Vacanze spagnole tradizionali in estate

бег с быками
22.05.2019 0 Comments

I festival descritti sono probabilmente i più famosi tra i tanti turisti che visitano la Spagna. Sono la garanzia di una vacanza indimenticabile, interessante ed emozionante. Ma soprattutto, offrono l’opportunità di conoscere la ricca cultura della Spagna, di sentire il caldo clima meridionale della tradizione spagnola.

Uno degli esempi più originali della tradizione locale spagnola è la Sagra del Pomodoro dedicata all’estate in uscita — Tomatina . Si svolge nella città di Buñol, vicino a Valencia. Questa città è normale, non c’è niente di speciale. Solo una volta all’anno, a fine agosto, diventa il centro delle rotte turistiche più trafficate, perché qui si svolge la battaglia del pomodoro.

Un’altra tradizione spagnola altrettanto famosa è la  Feria de Agosto, che si celebra la seconda settimana di agosto a Malaga (Andalusia) e dura otto giorni. La sua storia inizia con la fiera annuale che si tiene in città.

Un’altra famosa festa spagnola si celebra a Bilbao, la città più grande dei Paesi Baschi. Si chiama Aste Nagusya, che in basco significa «Grande Settimana». Si tiene ogni anno, nella seconda metà di agosto, dal 1978.

E dura nove giorni, un evento violento e colorato per grandi e piccini. Il programma prevede vari concorsi, tornei, fiere, spettacoli teatrali, giochi per bambini, spettacoli di artisti spagnoli e stranieri e fuochi d’artificio nella tradizionale competizione pirotecnica ogni sera. I piatti di mare alla griglia sono assolutamente da provare. Il simbolo della festa è una grande bambola Marihaya con le braccia alzate.

foto spagnola

La corrida de Toros, la lotta rituale dei tori, è parte integrante della tradizione spagnola. Si tiene in molte città della Spagna quasi tutto l’anno. All’inizio era popolare solo tra l’aristocrazia. Nel tempo, sono diventati accessibili ai giovani dalla gente. Oggi allo spettacolo si associano emozioni forti e indimenticabili. Alcuni considerano il combattimento una forma d’arte che combina musica, coreografia e costumi. Altri criticano, sostenendo che i combattimenti equivalgono a torture sugli animali.

La festa di San Fermin è conosciuta soprattutto in Spagna e nel mondo per le corride che si celebrano ogni anno a Pamplona, ​​capoluogo della provincia di Navarra, dal 6 al 14 luglio. Ha guadagnato fama fuori dalla Spagna grazie al libro «The Sun Rises» di Ernest Hemingway, pubblicato nel 1926.

Sebbene gli spettacoli principali siano i festosi combattimenti notturni nell’arena, molti spagnoli e turisti stranieri vengono a Pamplona per assistere o partecipare alla corsa mattutina dei tori, la cosiddetta corsa.

La corsa inizia alle 8 del mattino e dura circa 4 minuti. Attraversa un percorso pre-programmato e protetto in modo affidabile, lungo 848 metri. Gli animali vengono rilasciati nel recinto e corrono da Santo Domingo all’arena, dove si svolgerà una tradizionale corrida fino a tarda notte accompagnati da una folla di amanti del brivido. Molti uomini corrono con i tori in eleganti abiti baschi: camicia bianca, pantaloni bianchi, cintura rossa e sciarpa. Come sai, vince il più forte.

Naturalmente, la tradizione delle vacanze in Spagna in estate si vede meglio con i propri occhi. Ora che ne sai qualcosa in più su di loro, tutto ciò che devi fare è visitare il paese e riprenderti molte impressioni positive.