Nuova Zelanda: tradizioni del passato, feste moderne

фото приветствия
09.03.2019 0 Comments

La Nuova Zelanda è un paese popolato per l’80% da persone di origine europea e solo il 14% di loro sono indigeni Maori. C’è un livello di urbanizzazione molto alto qui, poiché l’85% dei neozelandesi vive nelle città. Questi fattori determinano lo stile di vita e le tradizioni della Nuova Zelanda, alcuni di essi non sono comprensibili per i turisti, mentre altri sono simili alle idee della società moderna.

danze rituali

Prima che gli europei occupassero l’isola, vivevano e vivono ancora qui le tribù Maori, che sono riuscite a preservare la loro cultura e a mettere ancora tatuaggi moco sui loro volti, ma in un modo leggermente diverso rispetto al passato. In precedenza, il disegno veniva creato con cicatrici, mentre ora viene utilizzato solo un colore speciale, senza questi motivi non viene eseguito un singolo rituale musicale.

danza rituale

Le melodie dei nativi isolani sono quasi sempre associate a una danza ritmica basata su movimenti stilizzati. Sfortunatamente, la stragrande maggioranza delle canzoni è stata dimenticata, ma il karanga e l’haka sono ancora conservati: il canto delle donne funge da rituale di saluto e l’haka è un avvertimento dello scoppio della guerra. La processione rituale Waju Tang è l’unica dimostrazione di tutte le danze del passato.

Tradizioni neozelandesi-powhiri

Quando visiti i Maori, devi partecipare a questa cerimonia di benvenuto. Povhiri di solito inizia con tre guerrieri che sfidano gli ospiti per vedere come reagiranno. Ospiti pacifici vengono scortati a casa da una donna kaikaranga, accompagnata da canti vayata e hongi.

Hongi-saluto

Da non confondere con l’hangi, che è un metodo di preparazione del cibo. Hongi è un saluto fisico, solitamente riservato alle occasioni speciali. Toccare la fronte e il naso simboleggia il trasferimento del «respiro della vita» da una persona all’altra.

hangi

È un modo di preparare il cibo per qualsiasi tipo di cibo. Vengono utilizzate pietre riscaldate interrate nel terreno, sopra il cibo viene posizionato e poi coperto con stuoie di lino, di solito viene posta prima la carne.

cucinare il cibo

Il futuro piatto viene preparato entro tre ore. Di norma vengono preparati piatti leggeri e i più popolari per la tavola festiva sono prosciutto bollito, pollo, tacchino alla griglia con patate e insalata; il vino è preferito tra le bevande alcoliche.

Roba kiwi

Una vera e propria collezione di cimeli: il libro di cucina di Edmonds, che ha insegnato ai giovani neozelandesi come cucinare per generazioni, il classico giocattolo Buzzy Bee, conchiglie paua e figurine di legno intagliato. Tutta la popolazione menzionata custodisce e protegge sacramente perché cerca di preservare la tradizione fin dall’inizio del suo arrivo sull’isola.

Giornata degli stivali di gomma

Taihape è una piccola città nel centro dell’Isola del Nord. Ogni anno, dal 1985, la comunità celebra il Rubber Boot Day, un divertente festival per famiglie che include il famoso torneo di lancio degli stivali di gomma della città. Il festival cult si svolge il secondo giorno dopo Pasqua e il suo obiettivo è battere il record mondiale per il lancio più lungo.

foto del premio

carnevale di cioccolato

La Nuova Zelanda, la cui tradizione non è accettata da tutti, è nota anche per il suo festival dedicato al cioccolato. La festa si tiene ogni anno in Baldwin Street a Dunedin, l’inizio dei dolci festeggiamenti è segnato dallo stampaggio di palline di Jaffa di cioccolato all’arancia, che verranno poi percorse, ad alta velocità per lui, lungo un ripido tratto di strada.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *