Guida di viaggio della Nuova Zelanda

красивый закат
12.03.2019 0 Comments

La Nuova Zelanda è la terra delle mille varietà o il mondo intero in un solo paese. La diversità che si riflette nella bellezza naturale di imponenti montagne, laghi, fiumi veloci, fiordi, zone vulcaniche, isole e baie costiere indescrivibili costringe i turisti a trascorrere tutti i loro giorni di vacanza nella natura.

Capitale: Wellington
Valuta: dollaro neozelandese
Popolazione: 4.270.360
Elettricità: 230 V / 50 Hz
Prefisso internazionale: +64
Fuso orario: UTC + 12 Linea di assistenza
: 111
Area: 267.709 km²
Immagine satellitare e destinazione a piedi: https: //goo.gl/ mappe/wVsuFdrmuz62

posizione geografica

L’arcipelago della Nuova Zelanda è costituito da isole settentrionali, meridionali e un certo numero di piccole isole, il 75% dell’area è montuosa. Le pianure si trovano solo lungo la costa.
L’isola meridionale è più montuosa, con le catene montuose più alte delle Alpi meridionali con una superficie coperta di ghiaccio di circa 1000 km². Il Southwest Fiordland si distingue per le sue numerose cascate che scorrono dalle montagne alla riva del mare.

L’isola settentrionale è meno montuosa, ma nota per i suoi fenomeni vulcanici. Nella sua parte centrale si trova un altopiano vulcanico con la vetta più alta Ruapehu (2797 m sul livello del mare), geyser, sorgenti minerali e laghi. L’alto massiccio è circondato da catene montuose parallele alla costa. Le creste orientali, i monti Taraura e Raukumara, sono una continuazione delle Alpi meridionali, a est ea sud ci sono aree pianeggianti.

mappa della zelanda

Informazioni sul clima della Nuova Zelanda

L’isola settentrionale e la parte settentrionale dell’isola meridionale appartengono alla zona climatica marina subtropicale e la parte meridionale appartiene alla zona temperata calda. Le temperature annuali sono basse e le temperature medie annuali sono di 9-15 ° C. La maggior parte delle precipitazioni, fino a 6000 mm all’anno, cade sulle pendici occidentali delle Alpi, dove prevalgono le masse d’aria calda e umida del Mar di Tasmania. I versanti orientali sono molto asciutti, con meno di 500 mm di precipitazioni, che sono legate al vento che porta aria molto secca da nord-ovest. La velocità del vento può raggiungere i 15 m/s.

I mesi più caldi in Nuova Zelanda vanno da dicembre a marzo. L’autunno dura da marzo a maggio e le temperature sono abbastanza alte per le nostre condizioni. A nord dell’isola 17-23 ° C e a sud 19-14 ° C. Il tempo è instabile e il resto può essere oscurato da frequenti piogge o siccità. Il momento migliore per visitare è qualsiasi momento, la zona è sempre felice di accogliere gli ospiti ed è bella indipendentemente dal calendario.

Storia

Le isole della Nuova Zelanda sono le ultime ad essere abitate da europei tra gli altri paesi del Pacifico. Si ritiene che i Maori, gli abitanti della Polinesia, siano arrivati ​​qui nell’VIII-IX secolo d.C. La tribù si dedicava alla caccia, all’agricoltura, alla raccolta e alla pesca. Il primo europeo a raggiungere la costa della Nuova Zelanda nel 1642 fu l’esploratore olandese Abel Tasman. Il navigatore chiamò il paese il Parlamento dei Paesi Bassi, il nome attuale del paese deriva da una delle province — Zelanda.

Nel 1769-1774 l’area fu visitata più volte dall’esploratore inglese James Cook, che dimostrò che le isole non fanno parte del continente meridionale, come si pensava inizialmente. Inoltre, ha creato una mappa dettagliata della costa, delle rocce locali e della vegetazione.

Alla fine del 18° secolo fu fondata una base baleniera con una popolazione di 250.000 Maori. All’inizio del XIX secolo iniziarono ad arrivare criminali e detenuti britannici in fuga dalla giustizia europea. Malattie come morbillo, vaiolo, tifo iniziarono a diffondersi tra le popolazioni autoctone, provocando una significativa diminuzione del numero della popolazione autoctona.

L’autorità ufficiale del governo britannico sulle isole della Nuova Zelanda fu riconosciuta nel 1840. La creazione dell’ufficio di governatore e l’introduzione di leggi permisero di ridurre l’illegalità prevalente. Più tardi arrivarono gli inglesi e stabilirono la capitale Wellington.

La popolazione indigena è stata trattata molto male e gran parte è stata spostata nelle zone di pianura. I crescenti conflitti portarono a una rivolta del popolo Maori e a una guerra aperta con i coloni nel 1845-1846. e 1860-1872. I Maori subirono una grande sconfitta e il processo di reinsediamento si intensificò.

L’attività commerciale è stata attivamente sviluppata. L’esportazione di cibo e lana in Australia era estremamente importante. La scoperta di giacimenti d’oro nel 1861 provocò un nuovo afflusso di europei. Dall’inizio del XX secolo fu attuata la riforma agraria, furono costruite molte nuove strade, fu introdotta la legislazione sociale e alle donne fu concesso il diritto di voto. Nel 1931 concesse ai residenti la piena indipendenza nella conduzione della politica interna ed estera. Ciò ha reso il paese uno stato indipendente, parte del Commonwealth britannico.

La crisi economica del dopoguerra ha portato ad aumenti delle tasse, restrizioni all’assistenza sociale e l’introduzione della riprivatizzazione delle imprese statali. La Nuova Zelanda è attualmente uno dei paesi con il reddito nazionale pro capite più alto al mondo.

Massime sulla vita

luoghi d’interesse

Le informazioni moderne sulla Nuova Zelanda rivelano numerosi monumenti e musei, quindi la natura è un’attrazione. Vegetazione unica, montagne innevate, laghi blu e cascate sono i motivi principali per cui i turisti vengono qui.

Queenstown. La capitale dell’adrenalina con sci, paracadutismo, moto d’acqua e infiniti prati verdi.
Rotorua. Conosciuta come zona storica un tempo abitata dai Mori, un’altra attrazione sono le sue sorgenti termali e i geyser.
Taupo. Cascate, pesca, Lago Taupo.
Blenheim. Sarà interessante per gli intenditori del vino domestico e, naturalmente, dell’agricoltura.
Nelson. Una piccola città soleggiata di arte e musica con diversi parchi nazionali, circondata da bellissime montagne.
Wanaka. Una città con accesso al MT Aspiring National Park, dove puoi partecipare a escursioni, kayak e kayak.

Economia della Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda è un paese economicamente altamente sviluppato. Il settore dei servizi, l’agricoltura è il più importante per il reddito nazionale (fino al 68%). I terreni agricoli costituiscono più della metà del territorio del paese, compresi prati e pascoli, si allevano principalmente pecore e bovini.

Inoltre, la Nuova Zelanda è il più grande esportatore mondiale di lana, carne, latticini, pesce e conifere. Come fornitore di burro, il Paese è al secondo posto e, in termini di numero di pecore, al primo posto la produzione di latte per abitante.

Anche l’estrazione di risorse naturali come lignite, gas, minerale di ferro, oro, argento, tungsteno, manganese e rame è abbastanza ben sviluppata. L’industria manifatturiera è principalmente l’industria alimentare, sebbene vengano presi in considerazione anche l’ingegneria meccanica, la lavorazione dei metalli, l’ingegneria elettrica e i trasporti. I primi posti sono segnati nella produzione di alluminio.

cultura e lingua

La cultura della Nuova Zelanda si basa sull’eredità Maori e sulle influenze coloniali. I viaggiatori vengono spesso in questo paese per incontrare i primi coloni e conoscere meglio le loro tradizioni. Raramente si verificano disaccordi tra europei e tribù Maori, poiché la nazione neozelandese è ancora molto giovane, la loro cultura personale non è completamente formata, la maggior parte dei costumi sono presi dagli abitanti indigeni dell’isola e dell’Europa.

Dovresti evitare frasi secondo cui la Nuova Zelanda è effettivamente subordinata alla Gran Bretagna, queste parole causano risentimento nella popolazione locale e tutte le cerimonie i turisti dovrebbero essere trattati con grande rispetto. Per quanto riguarda le abitudini alimentari, la rete della ristorazione non è sufficientemente sviluppata, così come l’abitudine di visitare tali esercizi. I caffè sono più i benvenuti, dove la popolazione si riunisce all’ora di pranzo con una tazza del miglior caffè espresso del mondo.

La Nuova Zelanda usa ufficialmente l’inglese, il maori e la lingua dei segni. L’inglese è leggermente diverso dallo standard, alcuni viaggiatori hanno difficoltà a capire il dialetto locale.

Formazione scolastica

Per molti anni, le istituzioni educative della Nuova Zelanda hanno accolto studenti internazionali dal sud-est asiatico. La scuola inizia all’età di cinque anni e termina all’età di sedici anni. Le conoscenze di base vengono acquisite in sei anni, la scuola secondaria dura due anni e l’istruzione superiore dura cinque anni. Gli standard accademici sono in costante aumento, ad esempio, dal 2007 Akland, Messi, Otago, Canterbury, Victoria University of Wellington sono entrati nelle prime 100 università della regione Asia-Pacifico.

opera

Per l’occupazione temporanea o permanente, il richiedente deve allegare un permesso o visto valido, conto bancario del paese, IRD — codice fiscale interno. Gli esperti dovrebbero avere una prova dell’esperienza professionale, un documento sul rilascio delle qualifiche. Sono apprezzati i lavoratori stranieri nei settori della medicina e dell’edilizia.

Informazioni sulla Nuova Zelanda — sicurezza

La Nuova Zelanda è un paese sicuro, quindi le raccomandazioni qui sono standard: non lasciare
oggetti di valore in luoghi visibili e accessibili, avvisa i tuoi cari o i dipendenti dell’hotel dove sarai il prossimo. Prima di entrare in questo sport adrenalinico, impara il più possibile sulla compagnia per rimanere in salute.

A volte sull’isola si verificano terremoti, che causano distruzione materiale e perdita di parenti. Quando una situazione difficile ti trova solo, chiama il 111 o il 112 per contattare un centralino che ti mette in contatto con la persona di cui hai bisogno: polizia, vigili del fuoco o ambulanza.

Salute

Non ci sono misure sanitarie speciali prima di entrare in Nuova Zelanda. Indossare la protezione solare e indossare un cappello è obbligatorio perché la radiazione UV qui è del 40% superiore rispetto a qualsiasi altro paese. Malattie sconosciute al mondo, acque sporche sono escluse. Il sistema sanitario è a livello di classe europea.

connessione

Telefono. La Nuova Zelanda ha una rete telefonica ben sviluppata. Telekom ha il maggior numero di telefoni pubblici gialli e blu. La maggior parte di loro funziona con carte di credito e telefoniche. Il segnale mobile copre bene le città; nelle zone rurali, collinari o montuose si perde l’accesso alla rete. I principali operatori di telecomunicazioni sono Telecom, Vodafone, 2degrees.

Internet. L’accesso a Internet è piuttosto costoso, puoi controllare la tua posta in vari bar online, ma solo con una connessione sicura con un efficace programma antivirus. Le bollette orarie per i bar online di solito vanno da $ 4 a $ 8. Inoltre, molte biblioteche forniscono Internet per 15 minuti, ma puoi utilizzare solo BBC, Al Jazeera, Google. Wi-Fi è disponibile in molti punti vendita.

Posta della Nuova Zelanda. È possibile affittare una casella di posta per un massimo di tre mesi, il costo dell’invio di una lettera all’estero costerà quasi due dollari.

Tradizioni

In generale, la popolazione della Nuova Zelanda tollera i nuovi arrivati, ma se hai intenzione di interagire a stretto contatto con i neozelandesi, ci sono alcune regole di base che dovresti conoscere per evitare lamentele accidentali. Comunica sempre secondo tutte le norme di etichetta, dì parole di gratitudine e sappi che in questo paese è necessario offrire aiuto più volte, perché le persone sono estremamente modeste.

Se sei un ospite per alcuni giorni, assicurati di lasciare circa $ 20 sul tavolo prima di partire per coprire la bolletta della luce. Inoltre, presta attenzione al tono del tuo discorso, alla maleducazione, qui provoca disgusto nei confronti della persona, così come l’abitudine di sfidare le opinioni degli altri.

Trasporti Nuova Zelanda

trasporto aereo. Air New Zealand e Jetstar, così come Qantas e alcune altre, offrono voli nazionali tra le principali città, spesso più economici rispetto ai viaggi in auto o in treno, soprattutto quando la rotta è tra le isole meridionali e settentrionali.

treni. Questo tipo di trasporto è caratterizzato da un movimento lento, a una velocità non superiore a 110 km/h. Il motivo è la scarsa qualità delle ferrovie e dei servizi. Allo stesso tempo, i biglietti sono piuttosto costosi.

Macchina. Guidare sul lato sinistro, i tassisti sono educati e rispettano sempre le regole. Il noleggio è possibile con una patente di guida internazionale, la maggior parte delle auto ha il cambio manuale.

La Nuova Zelanda è talvolta chiamata la fine selvaggia del mondo, dominata dalle tradizioni dei secoli passati, da innumerevoli fonti d’acqua, piante e animali rari. I viaggiatori che sono stati qui una volta non possono dimenticare a lungo le conoscenze e le impressioni acquisite, il che li costringe a tornare di nuovo qui.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *