guida turistica delle Figi

природа фиджи
12.03.2019 0 Comments

Quando vieni alle Fiji, potresti avere l’impressione che il paradiso esista davvero. La fine sabbia bianca e fine delle spiagge, il mare azzurro e le palme che crescono sulla costa lo confermano perfettamente. Oltre a rilassanti passeggiate lungo la costa e visite turistiche, ci sono numerose opportunità per attività all’aria aperta.

Capitale: Suva
Valuta: FJD (dollaro delle Fiji)
Popolazione: 858.038 persone (nel 2012)
Prefisso internazionale: +679
Fuso orario: UTC + 12
Area: 18.274 km
Immagine satellitare e descrizione dettagliata della destinazione: https: // goo. gl/maps/uSdrzeW5Fc12

posizione geografica e natura

La Repubblica delle Figi è un posto fantastico sulla mappa del mondo. Una nazione insulare situata nella parte sud-occidentale dell’Oceano Pacifico, a ovest di Tonga, a sud di Tuvalu e ad est di Vanuatu, che comprende più di 330 isole «abitate» e 500 disabitate di origine vulcanica. Le isole più grandi sono Viti Levu, che costituisce quasi la metà del paese, e Vanua Levu. La vetta più alta qui è il monte Tomanivi, situato a Venua Levu, a 1324 metri sul livello del mare.

La maggior parte delle isole ha una costa ben sviluppata, con profonde baie interne e basse scogliere. Le isole minori sono di forma ovale, le più grandi un tempo facevano parte dell’Australia, ma in passato si separavano dalla terraferma e diventavano un territorio autonomo. Le isole di medie dimensioni sono continentale-vulcaniche, le più piccole si sono formate a seguito di eruzioni vulcaniche o sono di origine corallina.

Circa il 60 per cento del territorio è coperto da foreste tropicali sempreverdi, dominate da felci arboree, palme e bambù. Altre aree hanno savane umide e foreste a galleria crescono sopra i fiumi. Nelle regioni aride, savane erbose, acacie e mirto. Ci sono principalmente rettili: lucertole, serpenti, numerosi uccelli, oltre a capre selvatiche, maiali, pipistrelli.

Figi sulla mappa

Clima dell’isola di Figi

Le Figi hanno un clima tropicale con forti alisei che soffiano da sud-est. La temperatura media annuale è elevata e raggiunge i 27°C. La più intensa a gennaio e febbraio, quando i termometri segnano più di 30°C, e nei mesi di luglio e agosto intorno ai 26°C. La quantità media di precipitazioni è di 2000 mm, nel parte sud-orientale e orientale dell’isola fino a 6500 mm all’anno.

Le precipitazioni minori sono state registrate nella parte nord-occidentale del paese, circa 1500 mm. Le isole subiscono forti temporali durante la stagione delle piogge, a febbraio e marzo.
È meglio visitare le Fiji in estate, è molto caldo e umido in inverno. Nella stagione calda sono possibili forti piogge, ma di breve durata. A luglio, la temperatura dell’acqua e dell’aria è di circa 27 gradi Celsius.

Storia

Le isole Fiji furono scoperte dagli europei nel diciassettesimo secolo: Abel Tasman arrivò nel 1643. Più di 100 anni dopo, le isole furono governate dal famoso viaggiatore James Cook. Tuttavia, le Fiji erano abitate molto prima di questo evento da un popolo di origine melanica. Gli europei hanno a lungo evitato i territori a causa del cannibalismo che veniva praticato come parte di un rituale militare.

L’anno 1874 fu segnato dall’insediamento della colonia britannica, pochi anni dopo gli indiani vennero qui per lavorare nella piantagione. Negli anni Cinquanta del XX secolo, la politica iniziò a svilupparsi nelle Figi e apparvero i primi partiti, per lo più di natura etnica. Negli anni ’60, il Partito Alleato rilevò le altre fazioni del Paese che promuovevano l’idea di una cooperazione interetnica per il bene comune. Nel 1970, il governo delle Fiji adottò questo partito.

Una data importante nella storia del paese è il 1966, quando ricevette l’autonomia interna come parte del Commonwealth britannico. Le Figi ottennero l’indipendenza nel 1970 e divennero una repubblica 17 anni dopo. In effetti, la Repubblica delle Figi è dominata dalla democrazia, sebbene sia stata interrotta due volte da colpi di stato: attacchi militari alimentati dall’angoscia tra la maggioranza della popolazione indiana e le popolazioni indigene.

Nel 1990 è stata adottata una nuova costituzione che garantiva ai Fijiani il pieno controllo del loro paese. Un’altra conseguenza di questo evento fu la massiccia emigrazione di indiani dallo stato, che non era più loro amico. Sette anni dopo l’adozione della Costituzione, furono apportate le sue più giuste modifiche. Le elezioni del 1999 si conclusero con la vittoria degli indiani e la loro instaurazione del potere. Un anno dopo crollò dopo un attacco del nazionalista George Speight.

detti famosi

Il governo democratico è stato ripristinato alla fine del 2000, è stato creato un nuovo governo ad interim e Laissen Karase ha assunto la carica di primo ministro. Alla fine del 2006 ha avuto luogo un altro attacco militare, dopo il quale l’adesione delle Figi alle Nazioni Unite è stata sospesa. L’attacco è stato effettuato dal comandante Bainimarama, che è diventato il capo dell’isola nel gennaio 2007.

Due anni dopo c’è stata una crisi, il Presidente della Repubblica J. Iloilo ha prima messo sotto accusa i giudici della Corte Suprema ritenendolo illegale, poi ha annullato la costituzione e imposto lo stato di emergenza. Nel luglio 2009 E. Nailatikau è diventato presidente.

guida di viaggio per l’isola di Figi

Per riposare alle Fiji, la maggior parte dei turisti viene a Suva, la capitale del paese, dove oltre alle splendide condizioni naturali, puoi vedere i giardini botanici, il Museo Nazionale delle Fiji, il tempio Sri Suva-Subramaniya nel Nadi regione. Il centro della città è decorato con un complesso di imponenti edifici amministrativi.

Per gli amanti delle immersioni, consigliamo la Coral Coast con una varietà di pesci o la Rainbow Reef, che si estende per 32 km tra le isole di Taveuni e Vanua Levu. Comprende anche il sito di immersione più famoso, la Great White Wall, dove i coralli sono così luminosi sott’acqua da creare un effetto luminoso. Le spiagge più famose della regione sono Korotogo, Toubakula e Vatulele.

C’era una volta, la capitale delle Figi era la città di Levuka sulla cresta di Ovalau, i resti di un antico cratere di un vulcano. Gli edifici accanto al terrapieno sono in legno e dipinti con colori vivaci. Dovresti anche visitare l’eco-parco di Kula con uccelli rari, rettili, vegetazione lussureggiante, situato a circa 6 km a est della città di Sigatoka. Una popolare attrazione turistica tra gli ospiti è un giro in motoscafo tra le isole di Java, Mananunka, Sand Dunes, Nadi, Yasawa.

Cultura

Ufficialmente, la popolazione delle Figi parla tre lingue: inglese, fijiano e Hindustani. Circa il 53% della popolazione è protestante. Quasi il 28% professa l’induismo, poco più del 9% il cattolicesimo. Il resto aderisce alla religione dell’Islam, alla tradizione cristiana e all’ateismo. Come in Nuova Zelanda, qui viene preservata la cultura dei nativi, ad esempio, in tutti gli eventi importanti, mostrano la danza meka con tamburi ritmici, durante la quale vengono scambiati doni.

Oltre alle percussioni, vengono utilizzati il ​​mandolino e l’ukulele. Se sei invitato a visitare, non puoi rifiutare un regalo, a tavola possono fare varie domande sull’origine, le impressioni e non rispondere è una cattiva forma. Toccare la testa e i capelli è considerata una violazione dello spazio personale, quindi non dovresti accarezzare un bambino divertente o toccarlo mentre ammiri i riccioli dell’amante.

Pasti e bevande

La bevanda nazionale si chiama caffè, ed è una bevanda a base di radici di pepe di metistina. L’aspetto non incoraggia il consumo, il che è corretto, perché il test può portare a intossicazione, intorpidimento della lingua, sonnolenza. Le persone che abusano di alcol ne diventano dipendenti. Il caffè è un elemento essenziale della cerimonia sevusev, durante la quale l’ospite chiede il permesso di visitare il capo villaggio per presentare un regalo.

Gli ingredienti tradizionali della cucina delle Fiji sono pesce, manioca, frutti di mare. Un piatto famoso è il cocco con pezzi di pesce crudo in salsa, il latte di cocco con lime e peperoncino.

Sicurezza e vaccinazione

Le Figi sono un paese sicuro, devi solo preoccuparti dei tuoi effetti personali. La maggior parte dei crimini sono casuali, ma il più delle volte si verificano di notte in un ambiente urbano. Si sconsiglia di trasportare oggetti di valore che potrebbero portare ad un attacco.

Si consiglia ai viaggiatori di vaccinarsi contro il tetano e l’epatite B e contro l’epatite A vengono somministrati a determinati gruppi di turisti secondo la raccomandazione del medico. Per entrare nel Paese è necessario un certificato di vaccinazione.

Comunicazione — Internet e telefono

Sono disponibili le seguenti reti: Vodafone Fiji, Digicel Fiji, Connect. Internet non è disponibile in tutto il territorio, il segnale è stabile in hotel, bar, aeroporti, resort. La rete globale è piuttosto costosa; un giorno di utilizzo costa circa 50 dollari.

Andando all’isola delle Fiji, non dimenticare di portare con te una macchina fotografica, la natura della repubblica è così bella che vuoi non solo ricordarla, ma portarla con te. Un piccolo sassolino dalla riva o una conchiglia è sicuramente un bel ricordo, ma è meglio appendere una bella foto al muro.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *