Vino rosso secco Chianti — un regalo dalla Toscana

виноград на фото
10.08.2019 0 Comments

Il più famoso vino italiano Chianti è secco, rosso scuro, di colore quasi rubino, con sentori di profumo di viola. Il suo nome deriva simbolicamente dalle colline del Chianti, una zona tra Siena, Arezzo e Firenze, situata nel cuore della Toscana.

Già nel IX secolo aC gli Etruschi, provenienti dal Medio Oriente, iniziarono a coltivare l’uva, elevando il succo d’uva qui prodotto al rango di bevanda ufficiale. I modi di utilizzare il vino nelle cerimonie religiose e secolari sono molteplici, grazie ai coloratissimi affreschi sulle pareti delle tombe, oltre a vari oggetti usati durante le sepolture.

Si può presumere che gli Etruschi adorassero il dio del vino, ogni festa iniziava e terminava in modo simile: versavano il contenuto del bicchiere per terra o accendevano un fuoco sull’altare e quindi sacrificavano al loro dio. Questo è probabilmente il motivo per cui l’arte di fare il vino non è stata trasferita ai Romani dagli Etruschi, ma la produzione è rimasta a un livello limitato.

Tale stato rimase fino al Medioevo, fino all’inizio della coltivazione e produzione di massa del vino, l’importanza del vino nella vita di tutti i giorni crebbe sempre di più. Ciò era dovuto principalmente al suo valore nutritivo e il riconoscimento era così diffuso che la bevanda veniva spesso utilizzata negli accordi commerciali o nei trattati di pace tra potenze opposte.

come qualità, nessun vigneto ha cominciato a crescere in tutta la regione, e la vite è coltivata anche all’interno delle mura cittadine di Siena o Firenze. Le strade portano il suo nome: Vinska Street, Stare Loze Street. Il prestigio del vino crebbe tanto che papa Bonifacio VIII lo definì il quinto elemento insieme ad acqua, terra, aria e fuoco.

Poiché la viticoltura portava maggiori benefici finanziari, molti produttori di vino pubblicizzavano i loro vini come provenienti solo dal Chianti. Intorno al XIII e XIV secolo, tre borghi, Castellina, Radda e Gaiole, fondarono la Lega del Chianti Titulo, il cui obiettivo era tutelare la qualità del vino Chianti.

Lo stemma della lega era l’immagine di un gallo nero su sfondo giallo. Il vino Chianti divenne ancora più popolare durante il regno dei Medici a Firenze. Artisti del primo Rinascimento come Paolo Uccello, Benozzo Gozzoli e Domenico Ghirlandaio dipinsero nature morte in cui il vino occupava il posto d’onore in primo piano. Il culto della bevanda fu rafforzato da poeti e scrittori, che dedicarono le loro poesie e versi alla bevanda di Bacco, che viaggiò in Toscana.

Il segreto del gusto del vino Chianti sta nel diverso blend di vitigni, chiari e scuri, in proporzioni adeguate. Per raggiungere il suo pieno aroma, la bevanda deve essere nascosta in cantina per almeno due anni, di cui diversi mesi in bottiglia.

Per la prima volta questo metodo è stato applicato nell’Ottocento dal barone Ricasoli, colui che sta alla base dell’odierna ricetta per la produzione del vino rosso Chianti secco, che recentemente ha guadagnato fama mondiale. Oggi il simbolo di un gallo nero adorna il collo di una bottiglia di vino nato sulle colline toscane, garantendone così la qualità.

Dovresti sapere che se il liquido è contrassegnato dalla lettera «G», significa che hai in mano una bottiglia di vino di altissima qualità (dalla parola italiana «Garantita» — «garantito»). Inoltre, i nomi dei vini Chianti indicano la loro provenienza: «Classico» — dai vigneti intorno a Firenze e Siena, «Colli Arentini» — dall’aretino, «Colli Fiorentini» — dal territorio fiorentino, «Colli Fiorentini» — dal fiorentino, Scritto Colli — non lontano da Pisa.

Infine, impossibile non citare alcuni personaggi famosi su questa nobile bevanda:

«Il vino è la bevanda più potente, la medicina più gustosa e il piatto più piacevole.» -Plutarco (ca. 125 dC). «Se Dio non ha proibito di bere vino, è bene» — Armand Richelieu (1585 — 1642). «Il vino è una prova costante che Dio ci ama e vuole vederci felici». — Benjamin Franklin (1706 — 1790).