Guida turistica dell’Argentina

фото аргентины
23.03.2019 0 Comments

L’Argentina è il paese del tango, del calcio e della natura unica. Eccellenti condizioni per la ricreazione sono fornite da ampie spiagge sabbiose sulla costa e da un’ampia selezione di hotel di standard diversi, garantendo il comfort dei turisti.

Capitale: Buenos Aires
Valuta: Peso (ARS)
Popolazione: 40.091.400
Elettricità: 220 V – 240 V
Prefisso internazionale: ++ 54
Fuso orario: UTC-3
Chiamata di emergenza: 107 o 911
Area: 2.766.891 km² Riprese
satellitari e camminata verso la destinazione: https://goo.gl/maps/NepjrQg5hJF2

posizione geografica

L’Argentina si trova nella parte meridionale del continente dall’Atlantico a est fino al confine delle Ande a ovest. La montagna più alta dell’Aconcagua (6959 m sul livello del mare) si erge nella Cordigliera Occidentale.

Il lato nord-occidentale dell’Argentina è occupato dall’altopiano della Puna de Atacama, circondato da colline vulcaniche. Nella parte nord-orientale del paese c’è una vasta valle di tre grandi fiumi: Paraguay, Parana e Uruguay chiamata «La Plata». La parte occidentale della regione — Gran Chaco — è una pianura loess con savana spinosa. L’area orientale è la Mesopotamia argentina, che si estende tra i fiumi Paranà e Uruguay. Il confine settentrionale è il fiume Iguazu con la cascata più bella del mondo, Cataractas del Iguazu.

carta fotografica

A sud della pianura di Plata si trova la pianura di Pampa Loess, designata come l’area agricola più importante del paese. Le creste isolate dei monti Ventanovy si innalzano nella parte meridionale e le catene montuose nella parte nord-orientale.

L’area geografica più meridionale dell’Argentina sono le montagne della Patagonia. È un altopiano roccioso semidesertico, diviso da profonde valli fluviali. Raggiungendo l’Oceano Atlantico, l’altura forma un’alta costa rocciosa con numerose baie.

Vacanze in Argentina — clima e tempo

La parte settentrionale è caratterizzata da un clima caldo subtropicale e tropicale, la parte meridionale è caratterizzata da un clima freddo subpolare, temperato del centro. In estate le temperature variano da 8 °C al sud a 35 °C al nord e in inverno da 2 °C a 18 °C.

La quantità di precipitazioni sulla costa è piuttosto elevata, più di 1600 mm all’anno. La quantità di precipitazioni diminuisce all’interno, fino a 50 mm. La più alta quantità di precipitazioni nelle zone di alta montagna — da 2000 a 6000 mm.
Si consiglia di visitare il sud in estate (dicembre, febbraio). Il nord è adatto allo svago in qualsiasi periodo dell’anno, ma in estate fa molto caldo, a volte anche sopra i 35°C. In primavera e in autunno la temperatura non supera i 30°C.

Storia

In epoca precolombiana, il territorio dell’Argentina moderna era abitato da tribù indiane nomadi che si dedicavano alla caccia e alla raccolta. Intorno al XVI secolo c’erano 340.000 popolazioni indigene che vivevano in Argentina. La prima metà di questo secolo fu segnata dalla colonizzazione dei coloni spagnoli che fondarono nuove città: Buenos Aires e Asuncion.

La resistenza iniziale degli indiani fu rapidamente soppressa e allo stesso tempo si scoprì che la popolazione nativa non aveva immunità alle malattie portate dall’Europa, il che portò alla loro significativa riduzione.
I coloni iniziarono a chiedere l’indipendenza politica ed economica dal sovrano della Spagna, nel 1776 fu istituito il vicereame del Rio de la Plata. La vittoriosa rivolta che rovesciò il re spagnolo portò alla dichiarazione di indipendenza e alla creazione di una repubblica nel 1816.

Il XIX secolo fu un periodo di crescita economica, ma i frequenti conflitti tra lo stato militare al potere e i sostenitori dell’alleanza con l’Europa portarono a un graduale calo delle prestazioni. Rosas, che è salito al potere, ha migliorato la situazione, ma con l’aiuto dell’esercito, della polizia politica e della legalizzazione della tortura. Il governo autoritario fu rovesciato nel 1852 e un anno dopo fu adottata una costituzione che stabiliva il potere presidenziale e consentiva l’afflusso di investimenti esteri. Nello stesso periodo sono arrivati ​​molti emigranti da diversi paesi, è apparso un nuovo problema: la mancanza di lavoro, che ha portato al collasso dell’economia e alla crisi.

Il nuovo presidente, Juan Domingo Peron, attuò numerose riforme socioeconomiche, ma nel 1955, a seguito di un colpo di stato militare, l’amministratore fu estromesso dal potere. Un tentativo fallito di riconquistare il potere da parte dei sostenitori di Peron ha portato all’introduzione di una dittatura militare con l’obiettivo di eliminare tutti gli oppositori del governo, si stima che in quel momento siano scomparse circa 9.000 persone.

I prestiti multimiliardari che furono creati in quel momento portarono alla svalutazione del denaro e a un’inflazione molto alta. La rapida crisi economica ha innescato un’ondata di proteste. Per pacificare la popolazione, il presidente Galtieri ha cercato di occupare la colonia britannica al largo della costa argentina delle Isole Falkland. Il fallimento della guerra portò al ritiro dell’esercito dai governi.

Nel 1983 fu eletto presidente Raul Alfonsin Fulkes, rappresentante del Partito Radicale. Questo ha segnato l’inizio della fase successiva delle riforme socioeconomiche. Nel 1989 Carlos Saul Menem divenne presidente.

luoghi d’interesse

I parchi nazionali sono alcuni dei luoghi più interessanti dal punto di vista naturale, il più grande dei quali è il Nahuel Huapi andino. Interessanti anche le foreste a galleria sempreverdi nelle valli dove cresce il kebračo, con legno resistente a varie condizioni atmosferiche, principalmente all’umidità.

Ancora più attraenti sono le cascate di Iquazu, il Parco alpino dell’Aconcagua, il lago postglaciale Nahuel Huari, la penisola di Valdes con le sue belle spiagge e la foresta nazionale di Los Glaciares con le sue fantastiche scogliere.

La capitale che gode di maggiore popolarità è, ovviamente, Buenos Aires, la capitale del tango. Durante la tua vacanza, ti consigliamo di visitare la Plaza de Mayo con i suoi imponenti edifici, la cattedrale che protegge la tomba di José de San Martín, il palazzo presidenziale Casa Rosada, la Casa Rosa, nonché il magnifico Teatro Colombo e la principale via pedonale Chiama.

Nella parte nord-occidentale del paese, nelle gole di Puna de Atacama, villaggi indiani, si trovano numerose chiese pittoresche, pregevoli monumenti dell’architettura coloniale del XVI e XVII secolo. secolo. Inoltre, sono state conservate le rovine di antichi forti e città Inca — Salta, San Salvador, San Miguel de Tucuman. A Cordoba, la terza città più grande dell’Argentina, tra i tanti monumenti dell’era coloniale, c’è un edificio universitario, costruito nel 1616.

le citazioni sono le migliori

economia

L’Argentina è un paese prevalentemente agricolo, è uno dei più importanti produttori mondiali di cereali, semi oleosi, lana e carne. Quasi 1/3 del raccolto di grano viene esportato. Pascoli e seminativi costituiscono oltre il 60% del territorio del Paese.

La direzione dominante in agricoltura è la coltivazione del cotone, della canna da zucchero, del tabacco, degli agrumi. L’Argentina si è classificata prima tra i paesi dell’America Latina e quarta nel mondo nella viticoltura e nella produzione di vino.

Le foreste coprono il 22% della superficie del paese e il legno tagliato viene utilizzato principalmente per la produzione di materiali da costruzione. Il materiale dell’albero di kebraho viene utilizzato attivamente per ottenere il tannino, che viene utilizzato per la concia delle pelli, nelle industrie chimiche e farmaceutiche. L’Argentina è considerata il più grande esportatore di tannino al mondo (95%).

Il paese ha ricchi giacimenti di risorse minerarie ed energetiche, principalmente petrolio, gas naturale, uranio e berillio. L’ingegneria meccanica è fondamentale per le industrie a valle, inclusa l’industria automobilistica, di cui l’Argentina è la seconda più grande del Sud America. Il turismo si è sviluppato negli ultimi anni, l’Argentina è la prima nella lista del Sud America in termini di numero di hotel per turisti.

Vacanze in Argentina

La cucina argentina potrebbe non essere la migliore del mondo, ma i visitatori non dovrebbero perdersi la carne bovina e il vino locale. Spuntini tradizionali sono salsicce chorizo ​​e morcilla, pasticcio di carne empanadia. Pollo, pizza, bistecche di maiale con patate, formaggio e pomodori sono spesso sulle tavole.

Gli abitanti di questo paese sono dei veri golosi, qui troverete torte caras sucias ricoperte di zucchero di canna, biscotti con glassa al cioccolato e crema milky — caramello.
La migliore bevanda alcolica è il vino, che viene servito a pranzo ea cena, oltre al whisky, al gin e alla birra nazionale Quilmes. Mate tea, caffè forte, succhi di frutta e cocktail aiutano la gente del posto a sopravvivere alla calda estate.

cultura e lingua

La cultura e l’arte argentine sono saldamente radicate nelle tradizioni europee, influenzate da numerosi emigranti. Elementi di queste tradizioni si riflettono nell’artigianato, nella musica, nella letteratura e in alcuni sport come il calcio e il polo.

La lingua ufficiale è lo spagnolo, ma molti immigrati hanno mantenuto la propria lingua madre. La religione di stato è il cattolicesimo. Tuttavia, sono diffuse anche credenze popolari che differiscono dalla dottrina, come lo spiritismo e il culto dei morti. Molti pellegrini visitano le tombe di personaggi famosi, ad esempio, i ritratti di eroi nazionali come Juan ed Evita Peron o Carlos Gardel sono oggetto di venerazione.

Tra gli scrittori argentini Julio Cortazar, Jorge Luis Borges, Ernest Sabat, Manuel Puig sono diventati famosi a livello internazionale e tra i registi Luis Puenso, Eliseo Subil, Hector Babenko e Maria Luisa Bemberg.

L’Argentina è conosciuta in tutto il mondo come la culla del tango. Era una danza dei poveri della periferia di Buenos Aires, le «classi alte» la consideravano immorale. Oggi, il tango è considerato un popolare classico della danza latinoamericana.

Il Museo Nazionale di Storia Museo Histórico e MALBA, che ha una ricca collezione d’arte di artisti famosi provenienti da tutto il continente, ti aiuterà a familiarizzare con la storia.

Formazione scolastica

L’istruzione in Argentina è molto apprezzata. Il Consiglio nazionale determina il curriculum standard seguito da tutte le scuole del paese. L’istruzione obbligatoria inizia all’età di sei anni e termina all’età di quattordici anni. Le scuole pubbliche sono gratuite, ma le divise e i libri vengono acquistati dai genitori. Quando gli studenti arrivano a scuola, alzano la bandiera del paese e cantano l’inno nazionale. I bambini che intendono iscriversi all’istruzione superiore devono superare l’esame di maturità.

Ci sono circa 50 università in Argentina, di cui circa la metà sono di proprietà statale. La più grande università con 140.000 studenti si trova a Buenos Aires.

Vacanze in Argentina — sicurezza e salute

L’Argentina è un paese sicuro, tuttavia, la cautela non è mai superflua. Prestare attenzione alla sicurezza di oggetti di valore, documenti in luoghi affollati. Fai attenzione alla strada perché gli argentini guidano molto velocemente e possono cambiare direzione in pochi secondi. Se non fumi, preparati a una grande corrente di fumo di tabacco, perché è consentito fumare in molti caffè, bar, ristoranti.

A Buenos Aires è disponibile una buona assistenza medica, la maggior parte dei medici e degli ospedali prevede il pagamento in contanti, indipendentemente dal fatto che tu abbia o meno un’assicurazione sanitaria di viaggio. Non sono richieste vaccinazioni speciali.

connessione

L’Argentina offre la possibilità di utilizzare le comunicazioni mobili GSM, CDMA, TDMA. A Buenos Aires e in altre grandi città, puoi acquistare telefoni cellulari utilizzando i chip SIM. Alcuni hotel forniscono comunicazioni gratuite. Il segnale copre gran parte del Paese, è più debole solo nelle zone agricole, lo stesso vale per Internet. Puoi anche contattare i tuoi parenti via mail, l’orario di lavoro è lo stesso che in Europa.

trasporto

Se hai intenzione di viaggiare in tutto il paese, prova a viaggiare in aereo, questo modo di viaggiare sarà molto più economico e farà risparmiare tempo. Negli anni il traffico ferroviario intercity è diminuito, rimangono solo i collegamenti tra le province e il capoluogo, la velocità media di percorrenza è di 30 km/h, quindi il treno è più adatto per una piacevole passeggiata.

Poiché l’Argentina è enorme, molte zone della provincia possono essere raggiunte solo in auto. Ciò è particolarmente vero in Patagonia, dove le distanze sono lunghe e gli autobus arrivano raramente. Inoltre, viaggiare in auto ti aiuterà a vedere tutti i luoghi d’interesse, perché i mezzi pubblici non si fermeranno di certo per avere una visione migliore del monumento.

Condizioni per il noleggio di un’auto: possesso di una patente di guida internazionale per ottenere una patente di guida nazionale. Un’alternativa al noleggio è un taxi con prezzi abbastanza economici, grazie ai contatori installati. Un’altra opzione, il taxi Remises, che opera senza tassametro con un prezzo fisso, a volte è più conveniente che con tassametro.

Andare in vacanza in Argentina, come qualsiasi altro paese, richiede spese in contanti, tieni sempre con te almeno $ 40 in contanti per lasciare una mancia o comprare un souvenir al mercato.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *