, India e Cina, strettamente legate al Kenya attraverso il commercio. Quindi, il cibo principale è riso e pesce con cocco e spezie esotiche.

Per gli ospiti del paese e per i facoltosi kenioti, nelle grandi città e nelle zone turistiche ci sono molti ristoranti che offrono carne alla griglia, frutti di mare, piatti italiani. Le bevande analcoliche includono tè con latte, caffè, succhi di frutta freschi. Le bevande alcoliche sono birra e cereali o bevande alla frutta. Si consiglia di utilizzare solo acqua in bottiglia.

economia

Il Kenya è uno dei paesi africani più ricchi, ma il reddito principale proviene dall’industria agricola. Gli europei sono impegnati in moderne fattorie, fornendo al paese l’80% dei prodotti di esportazione e il 70% delle materie prime per la lavorazione. Si coltivano caffè, tè, cotone, arachidi, mais, patate dolci, canna da zucchero e banane. Il bestiame è costituito da pecore, capre e cammelli.

Magadi Soda Co. La più famosa è la compagnia mineraria che rifornisce il pianeta di bicarbonato di sodio del lago Magadi e diatomite. C’è anche una raffineria di petrolio e per molti residenti il ​​legno è la principale fonte di energia. Le entrate del turismo sono in graduale aumento. Negli ultimi anni il numero di viaggiatori in visita in Kenya è in costante aumento, oggi sono circa 25.000.

Vacanze in Kenya

I kenioti sono persone amichevoli e ospitali indipendentemente dalla loro etnia.
Ci sono oltre 70 diverse tribù nel paese. La tribù più numerosa è quella dei Kikuyu, seguita da Lu e Luiha, ecc. Le tradizioni del passato sono state conservate nelle piccole tribù di Masai, Samburu, Turkana e Pokot. Prevale la fede cristiana, il 10% della popolazione totale sono musulmani che vivono sulla fascia costiera.

Sin dai tempi antichi, numerose tribù hanno attirato qui storici e viaggiatori curiosi grazie ai loro rituali e alla vita insolita del villaggio. Ci sono due lingue ufficiali: inglese e swahili, e puoi anche ascoltare tedesco, italiano e francese. Altri sono dialetti locali.

Si noti che nelle aree in cui vivono i musulmani è vietato camminare in pantaloncini. Fumare nei luoghi pubblici è punibile. Quando viaggi per il paese, segui le regole: prima di scattare foto di case o persone, chiedi il permesso, la gente del posto si aspetta una ricompensa per aver scattato una foto insieme.

Formazione scolastica

I curricoli in Kenya si basano sul sistema educativo 8-4-4, che significa 8 anni di scuola primaria, 4 anni di scuola secondaria e 4 anni di college. Il 92% di tutti i bambini frequenta la scuola primaria gratuita e un numero minore di bambini frequenta la scuola secondaria. La prima università keniota è stata fondata nel 1970, oggi ci sono più di 50 college pubblici e privati. Il numero della popolazione analfabeta si sta lentamente avvicinando allo zero, oggi si aggira intorno al 14%.

Acquisti

La maggior parte degli hotel, negozi, ristoranti accetta carte di credito Mastercard, Visa o American Express. Puoi cambiare la valuta nazionale in valuta locale presso gli sportelli automatici e gli istituti di credito.

Il consiglio generale è di avere sempre contanti con te, perché devi pagare tutto, ad esempio gli addetti alle pulizie in hotel, le guide safari, oltre alle normali bevande nei negozi dove non accettano carte. I prezzi per alloggio, vitto e trasporto sono a livello europeo. Il budget di viaggio dipende dall’attività pianificata e dal livello di servizio desiderato.

Sicurezza

Il paese ha un alto tasso di criminalità. Nelle grandi città sono possibili furti d’auto e rapine a mano armata. Gli alieni di solito non sono il bersaglio degli attacchi, ma fai attenzione. Il Kenya ha anche un rischio significativo di attacchi terroristici vicino a Garissa, Eastlagt a Nairobi, compresi gli insediamenti di caserme. Il numero per il centro di sicurezza turistica 24 ore su 24 è 02-604 767. È sicuramente utile avere informazioni aggiornate su ciò che sta accadendo in Kenya prima di mettersi in viaggio.

È vietato nuotare nei fiumi e nei laghi all’interno dei parchi nazionali e in altri luoghi non è raccomandato a causa dei batteri patogeni che vivono nell’acqua. Quando vai in safari, indossa colori scuri per evitare di attirare l’attenzione di animali selvatici e insetti.

Salute

Colera e malaria sono malattie comuni in Kenya. La malaria viene prevenuta utilizzando repellenti. Nel 2013, per la prima volta dal 1982, si è verificata un’epidemia di febbre dengue nella regione di Mombasa. Questa è una malattia tropicale virale diffusa dalle zanzare, sfortunatamente non esiste una cura per essa e la migliore protezione sono vestiti lunghi e repellenti per zanzare.

Prima del viaggio, i medici raccomandano la vaccinazione contro l’epatite A e B, la rabbia, il tetano.
Le condizioni sanitarie sono precarie e le strutture mediche sono rare.

connessione

La rete mobile è ben sviluppata, ci sono Internet cafè ed è disponibile anche la connessione Wi-Fi gratuita. Gli uffici postali sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 18:00, il sabato dalle 9:00 alle 12:00 e nei centri minori chiudono fino a mezzogiorno. Le lettere arrivano in Europa in una settimana.

Vacanze in Kenya

È possibile viaggiare tra le città utilizzando i voli. Molti voli nazionali partono dall’aeroporto 5 km a sud di Nairobi. Quasi ogni villaggio ha il proprio aeroporto regionale. Kenya Airways opera voli tra Mombasa, Nairobi, Kisumu, Lama e Malindi almeno una volta al giorno. I voli per Nanyuki o Garissa sono possibili più volte alla settimana. Sono disponibili anche le compagnie aeree private Air Safari, Safarilink.

A differenza degli autobus, il trasporto ferroviario è un mezzo di trasporto abbastanza sicuro e relativamente conveniente; ci sono partenze turistiche speciali accompagnate da una guida.

In Kenya, guidi sulla corsia di sinistra. Nelle città il limite di velocità è di 30 km/h, fuori dagli insediamenti 100 km/h, nei parchi nazionali 40 km/h. Le strade non sono asfaltate, pertanto si consiglia di noleggiare un veicolo esclusivamente con trazione integrale.

Le condizioni per un’auto a noleggio sono almeno 23 anni e non più di 70, oltre a un’esperienza di guida documentata di oltre due anni. Durante il noleggio, prestare attenzione alle condizioni del veicolo e alla disponibilità di assicurazione. Fai attenzione quando guidi, le regole del traffico vengono spesso violate. I taxi in questo paese sono la migliore alternativa al noleggio.

Un regolare servizio di autobus collega Nairobi, Arusha, Moshi e Dar es Salaam. Matatus — minibus che non funzionano secondo l’orario e chiudono le porte quando sono pieni di passeggeri; in molte regioni questo è l’unico trasporto pubblico. Il prezzo del biglietto dipende dalla distanza, inoltre è 4 volte superiore durante le vacanze di Natale e Pasqua.

Brevi distanze lungo la costa possono essere percorse da un apposito attrezzo chiamato TUK-TUK, infatti si tratta di un comodo triciclo che si può noleggiare per rendere un po’ più varia la vostra vacanza in Kenya.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *