Guida alla Croazia

пейзажи фото
11.03.2019 0 Comments

La bellezza naturale mozzafiato, il clima meraviglioso, il ricco patrimonio storico e le diverse destinazioni turistiche rendono questo paese estremamente attraente per i turisti. Numerose attrazioni, atmosfera romantica di stradine in pietra impressioneranno ogni viaggiatore.

Capitale: Zagabria
Valuta: kuna croata
Popolazione: 4,3 milioni
Elettricità: 220V, frequenza 50 Hz
Fuso orario: UTC + 1 (+2 in estate)
Numeri di telefono importanti: Polizia 92, Vigili del fuoco 93, Servizi di emergenza 94
Area del paese: 56.542 km ?
Immagini satellitari e una passeggiata attraverso la destinazione: https://goo.gl/maps/yz7MdfcB8fx

posizione geografica

La Croazia si trova nel sud-est dell’Europa, si estende dai margini orientali delle Alpi alla pianura pannonica, la parte centrale copre la catena montuosa della Dinara e la parte meridionale raggiunge il mare Adriatico. Confina con la Slovenia a nord-ovest, l’Ungheria a nord, la Bosnia ed Erzegovina a sud-est e il Montenegro a sud. La capitale del paese è Zagabria.

Mappa croata

Tempo e clima

Le estati qui sono secche e gli inverni sono caldi. La costa è nota per il suo sole, con un totale di 2.600 ore di sole all’anno, che non si trova in nessun altro paese del mondo. L’interno del paese è dominato da un clima continentale con temperature medie in gennaio di 0 — 2 °C, in agosto di 19 — 23 °C, temperature costiere di gennaio di 6 — 11 °C, in agosto di 21 — 27 °C , temperatura del mare di 25 °C. C — 27°C… Il periodo migliore per visitarla sono i mesi primaverili ed estivi.

Vacanze in Croazia

Nel II secolo a.C. i romani conquistarono l’area dell’odierna Dalmazia, fondando l’Illiria. Il resto dell’odierna Croazia divenne parte della provincia della Pannonia. Il resto più famoso di quel tempo è il palazzo dell’imperatore Diocleziano costruito nella città di Spalato.

Quando l’Impero alla fine si disintegrò, il territorio della Croazia apparteneva all’Impero Romano d’Occidente. Le terre vicine alla Serbia hanno servito l’Impero Romano d’Oriente, una divisione che ha influenzato il destino di entrambi i paesi, fino alla guerra croato-serba negli anni ’90.

Nel VI e VII secolo la popolazione latinizzata fu conquistata dagli slavi, alcuni sotto l’influenza della Chiesa romana e della cultura dell’Europa occidentale, altri sotto l’influenza della tradizione bizantina. Nonostante la lingua sopravvissuta fino ad oggi, le differenze culturali hanno creato due nazioni distinte.

Nel 1101, la Croazia strinse un’alleanza con l’Ungheria per difendersi dalla minaccia dell’ortodossa Bisanzio. Con questo il paese entrò a far parte del Regno d’Ungheria, rimanendo tale fino alla fine della prima guerra mondiale. Dubrovnik è stata un’eccezione per molto tempo. Questa città portuale, una repubblica dal XV secolo all’inizio del XIX secolo, era l’unico stato indipendente degli slavi meridionali.

Parallelamente al rafforzamento delle tendenze nazionali nel XIX secolo, è nata l’idea di unire tutti i meridionali in un unico stato indipendente. Vuk Stefanović attuò la riforma stabilendo la lingua, che da allora iniziò a essere considerata serbo-croata. Nel 1918, il governo di Belgrado formò il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, che dal 1929 fu chiamato Jugoslavia. È stato solo nel 1997, dopo guerre e conflitti religiosi, che alla Croazia è stato concesso il pieno controllo di questi paesi.

Destinazioni e attrazioni turistiche

Zagabria. La capitale della Repubblica di Croazia è un centro politico, diplomatico, culturale, economico, commerciale, dei trasporti e sportivo. Questa è una città di contraddizioni, vecchia e giovane allo stesso tempo; dopo molte megalopoli europee, la città è ricordata per il suo fascino e l’ospitalità dei suoi abitanti.

Il punto di partenza più adatto per visitare la città è la piazza principale Ban Josip Jelačić Square. Dato che Zagabria è una metropoli relativamente piccola in termini di popolazione e area, tutte le attrazioni di valore si trovano vicine l’una all’altra e le principali si trovano nel centro della città.

Parenzo. Un luogo storico con un ritmo turistico unico. Le case antiche, la famosa basilica, i vicini paesi di Laguna e Materada, oltre a tanti divertimenti, sono l’ideale per il viaggiatore viziato.

Laghi di Plitvice. Magnifica opera della natura, il parco nazionale è lungo 192 km ed è una delle più grandi attrazioni d’Europa. Sedici laghi dai bellissimi colori pastello blu-verdi, nel riflesso delle foreste, dei pendii di Mala Kapela e Plešivica, creano un’impressione unica.

Orsera. Pittoresco villaggio di pescatori con più di 2000 anni di storia, è un luogo di bellezza unica e tranquilla che sarà riconosciuto da tutti coloro che cercano una vacanza su una costa pulita, gli amanti della bicicletta e delle passeggiate. Gli abitanti di Orsera sono impegnati nell’allevamento del bestiame, nella vinificazione, nella pesca e, naturalmente, nel turismo.

Skradin. La città mediterranea con stradine lastricate, archi in pietra, scalinate è un monumento protetto perché contiene edifici del 18° e 19° secolo.

Canyon del fiume Cetina. Dalla città costiera di Omiš, dove il fiume sfocia nel mare, si estende per circa otto chilometri nell’entroterra. Poco prima che le sue acque tocchino il mare, Cetina supera un alto ostacolo roccioso e scogliere alte quasi 300 metri. In precedenza, questo ambiente unico veniva utilizzato dagli abitanti di Omiš come pirati, attaccando le navi dietro le pareti rocciose.

citazioni su cose diverse

Dieta

Oltre alla cucina europea, la Croazia offre anche i suoi piatti tradizionali come il prosciutto istriano, il formaggio di pecora e il kulen slavo. I boludi tradizionali variano da regione a regione. Dalmazia, Primorje, Istria e le isole offrono frutti di mare, carcasse di agnello e montone arrosto. I dessert includono noci con semi di papavero, formaggio fresco con frutta e savija.

Bevande

La coltivazione della vite, la produzione di vini selezionati è una lunga tradizione di viticoltori nella parte continentale, così come in Primorje e Dalmazia. Le varietà più conosciute della costa adriatica sono i vini rossi teran, merlot, cabernet, opalo, plavac, dingač, pureup e vini bianchi malvasia, papavero, pinot, kuyunjusha, žlahtina, moscato.
Vini continentali — Riesling, Gračevina, Burgundac, Traminac. I vini rossi da bere vengono mescolati con acqua naturale. Sono apprezzati anche il brandy di prugne e il brandy al maraschino.

Acquisti

La valuta croata è la kuna, 1 euro = ca. HRK 7,5, per quella cifra puoi mangiare un gelato o bere una tazza di caffè espresso. Caffè e ristoranti offrono cola e succhi di frutta per 15 HRK. I prezzi della birra (0,33 l) vanno da 14 HRK a 20 HRK, nei locali notturni fino a 25 HRK.

La cena per quattro persone nei ristoranti e nelle taverne locali costerà da 200 HRK a 350 HRK senza colazione, dessert e bevande. I migliori ristoranti sono un po’ più cari e i prezzi possono salire fino a 750 HRK, mentre una pizza costa circa 50 HRK.

Se vuoi cucinare da solo, tieni presente che i prezzi nei supermercati croati sono notevolmente inferiori a quelli dei negozi domestici. Il pane costerà 4-5 HRK, i pasticcini 2-3 HRK. I venditori sulla spiaggia offrono frittelle da 15 a 20 kune, ciambelle da 5 a 10 kune e il prezzo del mais bollito varia da 10 a 15, a seconda della spiaggia o del mercato. La caratteristica comune dei prezzi è la varietà, quindi ti suggeriamo di familiarizzare con il menu all’ingresso prima di consegnare l’ordine al cameriere.

Economia croata

Il 1° luglio 2013 la Croazia è diventata il 28° paese dell’UE. Il paese ha presentato domanda di adesione nel 2003 e i negoziati sono iniziati nel 2005. Come altri paesi dell’UE, la Croazia ha modificato la legislazione a livello dell’Unione, in particolare la sicurezza alimentare, il riconoscimento delle qualifiche professionali di altri paesi, la riduzione dei prezzi delle chiamate. da un cellulare all’estero. Nel primo trimestre del 2014 si è registrata una crescita dell’attività economica, in particolare nella crescita della produzione industriale, delle esportazioni e del commercio al dettaglio.

La posizione costiera della Croazia significa che molte aree dell’economia sono collegate al mare. In primo luogo sono la cantieristica e la pesca. Il clima mediterraneo ha creato condizioni favorevoli per la coltivazione di olive, fichi, arance e limoni. Quasi la metà di tutte le colture in Croazia sono vigneti coltivati ​​sulle isole e sulla costa.

Vacanze in Croazia

La Croazia è un piccolo paese con una natura meravigliosa, tradizioni interessanti, storia e gastronomia diversificata. Musicisti riconoscibili Tony Cetinski, Severina, Jinks sono venuti da qui. Il Museo delle Arti e dei Mestieri, il Museo della Tecnica e il Museo della Città di Zagabria riflettono gli eventi che creano l’immagine e lo sviluppo culturale e storico del paese. La stagione estiva è attraente per i turisti grazie ai numerosi festival.

I croati costituiscono il 78% della popolazione del paese. Quasi la stessa quota è occupata dai cattolici. I serbi sono una minoranza nazionale (12%), che professa l’ortodossia.

Lingua

La lingua ufficiale della Repubblica di Croazia è il croato. La lingua ufficiale è parlata dal 96% dei croati, mentre il restante 4% parla italiano, ungherese, ceco, slovacco e tedesco.

Formazione scolastica

L’istruzione in Croazia può essere condizionatamente suddivisa in primaria, secondaria e superiore, che è molto simile alla struttura russa. L’istruzione primaria è una scuola che dura 8 anni, è obbligatoria e comprende bambini di età compresa tra 6 e 15 anni. L’istruzione secondaria — da uno a cinque anni, è un programma di preparazione all’istruzione superiore.

Il requisito principale per l’iscrizione a un corso di laurea triennale è una precedente scuola secondaria completata con successo. Allo stesso tempo, l’istituto di istruzione superiore considera l’iscrizione di studenti senza istruzione secondaria, ma in questo caso gli esami sono valutati in modo più rigoroso. Le università più famose si trovano a Zagabria, Spalato, Fiume, Osijek, Zara, Dubrovnik e Pola.

opera

Per lavorare, lo straniero ha bisogno di un permesso, la cui richiesta è presentata dal datore di lavoro all’autorità competente insieme a una dichiarazione che attesti:

informazioni sullo straniero con il quale intende concludere un contratto di lavoro,
informazioni sul luogo di lavoro o sul tipo di lavoro e sulle condizioni di lavoro,
un certificato di iscrizione all’anagrafe, ufficio di rappresentanza, adempimenti fiscali e contributivi liquidati, spiegazione della validità del rapporto di lavoro dello straniero in forma libera. Il permesso di lavoro viene rilasciato per un certo periodo di tempo, purché il contratto di lavoro abbia durata, ma non superiore a due anni.

Un permesso di lavoro viene rilasciato a uno straniero se esiste un’attività registrata, c’è un’occupazione con l’aiuto della quale opera la società croata registrata o la persona possiede un blocco di azioni di controllo. In alcuni casi, gli stranieri possono lavorare senza permesso, puoi saperne di più dalle persone autorizzate.

Sicurezza

La Croazia è un paese sicuro. Il numero dei reati non è stato evidenziato. Tuttavia, tutti devono aderire alle norme accettate: non vestirsi in modo provocatorio, non lasciare oggetti di valore in luoghi visibili, ecc.

Salute

La Croazia non è un paese in cui ci si possono aspettare complicazioni per la salute, le condizioni igienico-sanitarie sono elevate, l’acqua del rubinetto è potabile. Non sono richieste vaccinazioni prima dell’ingresso. In caso di permanenza all’aperto, è consigliabile vaccinarsi contro la meningoencefalite da zecche, le punture di serpenti e ragni.

connessione

Telefono. Il prefisso internazionale della Croazia è 00385. Gli operatori mobili come T-mobile, VIP, Tele2, Bonbon, Tomato, Multiplus Mobile funzionano.

Internet. Il paese è ben coperto dalla banda larga a basso costo grazie alla forte concorrenza tra diverse società. Gli Internet cafè sono comuni nelle grandi città. L’accesso a Internet è disponibile nella maggior parte degli hotel e degli ostelli.

Ufficio postale. La Croazia è responsabile della consegna impeccabile delle spedizioni nel paese e all’estero. L’ufficio postale è ben organizzato, con orario di lavoro regolare dal lunedì al sabato. C’è una filiale a Zagabria che chiude dopo le 12 di sera.

Tradizioni

I croati sono una nazione molto impegnata e socievole, gente orgogliosa ma amichevole e ospitale. È consuetudine non discutere opinioni politiche e religiose; altrimenti, il paese non è diverso dagli altri.

Trasporti in Croazia

È un paese relativamente piccolo in cui non si viaggia per molti giorni.

trasporto aereo. Quasi tutti gli aeroporti internazionali organizzano voli per la capitale della Croazia — Zagabria, da dove puoi continuare il tuo volo verso la costa. La Croatian Airlines e diverse grandi compagnie straniere volano a Zagabria ogni giorno. Nel pieno della stagione turistica, il numero di voli aumenta.

linee ferroviarie. I treni collegano tutti i centri tranne Dubrovnik. Tipi di treni operanti in Croazia: EuroCity (EC), InterCity (IC), veloce (Ex), veloce (B) + linea locale.

Macchine. Le strade croate sono generalmente ben tenute e ben segnalate, quindi non aspettarti troppi problemi. Se viaggi in auto, ottieni sicuramente un livello di mobilità più elevato che un treno o un autobus non offrono. La direzione del movimento è a destra. Per entrare in Croazia sono necessari una carta assicurativa verde e una patente di guida valida. I pedaggi si pagano sia sulle autostrade che sui ponti.

Autobus, taxi, biciclette. La Croazia ha anche una rete nazionale di autobus ben sviluppata che porta ai luoghi più remoti lungo la costa. I taxi arrivano solo dai principali centri turistici. I turisti amano andare in bicicletta lungo la costa su percorsi appositamente predisposti.

Sempre più viaggiatori che prediligono la bellezza della natura scelgono questo paese, forse non è il più verde, ma ci sono angoli qui che sicuramente risveglieranno in te un senso di orgoglio per il nostro pianeta.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *