Cucina islandese: cosa viene cucinato nella terra del ghiaccio

что едят в исландии
01.08.2019 0 Comments

L’Islanda è chiamata la terra del ghiaccio e del fuoco. Vulcani, geyser caldi da un lato e ghiacciai dall’altro creano paesaggi unici, quasi fantastici. La gente del posto scherza: «Se vuoi vedere la luna, vieni da noi in Islanda». Guardando questi paesaggi incredibilmente belli, ma freddi e quasi senza vita, è difficile immaginare che le persone si siano stabilite qui in tempi antichi e questa terra aspra potrebbe nutrirle.

Quando si parla di cucina, gli islandesi, utilizzando tutti gli edibili che la natura offre loro, hanno creato ricette nazionali che non si possono definire eccellenti e diverse. Ma grazie a chef di talento che combinano ingredienti diversi, la cucina islandese è popolare tra i turisti in quanto originale ed esotica.

L’isola si trova nell’Oceano Atlantico settentrionale ed è piuttosto giovane rispetto ad altri paesi europei. La comparsa di persone in queste zone risale al IX secolo.

A causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli, oltre che di una piccola percentuale di seminativi, la densità di popolazione non è mai stata troppo elevata. Attualmente, ci sono fino a 3 persone per 1 chilometro quadrato.

Tutte le città, la capitale dello stato Reykjavik e le aree agricole si trovano lungo la costa, perché qui c’è il clima di vita più favorevole per l’agricoltura. Più della metà del territorio è occupata da terreno arido, quindi gli islandesi non cucinano molto. Il resto è occupato da aree vulcaniche, pascoli, terreni agricoli, ghiacciai.

Vulcani e geyser

I ghiacciai occupano circa l’11% del territorio. Ecco perché l’Islanda è chiamata la «terra del ghiaccio». È associato non solo al freddo, ma anche al contrario: fuoco, calore.

Vulcani e geyser - "fornaci" locali in Islanda

Il paese è famoso per i suoi vulcani, di cui esistono 140 tipi diversi: terrestri, sottomarini, subglaciali, attivi, dormienti, estinti. 35 vulcani sopra e intorno all’isola sono considerati attivi. L’aumento della sismicità è spiegato dalla posizione del paese all’incrocio di due placche litosferiche, nordamericana ed eurasiatica. Il vulcano più grande è Hekla, che ha eruttato l’ultima volta nel 2010.

Un’attrazione unica dell’Islanda è la Valle dei Geyser, sorgenti termali che emettono fontane di acqua calda a diverse altezze, da 2 a 40 m, situate a 100 km dalla capitale del paese. I geyser, le principali fonti di energia geotermica, con cui gli islandesi riscaldano l’85% delle loro case, riscaldano numerose serre.

Cucina islandese: le basi

Clima rigido con bruschi cambiamenti climatici, soprattutto in inverno, che limitano la possibilità di coltivare colture rurali e bestiame. Pertanto, la selezione dei prodotti da cui vengono preparati in Islanda non è molto varia. La cucina islandese è tipicamente settentrionale: laconica, semplice.

I cibi tradizionali dell’epoca dei primi insediamenti sull’isola sono il pesce, l’agnello, i latticini, i cereali. Il posto principale nell’economia del paese è occupato dalla pesca, questa industria dà lavoro alla maggior parte della popolazione, quindi il pesce viene sempre mangiato qui.

foto di pesce

I più applicabili in cucina sono il merluzzo, l’aringa, i gamberi, le capesante. Il pesce viene bollito, cotto al forno, salato, essiccato, essiccato, in salamoia. I piatti di pesce hanno il nome comune «torramatur». Si tratta di salmone in salamoia con aneto «gravlax», aringhe in salamoia con spezie «sigillate», diversi tipi di «saltfiskur salati», lingue di merluzzo bollite «Gellur», merluzzo essiccato o essiccato o «hardfiskur». La ricetta più esotica è l’haukarl, carne di squalo marcia dall’aroma caratteristico. Gli europei hanno bisogno di molto coraggio per assaggiarlo.

Piatti islandesi — un’isola esotica

L’agnello o l’agnello viene solitamente cucinato in questo paese. Le ricette non sono cambiate dai tempi dei Vichinghi. Un piatto insolito si chiama «svid» — testa di agnello bollita. Slatur: sanguinaccio o budino a base di interiora di pecora, sangue, sego. L’hangikyot, carne affumicata di agnello giovane, è considerato un piatto festivo tra gli islandesi.

In precedenza, una fonte di proteine ​​popolare e piuttosto insolita era la carne di pulcinella di mare, un uccello con fiocchi rossi, in qualche modo simile ai piccioni. Oggi è una prelibatezza rara e costosa, i turisti preferiscono ammirare questi buffi uccelli piuttosto che mangiarli, anche se quando si chiedono cosa provare in Islanda, i viaggiatori devono semplicemente ordinarli in un bar locale.

Le importazioni di carne e animali da allevamento in Islanda sono estremamente limitate e attentamente controllate per evitare l’introduzione di infezioni nell’isola isolata.

Cucina Vulcanica

Il clou della cucina islandese è il popolarissimo pane «vulcanico». L’impasto viene preparato con farina di segale e frumento, posta in un contenitore di metallo, lasciando gli strati superiori del terreno riscaldati dal calore vulcanico per 10-12 ore. Il dessert è «skyr», una bevanda a base di latte fermentato simile allo yogurt. Si mangia con farina d’avena, miele e frutti di bosco.

Pane: una ricetta dal vulcano

A causa delle particolarità del clima, la frutta e la verdura sulle tavole degli islandesi non erano molto utilizzate in cucina prima. Ora vengono coltivate tutto l’anno in serre geotermiche, così gli islandesi possono godere del grande gusto della verdura. Alcuni agricoltori coltivano frutti esotici come le banane.

Visitando l’Islanda, ammirando i paesaggi unici dell’isola, assaggiando la cucina islandese, conoscendo la vita e la vita quotidiana dei residenti locali, tutti riceveranno molte impressioni indimenticabili e qualcuno vorrà sicuramente visitare di nuovo qui.