Gli indigeni della Nuova Zelanda: la tribù Maori

деревня Новой Зеландии
10.03.2019 0 Comments

I Polinesiani, costituendo una parte distintiva della cultura del paese, molti anni prima dell’insediamento di persone dalla pelle chiara, hanno protetto questa bellissima terra dagli attacchi degli stranieri. Oggi andremo nel luogo principale dove gli ospiti vengono ricevuti così spesso: il villaggio di Tamaki, situato nella pittoresca foresta di Rotorua. Qui puoi vedere antichi rituali, tradizioni e ascoltare affascinanti leggende.

La storia del popolo Maori inizia più di mille anni fa. Gli antenati lasciarono la loro patria hawaiana, andando alla ricerca di una nuova terra in canoa. Viaggiando attraverso il vasto oceano, credevano nelle tracce delle stelle e nel vento dominante.

Dopo essersi stabiliti in quella che oggi è la Nuova Zelanda, i Maori fiorirono per centinaia di anni fino alla colonizzazione europea alla fine del XVIII secolo. Vivendo come comunità familiari, i Maori svilupparono le proprie tradizioni, credenze culturali e rituali sacri.

foto della Nuova Zelanda

Prima di visitare il villaggio, familiarizza con le regole di base dei nativi della Nuova Zelanda. La persona responsabile dell’organizzazione dell’escursione attraverso il villaggio sarà appositamente selezionata per te, tuttavia l’incontro non sarà un civile, ma soldati che dimostreranno la danza un po’ inquietante e conflittuale dell’haka, che viene eseguita anche prima dei giochi di la nazionale di rugby.

Lo scopo del discorso è monitorare la reazione del visitatore, se il visitatore impugna un’arma: gli abitanti difenderanno il loro villaggio. La calma reazione dei turisti serve come segno di cordialità; in una situazione del genere, viene praticata la cerimonia di saluto honi: il tocco della fronte e del naso. Si crede che questa azione semplice e insolita confonda le anime delle persone. Dopo il rituale, puoi esplorare in sicurezza la zona.

foto Danza Maori

La prima cosa che sentirai, a parte il canto degli uccelli, è la musica degli indigeni della Nuova Zelanda. Le melodie sono divise in tante varianti, ogni evento ha la sua. Waiata aroha parla della perdita di una persona cara, Waiata tangi esprime tristezza associata alla malattia, vaita oriori — ninne nanne con parole su valori familiari, legami ereditari. Il canto di preghiera di Karakiya invita gli spiriti a proteggere e benedire i presenti a un evento importante.

I Maori rispettano la tradizione e sono molto gelosi dell’uso di una lingua antica senza permesso, come è successo con i giocattoli Bionicle nel 2011. La compagnia Lego ha dato ai guerrieri nomi dal vocabolario tribale — Tohunga (maori «sacerdote»), Pohatu (pietra ) e Venua (terra). Lunghe controversie hanno portato il produttore ad ammettere un uso illegale. Tuttavia, nel 2018 è stata notata una nuova violazione, i nativi della Nuova Zelanda hanno trovato su una delle figure una decorazione a forma di otto, progettata per simboleggiare la connessione tra le persone. Non è stata intrapresa alcuna azione legale.

Musica e canzoni non sono gli unici suoni piacevoli all’orecchio, le leggende trasmettono anche l’intero spettro della tradizione. La storia di Paike parla di un uomo che era odiato da suo fratello e ha cercato di ucciderlo affondando una canoa. Fortunatamente, c’era una balena nelle vicinanze, sulla sua schiena, Paikea raggiunse in sicurezza il promontorio orientale dell’isola.

Interessante anche la storia dell’origine della Via Lattea. Lo spirito guardiano Manuya portò lo squalo Manguro in alto nel cielo, a seguito del quale fu creato lo scintillio delle stelle di incredibile bellezza.

foto del cielo stellato

Qui sono sopravvissute varie forme d’arte, come i tatuaggi tradizionali, che vengono solitamente applicati prima delle azioni militari, la tessitura, le statuette in legno e le sculture in legno.

L’intaglio si riferisce a un rituale sacro, i Maori credono che la persona che crea tale bellezza sappia comunicare con gli dei. Durante il lavoro era severamente vietato avvicinarsi all’artigiano e i trucioli non venivano mai gettati via.

Dopo una breve passeggiata, vi offriremo un piatto profumato preparato secondo la tradizione dell’hange. Patate dolci e frutti di mare languino su pietre calde sepolte nel terreno per diverse ore. La festa è seguita da «Poroporoaki» — l’addio degli ospiti.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *