Guida di viaggio per il Brasile

бразилия фото
25.03.2019 0 Comments

Il Brasile è il quinto più grande al mondo per area, copre la maggior parte del Sud America, il paese combina foreste pluviali, 7.500 km di spiagge, calcio, musica e, non da ultimo, famosi carnevali.

Capitale: Brasilia
Valuta: Real brasiliano (R$)
Popolazione:
190.732.700 Elettricità: 110-220 V
Numero di telefono del paese: +55
Fuso orario: da UTC da -2 a UTC-5
Assistenza di emergenza: 192
Area: 8.515.768 km²
Immagini satellitari e destinazione a piedi: https://goo.gl/maps/gouiQ2PkDPA2

posizione geografica

Il Brasile è il paese più grande del Sud America, bagnato dalle acque dell’Atlantico. La maggior parte del territorio si trova ad un’altitudine compresa tra 200 e 800 metri. La vetta più alta è di 2994 metri, situata vicino al confine con il Venezuela. Il Brasile ha un sistema fluviale complesso ed esteso, compreso il suo fiume più lungo, l’Amazzonia. Le acque che scorrono dalle montagne creano qui alte cascate.

carta fotografica

Vacanze in Brasile — clima e meteo

Il Brasile si trova in una zona dal clima caldo, il bacino amazzonico ha un clima equatoriale umido. Le temperature medie annuali non sono molto elevate 24-25 °C, tuttavia l’umidità con precipitazioni di 2500-3500 mm all’anno rende l’aria soffocante. Gli altopiani brasiliani hanno un clima tropicale con una temperatura media di 19-26°C.

La parte nord-orientale del paese si trova nella zona equatoriale secca. Il sud appartiene ai subtropicali con inverni miti e piogge durante tutto l’anno. Gran parte dell’area può subire sporadiche gelate invernali, che rappresentano una seria minaccia per le piantagioni di caffè. Ciò è dovuto alla presenza di masse d’aria fredda che provengono dal sud della zona antartica.

Il periodo migliore per visitare il Brasile va da dicembre a febbraio, allo stesso tempo i prezzi dei voli e degli hotel aumentano notevolmente. A seconda del tempo, è possibile viaggiare durante tutto l’anno, ma le temperature possono essere basse da giugno a settembre. Nel periodo aprile — luglio, la maggior parte delle precipitazioni cade nella parte sud-orientale.

Storia

Prima dell’arrivo dei primi colonialisti portoghesi, il territorio del Brasile moderno era abitato da tribù indiane nomadi che non aspiravano a creare una cultura sviluppata. I primi portoghesi raggiunsero la costa brasiliana nel 1500 sotto il comando di Pedro Álvarez Cabral. Il principale prodotto commerciale era l’albero del pau de brazil, da cui il paese ha preso il nome.

All’inizio, i portoghesi usarono l’area solo per la costruzione di fabbriche e manodopera, ma nel 1532 fu stabilito un insediamento portoghese permanente e iniziò la colonizzazione. Gli indiani iniziarono ad essere usati come lavoratori nelle piantagioni di canna da zucchero e caffè, loro, come schiavi, erano ricercati, venduti e acquistati. Molti villaggi indigeni furono distrutti e fino alla fine del XVII secolo lavorarono nella regione del Minas Gerais, dove furono scoperti giacimenti di oro e diamanti.

Nel 1807, il reggente del Portogallo, il principe João, fuggì in Brasile, proclamando la creazione del Regno Unito del Portogallo, del Brasile e dell’Algarve. Il figlio di João, Pedro, proclamò l’indipendenza del Brasile nel 1822, nominandosi imperatore. Durante il regno dell’imperatore Pedro II nel 1888, la schiavitù fu abolita.

L’impero durò solo fino al 1889, quando l’esercito sostenuto da repubblicani, clero e potenti contadini rovesciò l’imperatore, dopodiché stabilirono una repubblica e due anni dopo proclamò una costituzione federale.

Nel 1929, a causa della crisi mondiale, il mercato del caffè crollò. Ciò ha portato a disordini sociali e opposizione al governo, si è verificato un colpo di stato militare. Getulio Vargas prese il potere instaurando una dittatura militare basata su un regime fascista. Negli anni ’50, dopo l’arrivo di Yuselin Kubička, la democrazia e l’economia del paese si sono gradualmente riprese, ma l’alto debito estero e l’inflazione hanno causato un altro colpo di stato.

Le elezioni presidenziali generali si sono svolte solo nel 1989. Il neoeletto presidente Itamarm Franco nel 1992 ha avviato un periodo di importanti riforme, è iniziata la stabilizzazione economica, ma allo stesso tempo numerosi problemi socio-economici come corruzione, violenza, città sovraffollate, inquinamento ambientale, la mancanza di scuole e centri medici rimane ancora irrisolta.

Vacanze in Brasile

Il Brasile è la terra del sole, un luogo pieno di contrasti, un mondo ricco di piante, animali e vaste foreste. La giungla amazzonica è piena di scimmie selvatiche, tartarughe, alligatori e giaguari.

Il paese è anche noto per il suo più grande bacino fluviale: il Rio delle Amazzoni con bellissime cascate, la più impressionante delle quali è Ikuazu, che attrae ogni anno viaggiatori nuovi ed esperti.

Destinazioni popolari per le escursioni sono le città di Salvador, Rio de Janeiro, Brasilia, Fortaleza, Praia do Futuro e Angra Dos Reis (Big Island), situata a circa 150 km a ovest di Rio de Janeiro. L’isola colpisce soprattutto per la sua foresta verde e le bellissime spiagge.

La capitale Brasilia, fondata nel 1956, non ha monumenti interessanti e la maggior parte degli edifici sono di tipo moderno. Ma l’esperienza può essere vissuta visitando la Piazza delle Tre Potenze, dove sorge l’antica cattedrale.

Una delle città più belle del mondo è Rio de Janeiro, che attrae con la sua posizione pittoresca, la collina di Sugar Head, raggiungibile con la funivia. La famosa statua del Cristo Salvatore regna sulla collina di Garbuša da dove si apre una vista incredibile. Da visitare anche il monastero di S. Antuna, Parco Nazionale Da Tijuca con foreste tropicali, Piazza Floriano o Tridentes circondata da teatri, Palazzo Imperiale.

Il carnevale è un’altra attrazione che apre l’anima della popolazione brasiliana, dopo di che è possibile visitare le spiagge sabbiose, pittorescamente situate sulle rive dell’oceano caldo e pulito e delle palme ombrose, dove si svolgono vari tipi di intrattenimento.

citazioni fotografiche del mondo

economia

La popolazione del paese è impegnata nell’agricoltura, anche l’industria è ben sviluppata, ma il reddito è distribuito in modo non uniforme tra i cittadini. In termini di produzione ed esportazione di caffè, è al primo posto nei mercati mondiali. Quinto, il mondo è classificato come produttore di semi di soia, canna da zucchero, manioca, fagioli, cacao, banane e riso. Le foreste brasiliane conservano specie rare di alberi come il mogano, il palissandro e la gomma.

Il paese è ricco di minerali, ci sono i più grandi giacimenti di minerale di ferro, così come alcuni dei più ricchi giacimenti di bauxite, manganese, rame, nichel, stagno, oro e diamanti. La scoperta relativamente recente di grandi riserve di petrolio e gas naturale ha permesso al Brasile di diventare il secondo produttore del continente. Automobili, aeroplani, armi e computer svolgono un ruolo sempre più importante nelle esportazioni verso il mercato sudamericano.

Pasti e bevande

La cucina brasiliana è varia e specifica per la regione. Molti piatti sono stati copiati nel corso di secoli di immigrazione, come il brigadiere — tartufi al cioccolato a base di latte condensato con cereali o salpicao — insalata di pollo con prosciutto, uvetta, mele, olive e maionese. I fast food e i panini di varie combinazioni sono molto popolari. Naturalmente, la bevanda più tradizionale è il caffè brasiliano e, in estate, il latte di cocco, i succhi di frutta.

cultura e lingua

Nonostante l’iniziale discriminazione della cultura indiana, molte tracce di essa si possono trovare oggi nelle danze, nella musica e nelle leggende brasiliane. Molte bevande sono anche di origine indiana, come mate e guaranà.

L’influenza della civiltà europea si manifesta nel predominio della fede cattolica. Il Brasile è considerato il Paese con la più grande comunità cattolica, ma in realtà ci sono molte fedi, gruppi e sette religiose diverse che convivono fianco a fianco.

Il tratto più caratteristico del culto che qui si svolge è il collegamento di elementi di più religioni. Così apparvero nuovi culti molto popolari come Macumba e Candomblé.

Sono diffuse anche le credenze sull’uso di animali, agenti allucinogeni e magia nera. Questi culti sono praticati in segreto, sebbene siano legalizzati in alcune regioni come Bahiy.

La lingua del Brasile è diventata una fusione di dialetti portoghesi, indiani e africani. Il brasiliano è una lingua portoghese ufficiale, diversa da quella standard.

I brasiliani sono persone felici, come dimostra il gran numero di festività religiose. Il più famoso è il carnevale di Rio de Janeiro, che si svolge pochi giorni prima di Pasqua. Le città sono piene di moltitudini di persone colorate e ridicolmente mascherate, si tengono numerose sfilate, spettacoli e gare di ballo. Il Carnevale attira molte persone da tutto il mondo.

Durante tutto l’anno, il paese ospita numerosi eventi di musica e danza, che riflettono il carattere del popolo brasiliano appassionato di danza, musica e calcio.

Vacanze in Brasile

La criminalità è un grosso problema nel paese. Si consiglia di non portare con sé gioielli costosi, orologi, ingenti somme di denaro, prestare particolare attenzione a telefoni cellulari e documenti. Se noleggiate un’auto, è consigliabile chiudere i finestrini, chiudere a chiave le porte e fermarsi ai semafori. Un viaggio nei bassifondi è meglio organizzato in modo indipendente.

Non sono richieste vaccinazioni per la visita, ma si consigliano le vaccinazioni contro la febbre gialla, l’epatite A e B. Le compresse contro la malaria sono preferite per alcune aree.

connessione

Oltre ad utilizzare un telefono cellulare con uno dei quattro operatori mobili nazionali, si consiglia comunque di utilizzare un telefono pubblico perché i costi sono notevolmente inferiori.

La copertura della rete mobile è buona (GSM), mentre le reti 3G e HSDPA funzionano solo nelle città e nelle aree turistiche più grandi. Puoi trovare una rete wireless Wi-Fi in tutti i principali hotel, aeroporti e centri commerciali. La posta è relativamente affidabile.

trasporto

A causa delle dimensioni del paese, le lunghe distanze sono coperte dall’aereo, tutte le principali città hanno aeroporti e il loro numero è aumentato negli ultimi dieci anni, il che in linea di principio significa più scelta e prezzi più bassi.

Il Brasile ha la più grande rete stradale dell’America Latina con una lunghezza di oltre un milione e mezzo di chilometri, nella regione amazzonica le strade sono in cattive condizioni. Lo stile di guida ricorda quello europeo, ma dinamico, quindi si consiglia una guida attenta. L’autonoleggio è disponibile in tutte le principali città, i taxi usano un tassametro.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *