Una storia della musica dell’Africa occidentale

Закат в Африке
03.07.2019 0 Comments

L’Africa occidentale è considerata da molti la culla della musica nera moderna: blues, reggae e musica cubana. A causa della tratta degli schiavi verso l’America e i Caraibi, molti rappresentanti dei popoli africani, come gli Ashanti e gli Yoruba, furono deportati dalla costa occidentale del continente nel Nuovo Mondo. Lì stabilirono nuovi stili musicali che erano spesso basati su tradizioni tradizionali.

Tradizione Griot

La pietra angolare della musica dell’Africa occidentale è la tradizione Griot. Questa antica casta di musicisti e cantastorie svolge ancora un ruolo importante nella regione. Alla fine del XIX secolo, quando il regime coloniale francese ricostruì la società, i Griot divennero la corte permanente dei regni africani. Intrattenevano la nobiltà, cantavano lodi ai monarchi e conservavano la memoria storica delle dinastie nei loro canti epici.

Ad oggi, questo gruppo è supportato da un sistema di patrocinio. Dai loro patroni, a cui cantano lodi in segno di gratitudine, ricevono doni generosi come la proprietà di terreni, case o oro. Re, così come ricchi contadini, mercanti e marabutti, come sono conosciuti i santi islamici dell’Africa, un tempo servivano come patroni dei griot. Oggi sono anche al servizio di politici e uomini d’affari. Migliaia di elogi sono stati dedicati ai presidenti di Mali, Guinea, Gambia e Senegal.

Tuttavia, durante l’era coloniale, le mode musicali moderne sono emerse anche sotto la nuova élite borghese dell’Africa. Nuove orchestre di ballo hanno eseguito valzer, tanghi e chanson francesi basati sul modello europeo. Successivamente sono stati adattati jazz, rock ‘n’ roll e musica afro-cubana.

strumenti musicali

Anche prima della seconda guerra mondiale, la musica cubana divenne molto popolare nell’Africa occidentale. Dakar, una delle più grandi città portuali del continente, era la porta dei Caraibi. Fino ad oggi, vediamo come i ritmi cubani abbiano lasciato tracce profonde in tutta l’Africa occidentale. Ma anche i cori delle chiese, i conservatori di musica classica hanno influenzato la musica tradizionale.

Musica dell’Africa post-indipendenza

Dopo l’indipendenza della maggior parte dei paesi dell’Africa occidentale negli anni ’60, sono apparse molte nuove orchestre. Band degne di nota erano RailBand in Mali, BembeyaJazz in Guinea e OrchestraBaobab in Senegal. All’inizio questo si limitava a inviare nuovamente testi spagnoli da Cuba, ma gradualmente più canzoni furono pubblicate nelle lingue indigene Mandinka e Wolof.

L’Africa occidentale di oggi è divisa in circa 15 paesi: un blocco importante sono da una parte le ex colonie francesi del Mali, del Senegal, del Burkina Faso, del Togo, del Benin, della Costa d’Avorio. Dall’altra parte ci sono gli ex stati del Regno Unito, Nigeria, Gambia, Sierra Leone e Ghana. Ancora oggi, i legami tra questi paesi, ex potenze coloniali, sono piuttosto stretti, quindi la maggior parte dei musicisti dell’Africa occidentale si concentra su Londra o Parigi.

esibirsi sul palco

Strumenti musicali dell’Africa

Al di là dei confini coloniali, la cultura dell’Africa occidentale è definita dalle sue famiglie linguistiche. Il Mali ha una cultura Manding, ma il Senegal è dominato dal gruppo linguistico wolof.
La musica manding è rappresentata dalla kora, un’enorme arpa panciuta con 21-25 corde che irradia toni luminosi e scintillanti.

Il piccolo liuto ngoni, imparentato con il banjo americano, ha da tre a cinque corde. È anche interpretato da griot di altri gruppi etnici africani come Wolof, Fula, Tukolor. C’è anche il balafon, uno xilofono africano con 18-21 palissandro teso su una cornice di bambù.

Musica d’Africa — Ritorno alle origini

Negli anni ’70, l’Africa occidentale era dominata da un numero sempre maggiore di musicisti che conoscevano meglio le tradizioni locali. Questo ritorno al folklore è rafforzato dai regimi africani che vogliono rompere con il loro passato coloniale. Soprattutto in Mali, la musica tradizionale mandarina è promossa da ensemble statali, gruppi di balletto e orchestre nazionali. Lì, due cantanti della famosa «RailBand de Bamako», Mory Kanté, Salif Keita, sono diventati le voci più popolari del paese.

E in Senegal, il giovane Yussu N’Dour ha unito le complesse ritmiche di Tama, il cosiddetto «Talking Drum», con i complessi arrangiamenti del suo gruppo latino, un nuovo stile chiamato «Mbalax».

Strumenti africani

In Francia — per la qualità

A causa della mancanza di buone strutture di registrazione, negli anni ’80, le scene dell’Africa occidentale si trasferirono in città con studi adeguati: Abidjan, Dakar e infine Parigi. Quei musicisti che avevano già fatto carriera in Africa si stabilirono rapidamente in Francia.

Salif Keita e Yussu N’Dur arrivarono giusto in tempo per partecipare al primo boom della musica mondiale della fine degli anni ’80. E Mori Kante ha anche ottenuto un successo mondiale sul palco iniziale di Acid House nel 1988 con il suo spettacolo Yeké Yeké, che combinava una melodia tradizionale con un ritmo dance elettronico.