La vita in Egitto — la capitale, Il Cairo

историческое здание египет
07.07.2019 0 Comments

«Troppo non basta» è il motto della capitale egiziana, che offre una miscela unica di eredità faraonica, islamica e cristiana.

La vita al Cairo

Il Cairo non può essere descritto in una frase o in un’immagine. La città è un misto di insediamenti diversi perché ha sempre incluso l’ambiente. Pertanto, il nome arabo «El-Qahira», da cui deriva la parola occidentale «Cairo», è molto appropriato e significa il vincitore.

Ufficialmente la fondazione risale al 969 d.C., ma prima ce n’erano altre sui suoi edifici. Alcuni edifici, in particolare il quartiere cristiano-copto, testimoniano ancora quel segmento di vita.

Quando il Cairo divenne la capitale della dinastia islamica fatimide nel 973, crebbe da provincia a metropoli. Rimase a lungo il centro religioso e spirituale dell’impero, che si estendeva dal Marocco al Medio Oriente. Che si trattasse dei Fatimidi, poi dei Mamelucchi, dei Sultani o degli inglesi, francesi nel 19° secolo, il Cairo crebbe e crebbe.

Vivendo oggi in Egitto, il suo bacino di utenza ospita circa 20 milioni di persone. Luoghi come Giza erano lontani dalla metropoli, ora Il Cairo si estende ai piedi delle leggendarie piramidi. L’enorme crescita della popolazione e la conseguente carenza di alloggi determinano la vita quotidiana.

Artdeco sul Nilo

«Parigi lungo il Nilo» è il nome del centro della vita al Cairo. Ovunque guardi, gli edifici in stile europeo sono ovunque. C’è un po’ di moderno, art déco, neo-rococò: secondo il modello occidentale, il viceré Ismail Pasha ha modernizzato il centro nel XIX secolo. Gli architetti europei appositamente portati sono stati felicissimi. Ad oggi, lo stile di vita in Egitto è determinato dal comune.

Hotel internazionali, negozi e la maggior parte dei locali notturni si trovano qui. Lì puoi trovare il parlamento egiziano, molte ambasciate, così come l’opera, il leggendario museo egizio con una vasta collezione.

foto della moschea

La vita in Egitto: tradizione e fede

A est del centro si trova l’autogoverno, che dal 1979 fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. È qui che si riduce la vita tradizionale del Cairo. A causa dello spazio abitativo angusto e spesso disordinato, la vita si svolge per strada. I bambini giocano nelle strade strette, la gente del posto si siede nei caffè e gli uomini d’affari vendono i loro prodotti.

Il bazar Khan el Khalili è particolarmente vivace: i mercanti si radunano dal 14° secolo. La popolazione locale acquistava spezie, profumi, vestiti, ma oggi i turisti sono più interessati alla caccia di souvenir. L’antica capitale è nota soprattutto per le sue numerose magnifiche moschee. Di particolare importanza è «Al Azhar» con la sua sede universitaria. È considerato il centro religioso e spirituale dei sunniti e la massima autorità mondiale in materia religiosa.

Chi vuole sapere cosa è lecito secondo il Corano si rivolge a studiosi per pareri legali, le cosiddette fatwa. Anche i paesi europei si sono avvalsi di questo diritto, ad esempio, secondo la credenza, è ammessa la questione dello stordimento degli animali prima del metodo tradizionale di macellazione.

foto della chiesa

Cristiani del Cairo

Sul Nilo, chiese e monasteri testimoniano la storia cristiana dell’Egitto. Molti seguaci della Chiesa Cristiana Copta vivono ancora oggi nella zona. La tradizione cristiana della vita in Egitto è più antica di quella islamica. Solo con l’islamizzazione a metà del VII secolo perse la sua influenza. Oggi, dal cinque al dieci per cento circa della popolazione egiziana appartiene alla Chiesa copta. Suo padre Tavrados II vive al Cairo.

Gli Zabalin, o spazzini, che appartengono quasi esclusivamente alla fede cristiana, stanno attirando l’attenzione internazionale. Vivono tra i loro quartieri di spazzatura, raccogliendo e smistando i rifiuti vicino alla porta di casa. Le condizioni igieniche sono catastrofiche.

vive nella città dei morti

Mentre i musulmani di solito seppelliscono i loro morti nel terreno, principalmente i ricchi Kairan seguono la tradizione faraonica di costruire mausolei per i morti. Sono costituiti non solo da una camera funeraria, ma anche da diverse stanze dove puoi riflettere e rendere omaggio ai morti. Ma i mausolei dei cimiteri del Cairo sono diventati da tempo habitat. A causa della povertà e della mancanza di alloggi, centinaia di migliaia di residenti del Cairo vivono lì.

foto del Cairo

Spesso ai proprietari delle tombe viene pagato anche un piccolo affitto. L’amministrazione ha anche fatto i conti con le città morte. Alcuni di loro sono già forniti di acqua ed elettricità.

Quasi la metà del Cairo è costituita da queste o simili aree abitative informali, poiché gli alloggi formali sono rari e troppo costosi al Cairo. Un fiasco, soprattutto per le giovani coppie: un egiziano generalmente può sposarsi solo quando ha un appartamento tutto suo.